Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)

Tra la fine dell’800 e gli inizi del 900, quando diventò pressante il tema dell’allargamento del suffragio elettorale in Italia non mancava chi, come l’autorevole giurista Gaetano Mosca, nel pieno di quel dibattito politico-istituzionale, si interrogava sulle ragioni dell’estensione del diritto di voto alle donne. E sosteneva che vi sarebbe sempre stato un padre, un marito o un fratello che avrebbe potuto esprimere anche l’opinione politica di qualsiasi donna.

Agli inizi del nuovo secolo si fece sempre più pressante la consapevolezza che le strutture “elitarie” dello Stato liberale sarebbero state travolte dall’avvento delle masse. Così, nel 1906, un corposo gruppo di donne, in varie città d’Italia, si iscrisse nelle liste elettorali, ma anche questo tentativo tramontò a fronte delle pronunce dei Tribunali aditi sulla questione.

Ancora una volta, Gaetano Mosca ebbe a criticare questa iniziativa, sostenendo che la mancanza di divieto esplicito non poteva valere come possibilità di votare. Ma soprattutto rilevava che la richiesta di partecipazione politica non poteva coincidere con il mancato rispetto del principio della separazione dei poteri.

Ovvero, solo il legislatore avrebbe potuto estendere alle donne il suffragio, non già i giudici.

Così, la legge 30 giugno 1912, n. 666 introdusse il suffragio universale, ma solo maschile, senza alcun limite per chi avesse più di 30 anni, con i precedenti limiti di censo e di istruzione per i maggiorenni con meno di 30 anni.
Come è noto, l’universalità del suffragio, maschile e femminile si ebbe solo in occasione del referendum istituzionale del 2 giugno 1946, in occasione del quale vennero anche eletti i membri dell’Assemblea Costituente.

È noto che l’estensione al suffragio femminile fu anche la conseguenza di calcoli politici, in particolare dei monarchici che presumevano che quel voto potesse essere in larga misura filo-monarchico.
Tuttavia, è indubbio che quello fu il vero punto di svolta con riferimento al tema della parità di genere, poiché mise in moto un processo costituente, caratterizzato da forti elementi di precettività che contribuì ad assicurare non solo formale, ma anche sostanziale eguaglianza tra i sessi.

Le donne elette in Costituente furono soltanto 21 su 556 deputati; 9 erano della Democrazia cristiana, 9 del Partito comunista, 2 del Partito socialista e 1 dell’Uomo qualunque.

Tra queste vi erano figure come Leonilde Iotti, Angelina Livia Merlin, Teresa Mattei.
Nonostante l’esiguità del numero, il loro ruolo fu fondamentale proprio a tutela della condizione femminile, in particolare nel battersi affinché non venisse posto il divieto in Costituzione per l’accesso delle donne alle cariche pubbliche in generale e in magistratura in particolare.

Come è noto, infatti, fu stabilito all’art. 51 Cost. l’accesso in condizioni di parità tra i sessi agli uffici pubblici e alle cariche elettive. Rimaneva, però, il divieto legislativo per le donne di ingresso nella magistratura, ai sensi della legge 1176/1919, divieto superato solo nel 1963 con la legge n. 66.

La condizione delle donne viene presa in considerazione in numerosi articoli della Costituzione, non solo nell’art. 51, che verrà ulteriormente integrato nel 2003 con la precisazione per cui “la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini”.
Analoga precisazione viene introdotta nel 2001 all’art. 117, secondo il quale “Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promuovono la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive”.

Si pensi all’art. 37 in tema di eguaglianza di diritti e retribuzione per la donna lavoratrice, ma soprattutto si pensi alla lungimiranza e all’attualità dell’art. 29, che stabilisce nella famiglia l’eguaglianza morale e giuridica tra i coniugi, allora di fatto non esistente, ma che divenne presto realtà giuridica proprio in forza della precettività di quella previsione costituzionale.

Precettività della Costituzione in punto di parità di genere che si è fatta valere in ogni ambito, contribuendo non solo a modificare le discipline normative, ma anche a creare una sempre maggiore consapevolezza sul tema.

