I giovani adulti e la Suprema Corte

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)

L’arte e la letteratura da sempre ci descrivono i giovani adulti come individui che, pur essendo incompleti, non sanno di esserlo.

In tempi recenti Bernard Cornwell nel romanzo “Il cavaliere e il suo Re”, propone l’argomento tramite il protagonista che riflettendo dice

di questi tempi, quando osservo i ventenni mi viene da pensare che siano drammaticamente giovani; però io, alla loro età, mi consideravo un adulto a tutti gli effetti”.

A partire dal nuovo millennio, gli studi scientifici o, meglio, le neuroscienze hanno evidenziato che i comportamenti misurati non sono compatibili né con l’adolescenza né con l’emergente età adulta e ciò a causa dell’immaturità psichica e del non completo sviluppo umano e intellettuale.

È noto agli operatori del diritto che negli ultimi anni le scoperte delle neuroscienze sono state utilizzate dalla giurisprudenza la quale talvolta, nelle motivazioni dei propri provvedimenti, ha fatto riferimento proprio alle scoperte di questa affascinante branca della scienza.

Recentemente è accaduto che, dopo aver acquisito le nozioni sopra richiamate, i giudici della Suprema Corte hanno ritenuto di dover modificare il pacifico orientamento in base al quale un ragazzo di diciotto anni compiuti, in quanto maggiorenne, poteva a tutti gli effetti essere assoggettato alle medesime sanzioni di un adulto.

La sentenza che fa da spartiacque è la n. 11607/2018 della Corte di Cassazione, sezione prima.

I magistrati hanno evidenziato che non è sufficiente essere maggiorenni per aver raggiunto una piena maturità. E, facendo propri i risultati delle ricerche delle neuroscienze, hanno affermato che “la giovanissima età non rappresenta un dato formale né tantomeno neutro” e che “le facoltà cognitive non si perfezionano al compimento della maggior età ma sono ancora in fase di sviluppo e maturazione insieme alle competenze sociali e affettive”.

Per dirla in parole semplici, la Corte di Cassazione ha sancito che non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto poiché chi ha da poco compiuto diciotto anni non ha ancora raggiunto, come hanno dimostrato le neuroscienze, la coscienza e la consapevolezza di un uomo maturo.

Non resta che vedere quando, dopo aver convinto i giudici, le neuroscienze convinceranno anche il legislatore.

PH: Ryan McGuire da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola

Ho visto un film

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…