snow-g9a0f75a5c_1280

È di nuovo Natale

di Anna Losurdo

Negli ultimi due anni, la pandemia, le restrizioni, il distanziamento ci hanno costretti a trascorrere le feste natalizie in modo alternativo, confidando di poter passare, quest’anno un Natale migliore.

Non avevamo fatto i conti con la guerra. Una nuova. Più vicina.
Le altre cinquantotto, infatti, ce le siamo dimenticate.

Molti hanno rotto con la tradizione e hanno trovato modi nuovi di festeggiare.
Altri hanno scardinato dinamiche natalizie ritenute immodificabili.
Alcuni hanno patito il non potersi incontrare ma per qualcun altro è stato liberatorio.
Altri ancora non hanno festeggiato affatto.

A Natale, lo sappiamo, il mito della famiglia riunita ritorna preponente ogni anno.
Nonostante costituisca molto spesso un fattore rilevante di stress e richieda l’elaborazione di exit strategy di vario genere.
Ritrovarsi non sempre è semplice; altrettanto non lo è evitare domande scomode e inopportune che rischiano di tradursi in scontri frontali se la conversazione non viene interrotta prima di scaldarsi troppo.

Bisogna ammettere che i cellulari hanno fatto la propria parte.
Ci aggiriamo per le strade, nei giorni precedenti, parlando al telefono invece di fermarci a chiacchierare con chi si incontra. Telefoniamo e inviamo messaggi a chi è lontano per scambiarci gli auguri, invece di indugiare nell’abbraccio di chi ci è accanto.

Ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi…

Il tempo dell’attesa è ancora appannaggio dei bambini (di molti ma non di tutti e non sempre per scelta). Arduo, per noi adulti, reimparare ad apprezzare i momenti quasi sospesi e senza tempo che precedono qualcosa che desideriamo. Ancor più nella densità frenetica dei giorni precedenti il Natale, durante i quali alle abituali incombenze se ne aggiungono altre contingenti.

Invero il Natale è la festa dell’assenza e non di chi partecipa.
E per quanto possiamo impegnarci nel tenere a mente tutto il male patito altrove nel mondo, esattamente in quelle stesse ore in cui celebriamo il nostro rito annuale, non ne saremo mai partecipi.
Non sentiamoci in colpa. Il dolore degli altri è sempre lontano, per quanto possiamo farcene carico.
Proviamo solo a essere almeno un po’ sinceri, almeno con noi stessi.
Cerchiamo di essere parchi: un po’ di sobrietà non guasta di questi tempi.

Dalle origini della storia umana cerchiamo un senso per la nostra esistenza. E non lo cerchiamo certo quando siamo felici. Abbiamo bisogno di costruirne uno in vista della morte, che è l’implosione di ogni senso.
Non per niente le nostre feste religiose si sono sovrapposte, sostituendole, a ben più remoti rituali. Festeggiamo la luce, nella oscurità dei mesi più bui dell’anno.
Difficile trovarlo in questi giorni, sulle nostre tavole, sotto i nostri alberi addobbati o tra le statuine dei nostri presepi. Quel senso siamo noi e il nostro modo di stare al mondo.
È di nuovo Natale. E lo sarà ancora. Se sarà nuovo dipenderà da noi.

Credits: Gerd Altmann da Pixabay

Di Anna Losurdo, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante