Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)

L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare anche un esponente di spicco della Ragioneria, colui che per molti è solo uno dei venti Ragionieri Generali dello Stato che si sono succeduti dal 1870, ma quello che più di tutti ha incarnato i valori che sono alla base di questa Istituzione: rigore, responsabilità, integrità, riservatezza solo per citarne alcuni.

Parliamo di Vitantonio De Bellis, che con la sua inflessibilità, tenacia e intransigenza osò opporsi addirittura al Duce nell’adempimento dei suoi doveri come responsabile della tenuta dei conti pubblici.
Chi è De Bellis?
Vitantonio De Bellis nasce a Polignano a Mare il 9 maggio 1874. La sua famiglia discende dalla omonima famiglia sviluppatasi nel comune di Castellana Grotte, dopo emigrata a Rutigliano e poi a Bari.
Infatti, il giovane De Bellis compie i suoi studi presso il regio Istituto tecnico di Bari e successivamente si arruola, diciannovenne, volontario al corso allievi ufficiali di fanteria.

Lo ritroviamo dopo il servizio militare che concorre nell’amministrazione dello Stato e il 23 ottobre del 1897 ha inizio il suo servizio come volontario di ragioneria nel Ministero del Tesoro, che durerà sino al 1° settembre 1898.
È bene tenere presente che il servizio di volontario prestato all’amministrazione statale, come nel caso di De Bellis, avveniva senza retribuzione e quindi rappresentava un periodo molto duro, ancora di più per uno come il nostro personaggio con la sua storia familiare alle spalle, primogenito che sentiva forte la responsabilità nei confronti della sua famiglia d’origine che, stando ad alcune testimonianze riportate in occasione della commemorazione della sua morte, ha avuto sempre un forte legame con la madre e gli altri fratelli probabilmente anche a causa della scomparsa precoce del padre.

La carriera di De Bellis rispecchia fedelmente il percorso tipico del burocrate della sua epoca e il contesto amministrativo, cioè l’ambiente di lavoro, che finiva per determinare e “forgiare” le caratteristiche comportamentali degli impiegati che dovevano soggiacere a un rigoroso ordinamento professionale che imponeva il rispetto di obblighi e doveri non solo all’interno degli uffici ma anche fuori nella società civile.
La sua formazione professionale e la sua caratura umana e morale furono plasmate in quei valori, principi e regole che hanno ispirato la burocrazia statale del suo tempo e che hanno permeato l’apparato amministrativo italiano.

L’ingresso di De Bellis nell’amministrazione statale coincide con la burocrazia ministeriale di fine secolo che ha visto consolidare l’innesto nella burocrazia postunitaria, caratterizzata principalmente da un modello omologato di azione di matrice cavouriana che privilegiava l’uniformità (i c.d. “rotismi amministrativi”) e la tradizione sabauda di stampo gerarchico–militare, di quella successiva governata dalla Sinistra storica ed in particolare di quella crispina che segnerà una prima svolta importante nei termini di affermazione della formazione specialistica dei burocrati rispetto ai “generalisti” di prima generazione che manterrà i suoi effetti per molto tempo.

Il contesto amministrativo, sociale e politico in cui matura il percorso professionale di De Bellis, coincide con l’era giolittana che nel primo quindicennio del XX secolo apporterà notevoli trasformazioni nell’apparato pubblico per esprimere, com’è stato osservato da Guido Melis:
Una burocrazia dotata di eccezionale professionalità, forse la migliore che l’Italia abbia avuto in tutta la storia unitaria (che) seppe destreggiarsi con grande competenza nei nuovi spazi che la legislazione d’inizio secolo apriva alla discrezionalità amministrativa, concorrendo in modo determinante all’esercizio della funzione di governo e in parte, indirettamente, anche collaborando alla stessa funzione legislativa.

Leggi l’articolo completo:https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/04/Speciale-su-De-Bellis.pdf

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…