La parola è un'opera d'arte

La parola è un’opera d’arte

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano – Presidente Fronteverso Network)

Non lo vedevamo da tempo. Non lo ricordavamo più, ma sarà mai esistito? Certo che si, ma era così lontano il ricordo. Però oggi è arrivato. Il sole è tornato a Milano. Dopo più di un mese niente pioggia, buio, pozzanghere e ombrelli. Oggi abbiamo sgranato occhi, spalancato porte, finestre e balconi. I soffitti alti ci sono sembrati il cielo e uscendo di casa e ci è parso di entrare nel finale di Blade Runner, fuori dal buio, dalla pioggia, verso la luce.

Emozioni, pensieri, immagini, suoni, sotto forma di parole. Le parole ci accompagnano. Silenziosamente anche quando siamo soli. “Io non sono mai sola, sono sempre in buona compagnia. La mia.” dice Violet Crown in Downton Abbey.

Anche la stratosferica Violet, alias Maggie Smith, con un pensiero affilato, una sintassi limpida, con poche parole racchiuse in frasi brevi e fulminanti, non sfugge alla regola. Anzi ne è splendida espressione artistica.

I miei oggetti nascono dalla parole” ha dichiarato Alessandro Mendini, noto designer internazionale.

Potere della parola: opera pubblica e opera d’arte. Bene comune, base per riflessioni e decisioni partecipate e democratiche, volte al “convincimento” e non alla “persuasione” e opera d’arte, bussola e rotta verso grazia e bellezza, ma anche magia, trasformazione e liberazione: “Ho visto un angelo nel marmo e ho scolpito fino a liberarlo” scriveva Michelangelo.

Scolpire parole, sceglierle con cura, dipingerle al meglio: non è questo che facciamo quando abbiamo amore, cura e premura? Leggiamo remote poesie che, potremmo giurare, sembra siano state scritte proprio per noi. Ascoltiamo parole che rovinano incontri, feste, progetti. “Scendi il cane”, “Sali il bambino” è prosa sgraziata, prima che errata.

Quando che è festa è festa” ripetevano, nella bellezza inespressa di emozioni che non trovavano parole, due ragazzi arruffati, qualche decennio fa, su un treno che dalla Sicilia tornava in Germania dopo le vacanze di Pasqua.
Era il massimo del discorso ma la frase riecheggia ancor oggi bellissima.

Di recente in una intervista trasmessa da Rai 5 Renzo Piano, riprendendo la citazione di F. Dostoevskijla bellezza ci salverà”, ha dichiarato: “vivo per la bellezza”.
C’è qualcuno che non ricordi gli attimi in cui c’è stato il prima e il dopo, il senso di meraviglia di fronte a un’immagine, una musica, un oggetto, una parola?
Tra le tante definizioni di bellezza e di arte la più vivida è forse quella che Sant’Agostino riservò alla definizione del “tempo”: “se nessuno me ne chiede, lo so bene: ma se volessi darne una spiegazione a chi me ne chiede non lo so…

Cosa c’è dunque di intimo e connesso tra Violet e i due ragazzi? C’è che la comunicazione è un’opera d’arte ma la prima ne ha padronanza totale, ha parole per pensare, sa come disegnarle, con quale nuance colorarle e dove inviarle, pregustando l’effetto che fa. I ragazzi lavorano a mani nude, muti, con emozioni che, da sole, non possono scolpire il marmo e tornano loro addosso inespresse. E di essi non si conoscono i nomi.

Cosa c’è di intimo e connesso tra l’imminente avvio del ciclo di incontri – anch’esso promosso da FronteVerso, OraLegale, Ordine Giornalisti Lombardia ed Eticrea– su “La parola è un opera d’arte” dopo il ciclo su “La parola è un’opera pubblica” in partnership anche con PACTA dei Teatri Milano?

C’è che la comunicazione è un’opera pubblica e un’opera d’arte. E di ciò che ci sta a cuore, “il buono, il bello e l’utile”, oggi le luci dei riflettori illuminano il bello dopo aver avuto in primo piano la comunicazione responsabile, etica e funzionale, del “buono” e dell’”utile”.

Etica, estetica, funzionalità, si cedono il passo e si fanno luce a vicenda. Da qui il sottotitolo dell’incontro del 29 novembre prossimo: “Il potere della parola tra illusionismo, grazia, consenso e responsabilità”.
Il tutto con le consuete esplorazioni interdisciplinari, presso la grande Sala, non a caso circolare, della Fondazione Ambrosianeum a Milano, proseguendo di necessità, nell’alluvione di parole irrispettose, negative e violente, verso la luce di relazioni di rispetto, confronto, grazia e misura.

La parola è un’opera d’arte
Il potere della parola
tra illusionismo, grazia, consenso e responsabilità
Milano, 29 Novembre 2019

Photo credit : Michael Gaida da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola

Ho visto un film

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…