Ddl Pillon contro codice rosso

Ddl Pillon contro codice rosso

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)

Con il disegno di legge codice rosso si propone la modifica dell’articolo 347 del c.p.p., stabilendo l’obbligo della polizia giudiziaria di comunicare immediatamente al PM le notizie di reato acquisite, riguardanti delitti di maltrattamenti, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate commessi in contesti familiari o di semplice convivenza, senza lasciare discrezionalità sulla sussistenza dell’urgenza.

Altra modifica essenziale prevista nel disegno di legge codice rosso è quella dell’articolo 362 c.p.p.: in questi casi di violenza domestica e di genere, il PM procede all’ascolto della vittima del reato entro tre giorni dall’avvio del procedimento.

Risulterebbe così superata la nozione di “particolare vulnerabilità” della persona introdotta dal d.lgs. sulle vittime di reato (n.212/2015), per consentire sempre l’assunzione tempestiva di informazioni dalle persone offese in tutti i casi in cui si procede per questi gravi reati.
Inoltre, in questo modo, si consente al PM di valutare subito l’eventuale sussistenza delle esigenze cautelari già in sede di audizione.

Il disegno di legge codice rosso, infine, prevede l’obbligo per la polizia giudiziaria di dare priorità allo svolgimento delle indagini delegate dal PM -senza alcuna possibilità di valutazione- quando si tratti di reati di maltrattamenti, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate, commessi in ambito familiare o di semplice convivenza.

Come si concilia un disegno di legge (codice rosso) volto ad arginare con prontezza la violenza domestica, con l’altro disegno di legge che, invece, accetterebbe in via formale la violenza di genere, il cd. DDL Pillon?

Il disegno di legge 735 o anche detto “ddl Pillon” apporta una riforma al diritto di famiglia (anche ai procedimenti pendenti) con quattro novità principali: 1. mediazione obbligatoria e a pagamento; 2. equilibrio tra entrambe le figure genitoriali e tempi paritari; 3. mantenimento in forma diretta senza automatismi; 4. l’alienazione parentale.

Ciò che in tale contesto interessa sottolineare è la quarta novità introdotta dal disegno di legge: il c.d. concetto di alienazione genitoriale. Pillon vorrebbe contrastare l’alienazione genitoriale, intesa come la condotta attivata da uno dei due genitori (“alienante”) per allontanare il figlio dall’altro genitore (“alienato”).

In particolare, se il figlio minore manifesta “comunque” rifiuto verso uno dei genitori, “pur in assenza di evidenti condotte dell’altro genitore“, il giudice può emettere provvedimenti d’urgenza: limitazione o sospensione della responsabilità genitoriale, inversione della residenza abituale del figlio minore presso l’altro genitore e anche il “collocamento provvisorio del minore presso apposita struttura specializzata”.

Il giudice, inoltre, può punire con la decadenza della responsabilità genitoriale o con il pagamento di un risarcimento danni, il genitore alienante, che abbia accusato l’altro di abusi e violenze fisiche e psicologiche e che non sia riuscito a provarle.

Il tutto, quindi, è rimesso alla discrezionalità del giudice.

Pertanto, qualora la donna non abbia prove sufficienti a far emergere in modo inequivocabile le violenze subite (soprattutto quelle psicologiche), correrà il verosimile rischio di vedersi limitata la sua responsabilità genitoriale, ovvero sarà tenuta al risarcimento del danno.

Desta qualche perplessità il fatto che la maggior parte delle violenze vengono consumate proprio tra le mura domestiche (circa la metà delle donne vittime di omicidi volontari vengono uccise dal partner o ex).
E la maggiore difficoltà delle donne vittime di violenza è proprio quella di uscire dalla famiglia in cui è presente un partner abusante.
Una donna, con la preoccupazione di non riuscire a provare le violenze subite, assai probabilmente sceglierebbe di non sporgere denuncia.

E allora sorge spontanea una domanda: lo scenario appena delineato come si pone rispetto allo scopo finale (preventivo) del disegno di legge codice rosso? Sicuramente in netta contrapposizione.

Tale situazione verrebbe inoltre ad essere aggravata dalla presenza di prole minorenne: per la donna/genitrice, infatti, accusare il partner abusante (ma non possedendo efficaci supporti probatori) significherebbe correre il rischio di vedersi limitare la responsabilità genitoriale, con l’ulteriore conseguenza del collocamento del minorenne presso una struttura protetta.
Non vi è chi non veda come collocare il minorenne in una struttura protetta oppure costringerlo, in ogni caso, a mantenere i rapporti con il genitore anche contro la sua volontà, sarebbe deleterio oltre che controproducente per l’intero rapporto.

E così, se un figlio minorenne si sente offeso, ferito, trascurato o deluso da un genitore, sia i Giudici che i Servizi Sociali possono fare ben poco, se non rispettare la sua volontà senza costrizioni, offrendo comunque un percorso per favorire il riavvicinamento genitore/figlio, comunque necessariamente impostato secondo criteri di gradualità e naturalezza. Tutto questo, nell’esclusivo e superiore interesse del figlio minorenne e sulla sua capacità di autodeterminazione.

Se il vero senso del disegno di legge Pillon fosse quello di un affido condiviso, pur sempre nell’ottica del superiore interesse della prole minorenne, va allora detto che il criterio della centralità del minore, come ben noto, sussiste già grazie ad una legge dello Stato.
E’ utile ricordare che, a tal proposito, la legge n. 54/2006 ha effettivamente conseguito importanti esiti positivi: i dati ISTAT mostrano che la L. 54/2006 ha funzionato e che, nelle separazioni/divorzi, l’affidamento condiviso ha ora percentuali decisamente prevalenti.

In un tale contesto la soluzione sarebbe quella di continuare a muoversi in questa prospettiva, consolidando l’affido condiviso con i mezzi sussistenti o anche alternativi ma sicuramente non mediante mezzi punitivi per nessuno dei genitori e, ancor meno, per la madre.

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora