color-3817522_640

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)

L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare anche un esponente di spicco della Ragioneria, colui che per molti è solo uno dei venti Ragionieri Generali dello Stato che si sono succeduti dal 1870, ma quello che più di tutti ha incarnato i valori che sono alla base di questa Istituzione: rigore, responsabilità, integrità, riservatezza solo per citarne alcuni.

Parliamo di Vitantonio De Bellis, che con la sua inflessibilità, tenacia e intransigenza osò opporsi addirittura al Duce nell’adempimento dei suoi doveri come responsabile della tenuta dei conti pubblici.
Chi è De Bellis?
Vitantonio De Bellis nasce a Polignano a Mare il 9 maggio 1874. La sua famiglia discende dalla omonima famiglia sviluppatasi nel comune di Castellana Grotte, dopo emigrata a Rutigliano e poi a Bari.
Infatti, il giovane De Bellis compie i suoi studi presso il regio Istituto tecnico di Bari e successivamente si arruola, diciannovenne, volontario al corso allievi ufficiali di fanteria.

Lo ritroviamo dopo il servizio militare che concorre nell’amministrazione dello Stato e il 23 ottobre del 1897 ha inizio il suo servizio come volontario di ragioneria nel Ministero del Tesoro, che durerà sino al 1° settembre 1898.
È bene tenere presente che il servizio di volontario prestato all’amministrazione statale, come nel caso di De Bellis, avveniva senza retribuzione e quindi rappresentava un periodo molto duro, ancora di più per uno come il nostro personaggio con la sua storia familiare alle spalle, primogenito che sentiva forte la responsabilità nei confronti della sua famiglia d’origine che, stando ad alcune testimonianze riportate in occasione della commemorazione della sua morte, ha avuto sempre un forte legame con la madre e gli altri fratelli probabilmente anche a causa della scomparsa precoce del padre.

La carriera di De Bellis rispecchia fedelmente il percorso tipico del burocrate della sua epoca e il contesto amministrativo, cioè l’ambiente di lavoro, che finiva per determinare e “forgiare” le caratteristiche comportamentali degli impiegati che dovevano soggiacere a un rigoroso ordinamento professionale che imponeva il rispetto di obblighi e doveri non solo all’interno degli uffici ma anche fuori nella società civile.
La sua formazione professionale e la sua caratura umana e morale furono plasmate in quei valori, principi e regole che hanno ispirato la burocrazia statale del suo tempo e che hanno permeato l’apparato amministrativo italiano.

L’ingresso di De Bellis nell’amministrazione statale coincide con la burocrazia ministeriale di fine secolo che ha visto consolidare l’innesto nella burocrazia postunitaria, caratterizzata principalmente da un modello omologato di azione di matrice cavouriana che privilegiava l’uniformità (i c.d. “rotismi amministrativi”) e la tradizione sabauda di stampo gerarchico–militare, di quella successiva governata dalla Sinistra storica ed in particolare di quella crispina che segnerà una prima svolta importante nei termini di affermazione della formazione specialistica dei burocrati rispetto ai “generalisti” di prima generazione che manterrà i suoi effetti per molto tempo.

Il contesto amministrativo, sociale e politico in cui matura il percorso professionale di De Bellis, coincide con l’era giolittana che nel primo quindicennio del XX secolo apporterà notevoli trasformazioni nell’apparato pubblico per esprimere, com’è stato osservato da Guido Melis:
Una burocrazia dotata di eccezionale professionalità, forse la migliore che l’Italia abbia avuto in tutta la storia unitaria (che) seppe destreggiarsi con grande competenza nei nuovi spazi che la legislazione d’inizio secolo apriva alla discrezionalità amministrativa, concorrendo in modo determinante all’esercizio della funzione di governo e in parte, indirettamente, anche collaborando alla stessa funzione legislativa.

Leggi l’articolo completo:https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/04/Speciale-su-De-Bellis.pdf

#TOPICS: ultimi articoli

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
Solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano.

Leggi l'articolo

Buoni o cattivi: il buffet dell’umanità

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
“Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”. Diceva così, più o meno, Albert Einstein.

Leggi l'articolo

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

La bollinatura della RGS

Pubblicato in ||

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)
La “bollinatura” è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio.

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in ||

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)
Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.

Il delirio di onnipotenza della P.A.

Pubblicato in

di Canio Trione (Economista in Bari)
Nel biblico ed autoreferenziale processo di ampliamento delle proprie prerogative la Pubblica Amministrazione ha invaso settori cardine della vita umana.

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…