la coscienza delle istituzioni

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)

Attualissima e però dimenticata, quando non ostacolata.
Bussola, ma anche rotta, per un’etica pubblica.
Di che cosa stiamo parlando?
Della seguente affermazione sulla obiezione di coscienza: “solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano”.

E se dovessimo fare il gioco del “chi lo ha detto?” cosa potremmo rispondere: che è affermazione di un filosofo, di un magistrato o di un militante pacifista ?

Difficile andare subito a segno.
E anche se individuassimo che si tratta di una citazione giuridica, anzi giudiziaria, non sarebbe immediato individuarne la fonte nel Consiglio di Stato, il massimo organo della Giustizia Amministrativa, deputato al vaglio dei provvedimenti della pubblica amministrazione e dunque all’esame dei pubblici poteri rispetto ai propri doveri.

La questione che ha originato la sentenza non riguarda la legge 194 del 1978 sulla interruzione volontaria di gravidanza, come potrebbe sembrare in ragione della nota e diffusa obiezione di coscienza che -per le strutture pubbliche a fronte delle richieste delle aventi diritto- rende oltremodo difficoltoso l’adempimento alle previsioni di legge.

Il caso che ha portato il Giudice amministrativo a tale limpida e sintetica affermazione, la quale ovviamente si applica anche alla legge 194 poichè si applica ad ogni caso in cui si verta in tema di diritti individuali e di doveri istituzionali della pubblica amministrazione, ha preso le mosse dal noto caso Englaro.

Il caso di Eluana che aveva evidenziato che, ai sensi dell’art. 32 della Costituzione, il diritto alla salute non implica il dovere di farsi curare contro la propria volontà e che il diritto di scegliere di rifiutare le cure non incontra limiti neppure se da esso derivi la morte.

Più precisamente, si dovrebbe dire che il caso che ha portato il Consiglio di Stato, quale giudice chiamato a garantire la legalità nell’azione amministrativa, a ribadire che “la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che la regolano” ha preso le mosse dall’”atto di ribellione” della Regione Lombardia a tutte le pronunce della Corte di Cassazione, della Corte di Appello di Milano, nonchè a noti principi fondamentali più volte ribaditi dalle sentenze della Corte Costituzionale.

Come ricorda il Consiglio di Stato, con tale atto di ribellione, e cioè con il rifiuto di ricoverare Eluana per togliere il sondino naso gastrico che la alimentava e idratava artificialmente, la “Regione Lombardia ha inteso imporre d’imperio una visione assolutizzante, autoritativa della cura, che si è illegittimamente sostituita alla volontà della paziente … al suo fondamentale e incomprimibile diritto di autodeterminazione terapeutica, quale massima espressione della sua personalità”, sostituendo così ”al principio personalistico che anima la nostra Costituzione” che “vede nella persona umana un valore etico in sè”, una visione, illegittima e autoritaria, da Stato etico che “espropria l’individuo di quel poco, o tanto, dominio concesso sulla sua vita … e sulla sua speranza, o bisogno, di vivere secondo la propria visione dell’esistenza”.

A quando risale questa sentenza di cui si è, tra l’altro, trattato nel corso del recente convegno del 3 aprile (organizzato a Milano da Fronte Verso, Ora Legale, Ordine dei giornalisti della Lombardia, Eticrea e Adgi Milano) ?

Risale al 2014 (2 settembre 2014, n. 4460 Sezione III, C.d.S.), attinge alla Carta Costituzionale del 1948 ed è invece non molto successiva a una, “diversamente autorevole”, affermazione anzi canzone, tenerissima, di cui presumiamo sia anche possibile dare una interpretazione conforme a Costituzione.

Eccola: è di Franco Battiato. Si intitola “La cura”:
Ti proteggerò dale paure delle ipocondrie
Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo
Supererò le correnti gravitazionali
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
Ti salverò da ogni malinconia

Perchè sei un essere speciale…

https://www.oralegalenews.it/eventi/la-parola-e-unopera-pubblica/4144/2019/

https://d.repubblica.it/dmemory/2009/01/24/lettere/lettere/138let630138.html?fb_action_ids=204051853083442&fb_action_types=og.recommends&fb_source=other_multiline&action_object_map=%5B10150847844519601%5D&action_type_map=%5B%22og.recommends%22%5D&action_ref_map=%5B%5D

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…