Così, in tema di parità di accesso alle cariche elettive, seppur con un percorso lungo e non poco tormentato, la precettività delle norme costituzionali non ha mancato di manifestarsi chiaramente.
In un primo momento, la Corte costituzionale, con la sentenza n. 422 del 1995, dichiarava la incostituzionalità della previsione della legge 81 del 1993 che prevedeva che nelle liste elettorali nessuno dei due sessi potesse essere rappresentato nella misura superiore ai due terzi.
La Corte sosteneva che quella non fosse un’azione positiva in quanto non predisponeva i mezzi per raggiungere un risultato, ma perseguiva essa stessa il risultato.

Dopo questo primo passaggio, si registrano invece una serie di interventi della Corte costituzionale tutti nel senso della valorizzazione della parità di genere.

Nel frattempo era stato integrato l’art. 51 Cost. ed era stato modificato l’art. 117 Cost. nel senso sopra precisato.
Così, con la sentenza 49 del 2003 la Corte salva la norma della Regione Valle D’Aosta a tenore della quale nelle liste devono essere presenti candidati di entrambi i sessi.
È da questo momento che diviene veramente effettiva la parità di genere nelle cariche elettive.
La Regione Campania fa da apripista, introducendo nella legge elettorale regionale la preferenza di genere, la doppia preferenza, ma di genere diverso, che viene fatta salva dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 4 del 2010.

Così, venendo alle leggi elettorali nazionali, mentre la parità di genere non veniva adeguatamente garantita dalla legge 270 del 2005 (legge Calderoli), veniva invece efficacemente garantita dalla legge 52 del 2015 (c.d. Italicum), che prevedeva l’alternanza di genere nelle liste bloccate e che nessun genere potesse essere rappresentato nella misura superiore al 60% come capolista.
Analogamente, la legge 165 del 2017 (legge Rosato) garantisce l’alternanza di genere nelle liste bloccate e che nessun sesso possa essere rappresentato in misura superiore al 60% nei collegi uninominali e come capilista delle liste bloccate.

Nel frattempo, nelle Giunte regionali e comunali si facevano strada donne che azionavano gli Statuti di quegli enti che proclamavano l’eguaglianza di genere, ma non la mettevano in atto in sede di nomina.
E ciò grazie all’intervento della Corte costituzionale che, con la sentenza 81 del 2012 ha precisato che se si stabilisce quel principio nello Statuto, poi lo si deve osservare in occasione della nomina delle Giunte.

La strada è sicuramente ancora lunga, ma la forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

#TOPICS: ultimi articoli

Giustizia con la “R”

Stefania Amato
Giustizia riparativa perché non persegue una risposta meramente punitiva al reato

Leggi l'articolo

Chi ha paura dell’I.A.

Anna Losurdo
La crescente complessità della vita sociale sembra invece ampliare gli ambiti di operatività degli avvocati

Leggi l'articolo

Flatus vocis

Sergio D’Angelo

Leggi l'articolo

Diritto inviolabile

Maurizia Borea
Il diritto di difesa passa anche attraverso l’informazione

Leggi l'articolo

Parlare? A che pro?

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre

Leggi l'articolo

La nuova retorica

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Leggi l'articolo

Suicidio annunciato

Antonella Calcaterra
I tempi della giustizia e della sanità non coincidono quasi mai con i bisogni di cura delle persone

Leggi l'articolo

Arringa sapiente

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Leggi l'articolo

Pensieri, parole, opere e omissioni

Michele Passione
Non restare acquiescenti resta la base di tutto

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Magia delle parole della legalità

Pubblicato in |||

Angela Mazzia e Alessandra Tilli
Le parole della legalità brillano nell’incanto della narrazione fiabesca

Vergogna

Pubblicato in |||

Aldo Luchi
La parola che più di ogni altra ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee

Quando una morte fa rumore

Pubblicato in |||

Valeria Tocchio
Occorre una rete formativa e informativa strutturata e coordinata

Percorsi di recupero?

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Uno dei punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Gli ambiti di intervento della legge delineano il futuro Welfare per le aziende e per le famiglie

Rinascita

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il riscatto da un destino che sembrava segnato per sempre

Ignoranze

Pubblicato in |||

Nicky Persico
L’ignoranza è una colpevole forma di ottusità autoindotta

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

Diritto e magia

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
Evitare il rischio di confondere autorevolezza e autorità usando un linguaggio comprensibile

Le parole per dire che è finita

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani