la coscienza delle istituzioni

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)

Attualissima e però dimenticata, quando non ostacolata.
Bussola, ma anche rotta, per un’etica pubblica.
Di che cosa stiamo parlando?
Della seguente affermazione sulla obiezione di coscienza: “solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano”.

E se dovessimo fare il gioco del “chi lo ha detto?” cosa potremmo rispondere: che è affermazione di un filosofo, di un magistrato o di un militante pacifista ?

Difficile andare subito a segno.
E anche se individuassimo che si tratta di una citazione giuridica, anzi giudiziaria, non sarebbe immediato individuarne la fonte nel Consiglio di Stato, il massimo organo della Giustizia Amministrativa, deputato al vaglio dei provvedimenti della pubblica amministrazione e dunque all’esame dei pubblici poteri rispetto ai propri doveri.

La questione che ha originato la sentenza non riguarda la legge 194 del 1978 sulla interruzione volontaria di gravidanza, come potrebbe sembrare in ragione della nota e diffusa obiezione di coscienza che -per le strutture pubbliche a fronte delle richieste delle aventi diritto- rende oltremodo difficoltoso l’adempimento alle previsioni di legge.

Il caso che ha portato il Giudice amministrativo a tale limpida e sintetica affermazione, la quale ovviamente si applica anche alla legge 194 poichè si applica ad ogni caso in cui si verta in tema di diritti individuali e di doveri istituzionali della pubblica amministrazione, ha preso le mosse dal noto caso Englaro.

Il caso di Eluana che aveva evidenziato che, ai sensi dell’art. 32 della Costituzione, il diritto alla salute non implica il dovere di farsi curare contro la propria volontà e che il diritto di scegliere di rifiutare le cure non incontra limiti neppure se da esso derivi la morte.

Più precisamente, si dovrebbe dire che il caso che ha portato il Consiglio di Stato, quale giudice chiamato a garantire la legalità nell’azione amministrativa, a ribadire che “la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che la regolano” ha preso le mosse dall’”atto di ribellione” della Regione Lombardia a tutte le pronunce della Corte di Cassazione, della Corte di Appello di Milano, nonchè a noti principi fondamentali più volte ribaditi dalle sentenze della Corte Costituzionale.

Come ricorda il Consiglio di Stato, con tale atto di ribellione, e cioè con il rifiuto di ricoverare Eluana per togliere il sondino naso gastrico che la alimentava e idratava artificialmente, la “Regione Lombardia ha inteso imporre d’imperio una visione assolutizzante, autoritativa della cura, che si è illegittimamente sostituita alla volontà della paziente … al suo fondamentale e incomprimibile diritto di autodeterminazione terapeutica, quale massima espressione della sua personalità”, sostituendo così ”al principio personalistico che anima la nostra Costituzione” che “vede nella persona umana un valore etico in sè”, una visione, illegittima e autoritaria, da Stato etico che “espropria l’individuo di quel poco, o tanto, dominio concesso sulla sua vita … e sulla sua speranza, o bisogno, di vivere secondo la propria visione dell’esistenza”.

A quando risale questa sentenza di cui si è, tra l’altro, trattato nel corso del recente convegno del 3 aprile (organizzato a Milano da Fronte Verso, Ora Legale, Ordine dei giornalisti della Lombardia, Eticrea e Adgi Milano) ?

Risale al 2014 (2 settembre 2014, n. 4460 Sezione III, C.d.S.), attinge alla Carta Costituzionale del 1948 ed è invece non molto successiva a una, “diversamente autorevole”, affermazione anzi canzone, tenerissima, di cui presumiamo sia anche possibile dare una interpretazione conforme a Costituzione.

Eccola: è di Franco Battiato. Si intitola “La cura”:
Ti proteggerò dale paure delle ipocondrie
Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo
Supererò le correnti gravitazionali
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
Ti salverò da ogni malinconia

Perchè sei un essere speciale…

https://www.oralegalenews.it/eventi/la-parola-e-unopera-pubblica/4144/2019/

https://d.repubblica.it/dmemory/2009/01/24/lettere/lettere/138let630138.html?fb_action_ids=204051853083442&fb_action_types=og.recommends&fb_source=other_multiline&action_object_map=%5B10150847844519601%5D&action_type_map=%5B%22og.recommends%22%5D&action_ref_map=%5B%5D

#TOPICS: ultimi articoli

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

Buoni o cattivi: il buffet dell’umanità

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
“Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”. Diceva così, più o meno, Albert Einstein.

Leggi l'articolo

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.

La bollinatura della RGS

Pubblicato in ||

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)
La “bollinatura” è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio.

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in ||

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)
Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.

Il delirio di onnipotenza della P.A.

Pubblicato in

di Canio Trione (Economista in Bari)
Nel biblico ed autoreferenziale processo di ampliamento delle proprie prerogative la Pubblica Amministrazione ha invaso settori cardine della vita umana.

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…