Senza confini

Senza confini

di Anna Losurdo

Blurring boundaries

Quando tracciamo un confine creiamo un di qua e un di là, un dentro e un fuori. Ma quella linea di demarcazione è sempre condivisa: di là sempre c’è qualcun altro; il di là è di qualcun altro.

È cambiato il nostro rapporto tra (e con) il dentro e il fuori, e non solo per lo spazio fisico ma anche in ambito sociale, economico e politico: abbiamo riscoperto l’esistenza di un confine sfumato tra il mondo e noi.
Abbiamo compreso che chiuso, socchiuso, aperto non sono solo le posizioni delle nostre finestre sul mondo ma anche i nostri atteggiamenti mentali.

Le crisi aperte dalla pandemia hanno avuto un duplice effetto. Arrestare la globalizzazione, che sembrava irrefrenabile, facendoci apprezzare le dimensioni locali che quasi avevamo smarrito. E scoprirci interconnessi.
Sarà sufficiente a fermare l’Orologio dell’apocalisse?
Abbiamo i mezzi ma dobbiamo davvero invertire la rotta. Perché riusciremo a riprenderci dalla pandemia ma non dai disastri ambientali.

https://images.wired.it/wp-content/uploads/2018/01/25175826/_doomsday-clock.jpg

Cerchiamo antidoti al sovranismo.

Parola che rimanda alla sovranità di ogni stato nazionale ma che porta con sé anche una connotazione negativa implicita.
Possiamo pensare a una collettività senza Stato?
In realtà no. Per tutte le funzioni essenziali quali cittadinanza, giurisdizione, sicurezza, salute che sono i presupposti stessi della statualità e definiscono l’assetto degli interessi e dei diritti della collettività.
La sovranità statale, infatti, non è solo il luogo dell’azione delle dinamiche di potere (e della politica) ma anche della dimensione popolare che connota gli ordinamenti costituzionali moderni. È lo spazio dove i diritti sono realizzati.
Per le stesse ragioni non possiamo pensare a uno Stato senza territorio. E quindi senza confini.

Invece possiamo pensare a una umanità senza confini perchè i diritti non possono avere frontiere.

L’era geologica attuale, l’Antropocene, vede le attività umane depredare l’ambiente terrestre in modo tale da portarlo alla distruzione definitiva.
Le principali sfide che affronta l”umanità sono la minaccia di una guerra nucleare, la catastrofe ambientale e il deterioramento della democrazia.
Le crisi che affrontiamo sono internazionali e non hanno confini.

Deve essere contrastato l’egoismo di chi vuole rinchiudersi in vecchi e nuovi muri. Ma anche i populismi che minano la democrazia, il mercato spietato a scapito della polis.
La terza via possibile è quella che mette al centro il dialogo e opera una transizione ecologica che coinvolga l’intero pianeta.

Quell’antidoto, quindi, potrebbe essere una democrazia partecipe, con i cittadini interessati e coinvolti nell’istituire nuove politiche. Per la pace, per l’ambiente, per i diritti di tutte e tutti, per il riconoscimento della parità giuridica di tutti gli uomini e le donne.
La famiglia umana impegnata a costruire un mondo di giustizia e di pace, destinando energie e risorse a soddisfare i bisogni di tutti e non più le richieste di una minoranza, perchè il diritto a vivere con dignità non può essere negato a nessuno.

Fratelli tutti, dice Papa Francesco,

ricordando l’insegnamento di San Francesco d’Assisi: fratellanza e sorellanza si confondono in una sola umanità.
Un appello alla concreta solidarietà messa al servizio del bene comune; non solo amore privato ma anche amore politico. Rivolto a una società che continua a operare “voltando le spalle al dolore“.
Perché è il momento di costruire una società fraterna, cambiando il modello della stessa società umana.

Fraternité, Égalité, Liberté risuonano in questa nuova sequenza.

Image credit: Jorge Guillen da Pixabay

di Anna Losurdo su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/magazine/17-marzo-2020/vicini-e-lontani/10530/2020/

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il 25 novembre

Pubblicato in

Giornata contro la violenza sulle donne.Mondo assurdo. La violenza sulle…

THE END

Pubblicato in

Nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo c’è una immensità di cose…

Fughe, ricrescite e scolature

Pubblicato in

La Cina, quella della via della seta, chiude affari d’oro…

Ito

Pubblicato in

Massimo Corrado Di Florio
“Vivi, lascia vivere ma soprattutto… nun te fa pijà per culo.”

La giusta pena

Pubblicato in ||||

Franca Mina
La previsione di pene elevate astrattamente comminabili determina inevitabilmente un cortocircuito tra amministrazione della giustizia e senso di sicurezza dei cittadini

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio