damien hirst physical impossibility of death

Bulli & Spacconi

di Maurizia Borea e Antonio Pascucci (Avvocati in Milano -Fronteverso)

Theodor Adorno, filoso e sociologo tedesco morto nel 1969, ha dedicato parte dei suoi studi ai mezzi di comunicazione di massa, approfondendo anche la tematica del linguaggio violento.

Nel suo libro Teoria della Halbbildung è ricorso alla figura del linguaggio dello “spaccone”, definito come una delle caratteristiche che appartengono alla società in cui viviamo. L’aggressività verbale, secondo il sociologo, è infatti il mezzo di comunicazione più diffuso nella società, indipendentemente dal grado di cultura e istruzione delle persone.

E dire che Adorno non ha vissuto nell’era digitale. Cosa avrebbe detto – e scritto – di fronte al fenomeno dei social media, vere e proprie arene per scontri verbali per determinare il più forte a parole, spesso offensive e intrise d’odio, al di là della veridicità o meno delle affermazioni?

Negli Stati Uniti, nazione nella quale il fenomeno dei social media ha avuto origine, la giurisprudenza ha elaborato la categoria dello hate speech – espressione tradotta in italiano con la definizione di “incitamento all’odio” – per indicare il ricorso a parole o discorsi che hanno come unica finalità quelle di veicolare un messaggio d’odio e intolleranza nei confronti di una persona o un gruppo, in genere fondato su una discriminazione (razziale, religiosa, di genere o di orientamento sessuale).

La stessa giurisprudenza statunitense ha però evidenziato, in molte decisioni, la centralità nell’ordinamento costituzionale del Primo Emendamento, che garantisce la libertà di parola e di stampa.
La condanna dello hate speech richiede, pertanto, un preliminare bilanciamento tra principi di diritto, anche di rilevanza costituzionale, dall’esito spesso incerto.
E’ noto alle cronache il caso Boos contro Barry, nel quale i giudici della Corte Suprema hanno affermato che «nel dibattito pubblico i cittadini dovrebbero tollerare le parole offensive, e perfino quelle oltraggiose, per fornire spazio sufficiente alle libertà protette dal Primo emendamento».

Anche in Italia il dibattito è molto acceso, anche in conseguenza di alcuni gravi fatti di cronaca, tra i quali anche casi di suicidio di persone vittime di hate speech o cyberbullismo.

Sia la Corte di Cassazione che i giudici di merito hanno sottolineato la pericolosità insita nei social media per la facilità con la quale possono veicolare messaggi offensivi e spesso lesivi dell’onore e della reputazione altrui. Sono molte le decisioni che, nei casi di messaggi offensivi diffusi attraverso un social network, hanno ritenuto applicabile il reato di diffamazione aggravata trattandosi di condotta capace di raggiungere un numero indeterminato e quindi molto elevato di persone.

Pertanto, in un’ottica di bilanciamento, i precedenti giurisprudenziali italiani tendono a considerare prevalente la tutela del diritto all’onore e alla reputazione rispetto al diritto di libera manifestazione del pensiero o e di critica, negando a Internet una patente di zona franca nella quale ogni affermazione è priva di conseguenze.

Anche sul piano politico non sono mancate le iniziative per arginare l’uso indiscriminato di Internet, soprattutto in relazione ai fenomeni di odio, intolleranza, xenofobia e razzismo.
A occuparsi di tale forma di violenza verbale è stata la Commissione parlamentare, istituita il 10 maggio 2016 con il compito di condurre attività di studio e ricerca su tali temi, e successivamente denominata “Jo Cox”, deputata presso la Camera dei Comuni del Regno Unito, uccisa il 16 giugno 2016 mentre si apprestava a partecipare ad un incontro con gli elettori.

La Commissione, della quale ha fatto parte (fino al suo decesso avvenuto nel gennaio 2017) anche il Prof. Tullio De Mauro, celebre linguista, ha concluso i suoi lavori con il deposito di una Relazione, che si conclude con cinquantasei raccomandazioni utili (anche ai gestori delle piattaforme dei social network) a prevenire e contrastare l’incitamento all’odio (https://www.camera.it/leg17/1264).
E’ un primo, ma importante, passo avanti in attesa di uno specifico intervento legislativo.

https://www.fronteverso.it/

photo credit: bbci.co.uk/news

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono