Dalla parte delle istituzioni

Dalla parte delle istituzioni

di Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)

Che prova hanno dato le Istituzioni pubbliche al tempo del Sars-Cov2, la pandemia da coronavirus che ha messo in ginocchio società, economie, sistemi produttivi nel primo semestre nefasto del 2020?

La risposta non è affatto incoraggiante.

Già la scoperta dell’inesistenza di un piano aggiornato per fronteggiare un’emergenza sanitaria di questa portata, a livello nazionale e nelle sue articolazioni locali, indica che è mancata la base di ogni minima politica sanitaria.
Un piano avrebbe dovuto definire una sequenza ordinata di azioni e interventi, un coordinamento tra i diversi livelli di governo: nel passato la pianificazione era parola chiave, ora al massimo indica documenti cartacei magari creati con tecnica di copia-incolla.
E’ stata tardiva la consapevolezza dell’esigenza di una copertura legislativa di divieti e prescrizioni con pesante incidenza e compressione quasi al minimo sostenibile di diritti di libertà, civile e economica.

Una improvvida riforma del Titolo V della Costituzione, a suo tempo attuata senza una visione di prospettiva, ha contribuito a creare le condizioni di uno “scoordinamento” tra Stato, Regioni e Enti locali, che nulla ha a che vedere con l’idea e i valori della sussidiarietà e che, nel concreto, ha alimentato protagonismi superficiali.
Il principio di “leale collaborazione istituzionale” è rimasto, una volta di più, declamazione verbale e non modo consustanziale di esercizio dei poteri ai diversi livelli di governo.

La lezione della pandemia consegna un paesaggio istituzionale disarmonico, pieno di crepe, e proprio nel momento in cui è più forte il bisogno di un progetto di profonda ristrutturazione della “casa Italia”.

Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate, soprattutto tra gli anni novanta del secolo scorso e il primo decennio di quello attuale, non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione.
Sono state semmai aggiunte e raggiunte sacche inestricate di conflitti e sovrapposizione di competenze e centri decisionali.

I punti nevralgici di un disegno riformatore sono chiari: scuola e università, territorio, ambiente, energia, sanità, pubblica amministrazione, giustizia.

Il paese è una ecosfera istituzionale in cui ogni componente reagisce alle carenze dell’altra: senza una scuola e un’università serie, che sappiano costruire competenze e autentica cultura (e quindi anche uno spirito pubblico di base) non si può dare una politica adeguata, sede di confronto reale e sintesi, con forme di partecipazione reali, e quindi la formulazione di una visione dello sviluppo del territorio, rispettoso di ambiente e salute, con riduzione dei conflitti e adeguamento delle risposte giudiziarie.
Se non si riparte da queste elementari esigenze non vi sono “stati generali”, tavoli tecnici, task force che possano cambiare lo stato delle cose.

Il tempo è una variabile indipendente, e scorre verso un futuro più incerto e declinante.

Image credit: PIRO4D da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse

Instituere – il Patto

Pubblicato in |||

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore