La Carta dei diritti dei bambini in ospedale

La Carta dei diritti dei bambini in ospedale

Un’app per insegnare ai piccoli pazienti la Carta dei diritti dei bambini in ospedale: l’iniziativa lanciata da A.o.p.i in collaborazione con l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

A cura della Redazione

Si chiamano Tommy e Ollie i simpatici personaggi protagonisti della app in realtà aumentata che guiderà bambini e ragazzi alla scoperta della Carta dei diritti del bambino in ospedale, un documento che rappresenta una vera e propria pietra miliare per la pediatria e che è importante rilanciare con forza.
Attraverso il gioco, e con un linguaggio semplice e accattivante, i piccoli pazienti prenderanno consapevolezza dei loro diritti, durante il periodo delicato della malattia e del ricovero. Il testo della Carta originale è stato riscritto per l’occasione dalla Consulta delle ragazze e dei ragazzi dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, un gruppo di giovani dai 13 ai 17 anni, in modo da essere facilmente comprensibile per bambini e adolescenti.

L’applicazione, pensata per tutti gli smartphone, viene lanciata oggi da Aopi, Associazione ospedali pediatrici italiani e dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia).

Da oggi, in ognuna delle strutture che fanno parte di questa rete nazionale, saranno disponibili coloratissime brochure per spiegare ai bambini tutti i principi contenuti nella Carta che li vede protagonisti.
Cliccando sul Qr Code presente su ogni opuscolo, sarà possibile scaricare la app che consentirà una visita guidata da Tommy e Ollie attraverso i diritti dei bambini in ospedale.
Lo stesso codice sarà ben visibile su grandi totem posti in punti strategici degli ospedali frequentati dai piccoli e dalle loro famiglie e sarà disponibile sugli store IOS e Android. Inquadrando il singolo articolo i due personaggi prendono vita nello schermo per illustrare ai bambini il contenuto di ogni diritto. Un’azione di promozione e sensibilizzazione fondamentale soprattutto in un momento delicato quale è quello della pandemia.

La Carta dei diritti può essere finalmente letta anche con gli occhi di un bambino – commenta la Garante nazionale Carla GarlattiGrazie infatti alla app Tommy e Ollie e alla traduzione compiuta da ragazzi per ragazzi, il documento è ora visibile da una prospettiva rovesciata: quella dei piccoli pazienti, che possono così prendere consapevolezza dei loro diritti in ospedale. È un ulteriore passo che compiamo insieme ad Aopi affinché quei principi trovino concreta attuazione. E sarà importante registrare le risposte che arriveranno nel tempo dal questionario incluso nella app e rivolto ai giovani utilizzatori”.

La pandemia e la necessità di regole più stringenti per garantire la sicurezza degli ospedali – spiega Alberto Zanobini, presidente di Aopi – rischiano di compromettere alcune delle preziose conquiste che abbiamo raggiunto in questi anni sul fronte dei diritti dei piccoli pazienti. Oggi più che mai, quindi, dobbiamo ribadire l’importanza di questi principi e lavorare in sinergia per garantirli a tutti i bambini”.

Aopi è un’associazione che da oltre quindici anni riunisce i cinque ospedali pediatrici più avanzati a livello nazionale, i maggiori dipartimenti pediatrici italiani, oltre ai presidi ospedalieri pediatrici presenti all’interno di policlinici.
La missione di Aopi è quella di sostenere le iniziative degli ospedali pediatrici volte a migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria erogata a bambini e adolescenti, portando avanti una battaglia per i diritti dei più piccoli e le loro specifiche esigenze.

La Carta dei diritti dei bambini in ospedale.

Il ricovero in ospedale rappresenta per il bambino una brusca, e spesso dolorosa, interruzione della vita quotidiana. Alla sofferenza provocata dalla malattia, si aggiunge il disagio per lo stravolgimento di abitudini e punti di riferimento. Da tempo, gli studi scientifici hanno evidenziato l’importanza di garantire ai piccoli pazienti tutta una serie di attenzioni che permettano loro di vivere nel modo più sereno possibile una condizione già difficile.
Nel 1988, a Leida, fu redatta la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale, un punto di riferimento ormai imprescindibile per chi è chiamato a curare i più piccoli.
Ora Aopi si impegna a far conoscere in modo sempre più capillare i diritti enunciati dalla Carta e a garantirli a tutti i bambini e i ragazzi che fruiscono delle prestazioni sanitarie erogate, senza alcuna distinzione.

