parallelepipedi

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)

Ho avuto la fortuna di essere studentessa negli anni in cui le scuole, l’università, la società tutta veniva pervasa da un benefico tzunami che la sconvolgeva partendo dalle sue stesse radici.
La forza che quel vento dava a chi ne veniva toccato era tale da avere la sensazione di poter cambiare il mondo.
Per molte di noi l’elemento scatenante la tempesta è stato l’ingresso prepotente nella scena politica della consapevolezza di un corpo diverso: il corpo femminile.
Dicono le “storiche” che quando il corpo femminile entra in un contesto lo disarticola, ne stravolge le regole, perché quella cornice in cui lo si vorrebbe collocare non è stata costruita per quel corpo e non riesce a contenerlo.
Da qui la rottura degli schemi, la richiesta, per le giovani donne di allora, di conoscere il proprio corpo e di riappropriarsene, non accettando più di farne icona da idolatrare o corpo da consumare per i piaceri altrui. Non a caso uno degli slogan che si gridavano allora era “né puttane né madonne, finalmente solo donne”.
Da questa affermazione del corpo, non un corpo qualsiasi, ma di un genere specifico –corpo femminile- è nato in Italia il movimento per l’autodeterminazione femminile, l’emancipazione e la liberazione, la necessità di sancire a priori l’inviolabilità del corpo femminile e l’urgenza affinché ogni violenza agita su quel corpo fosse classificata reato contro la persona e non contro la morale.
E’ stato un passaggio epocale nel costume e nella cultura, non solo giuridica, del nostro paese. Perché la parola, così come lo sguardo, definisce.
Con la parola e lo sguardo noi possiamo alzare muri o aprire porte e finestre, possiamo offendere, negare, ignorare oppure dare corpo, identità, valore.
Molto di quello che noi siamo dipende dagli sguardi che ci hanno avvolto e dalle parole, anche del diritto, che ci hanno definite.
La complicità più grande che possiamo avere con la violenza contro le donne è non nominarla, girare lo sguardo, per paura, per vergogna, perché ci colpisce talmente tanto che difendiamo le nostre emozioni ignorandola.
Ero ancora ragazza, quando sentii la notizia, riportata dal telegiornale, di una giovane donna francese violentata nella metropolitana di Parigi, in un orario di massimo affollamento.
Ricordo il mio sconcerto: pensai che non poteva essere che nessuno avesse visto, era impossibile, eppure di tante persone che ebbero a passare di lì non solo nessuno era intervenuto in suo favore, nessuno aveva visto.
Dunque, il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo, dopo sarà tutto più semplice.
E non parlo ovviamente solo della violenza fisica o sessuale, che lascia segni sul corpo, ma della violenza economica, e di quella psicologica.
Violenze che si manifestano con disvalore, negazione di autonomia e di capacità di decisione, di disporre dei propri soldi, donna che deve chiedere i soldi per ogni necessità, portata in banca o dal notaio, oppure allo Stato civile, per sottoscrivere atti di cui non le viene rappresentata la portata e le conseguenze: scelta di un regime patrimoniale piuttosto di un altro, rinuncia all’eredità oppure alla comproprietà di un bene, sottoscrizione di mutui, fideiussioni e garanzie.
Un avvocato, un notaio, un ufficiale di stato civile, in presenza di situazioni in cui la volontà della persona potrebbe essere coartata dovrebbe rifiutarsi di redigere l’atto.
Piccoli gesti di coerenza e di quotidiano eroismo di cui possiamo essere capaci.

#TOPICS: ultimi articoli

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
Solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano.

Leggi l'articolo

Buoni o cattivi: il buffet dell’umanità

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
“Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”. Diceva così, più o meno, Albert Einstein.

Leggi l'articolo

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.

La bollinatura della RGS

Pubblicato in ||

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)
La “bollinatura” è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio.

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in ||

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)
Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.

Il delirio di onnipotenza della P.A.

Pubblicato in

di Canio Trione (Economista in Bari)
Nel biblico ed autoreferenziale processo di ampliamento delle proprie prerogative la Pubblica Amministrazione ha invaso settori cardine della vita umana.

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…