Aderiscono alla rete Aopi l’I.R.C.C.S. Istituto Giannina Gaslini di Genova, l’I.R.C.C.S. Ospedale Bambino Gesù di Roma, l’I.R.C.C.S. Istituto per l’Infanzia Burlo Garofolo di Trieste, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer di Firenze, l’Azienda Ospedaliera Santobono Pausilipon di Napoli, il Presidio pediatrico Regina Margherita A.O.U. Città della Salute di Torino, il Presidio Ospedaliero Salesi A.O.U. Umberto I Salesi Lancisi di Ancona, il Presidio pediatrico Ospedale dei Bambini A.S.S.T. Spedali Civili di Brescia, il Presidio pediatrico Di Cristina ARNAS Civico di Cristina Benfratelli di Palermo, il Presidio pediatrico Giovanni XXIII A.O. Policlinico di Bari, il Presidio pediatrico Ospedale infantile Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria, il Dipartimento Mamma-Bambino A.O. di Padova, il Dipartimento pediatrico A.O. Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna, il Dipartimento materno infantile A.O.G. Martino di Messina, il Dipartimento materno infantile A.S.S.T. Sette Laghi di Varese.

https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2021/03/opuscolo-carta-dei-diritti-del-bambino-in-ospedale-AOPI.pdf

Archivio Magazine

Indice

News: ultimi articoli

Cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 24 settembre 2021, a Castellana Grotte, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola

Pubblicato in

A cura della Redazione
Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola

La polvere sotto al tappeto. Il dibattito pubblico sulle droghe tra evidenze scientifiche e ipocrisie

Pubblicato in

Anna Paola Lacatena
con contributi di Filippo Ceccarelli, Francesca Comencini, Giancarlo De Cataldo, Kento, Antonio Nicaso, Nina Zilli
Carocci Editore, Roma, marzo 2021

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

L’Uomo delle Genti

Pubblicato in

A cura della Redazione
L’album rappresenta un omaggio al Santo Patrono di Bari nonché un tributo alla Festa patronale del capoluogo pugliese

Sessismo (linguistico e non)

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il libro di Stefania Cavagnoli e Francesca Dragotto.
Una riflessione sulla parola sessismo e su molti aspetti ad esso collegati, a partire dal ruolo del linguaggio e della lingua nella rappresentazione cognitiva del mondo

Quale scuola dopo il Covid

Pubblicato in

A cura della Redazione (con la compartecipazione della nostra mediapartner…

I diritti in classe

Pubblicato in

Francesco di Molfetta D’Attolico e tutta la 1^ B del Liceo scientifico “E. Fermi” di Bari
Gli studenti hanno invitato due Avvocati in classe per farsi spiegare come lo Stato Italiano garantisce i diritti delle cittadine e dei cittadini e, in particolare, dei minori con e senza disabilità

Il 30° anniversario della ratifica della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Pubblicato in

A cura della Redazione
È una responsabilità che impone a istituzioni, comunità e genitori di assicurare un futuro a bambini e ragazzi attraverso la tutela dei loro diritti: quelli alla salute, al gioco, all’istruzione, alla socialità, alla sicurezza e alla partecipazione nelle scelte che li riguardano

Clausura liberatoria

Pubblicato in

Massimiliano Viola
Il romanzo di Cinzia De Marzo è un atto di resilienza con il quale l’autrice restituisce al lettore la dimensione reale della quotidianità vissuta e trascorsa assieme al figlio

L’amor che move il sole e l’altre stelle

Pubblicato in

Enzo Varricchio Pubblichiamo in esclusiva un’anticipazione della prolusione di Enzo Varricchio alla Lectura Dantis “L’amor che move il sole e l’altre stelle”, in programma a Giovinazzo sabato 26 marzo 2021 in diretta dalle ore 19.00 su Antenna Sud Canale 194 e in streaming sulla pagina Fb di Culturaly.