Nuove parole e nuovi metodi

Nuove parole e nuovi metodi

di Anna Losurdo

Il modo migliore per aiutarvi a prevenire una guerra non è di ripetere le vostre parole e seguire i vostri metodi, ma di trovare nuove parole e inventare nuovi metodi.
Io in quanto donna non ho patria. In quanto donna, la mia patria è il mondo intero
Virginia Woolf

Ecco, nelle parole di Virginia Woolf, indicata la via per la pace.
Non solo questa, urgente, per porre fine quanto prima alla aggressione della Russia in danno dell’Ucraina.

Ma anche quella per le guerre più o meno dimenticate, in zone più o meno conosciute nel mondo, che saltuariamente entrano nella cronaca mediatica. Sono 23 i conflitti ad alta intensità, molti di più se si contano anche le crisi croniche o le situazioni di violenze in corso: centinaia.

Vivere in pace non è mai stata una caratteristica dell’umanità
Jean Giraudoux

La guerra mai è solo una guerra tra eserciti ma è sempre una catastrofe umanitaria. È violenza distruttiva che non conosce limiti nel distribuire disperazioni, angosce, dolori, morte. Ogni guerra è insensata e feroce.

I dittatori che scatenano le guerre non conoscono la trattativa ma solo la supremazia della forza e la vittoria sul campo.
Dice Tolstoj: “il fuoco non si spegne col fuoco, la guerra non si ferma con la guerra“.
Il principio di realtà ci impone di tenere conto del fatto che la pace si fa in due – soggetti o schieramenti che siano. Se è solo uno dei contendenti a volere la pace ci potrà essere la resa del soccombente ma non sarà pace.

Un mondo senza pace, quindi.

Pace intesa ancora come “un intervallo fra due guerre” invece che come condizione stabile dell’umanità.
Una costruzione fatta di scelte, affermata come diritto umano per ogni membro della famiglia umana.
Ma non è forse giunto il momento di affiancare a quei diritti umani anche i diritti dei popoli?
I territori sono dei cittadini e delle cittadine che li abitano o davvero pensiamo che i confini possano essere modificati a piacimento dall’invasore di turno?
Confini che, anche in tempo di pace, hanno tutt’ora alla base l’idea dell’altro come qualcuno da respingere nei suoi…

Umano: antidoto a tutto ciò che si considera inumano: la guerra, il totalitarismo, lo sfruttamento economico, l’intolleranza, il razzismo.
Tutte orribili cose create dagli esseri umani.
Essere liberi significa poter scegliere, giacchè siamo capaci sia di elevarci al sublime sia di degenerare al livello dei bruti.
Siamo noi, allo stesso tempo, il problema e la soluzione.
Il sentimento è l’unica cosa in grado di farci prendere la via della responsabilità invece che quella della spietatezza, anche dinanzi a eventi mostruosi di fronte ai quali il nostro pensiero sembra paralizzarsi.

Doug Chayka

Illustrator & Designer

Peace making, peace building e peace keeping.

Occorre contrastare la sopravvivenza di logiche di potenza e di ambizioni imperiali, la permanenza di leader (sic!) attenti solo al proprio particolare tornaconto, trascurando così gli interessi comuni e il bene collettivo.

Ci sono tre potenze a regolare l’ordine del mondo: U.S.A., Russia e Cina: di fatto tre visioni imperialiste pur differenti tra loro.
L’Europa deve assurgere politicamente a quarta potenza, superando l’attuale condizione di aggregazione di stati perché i nostri interessi non coincidono del tutto con quelli degli americani. Infatti una guerra in Europa la indebolisce avviandola verso una devastante recessione economica.

L’U.E. deve porre le premesse durevoli per la costruzione di un nuovo sistema di sicurezza collettiva, di coesistenza e di cooperazione, in Europa e nel mondo.
Questo è il presupposto affinché tutti agiscano in modo da provocare la pace, una pace razionale, premessa per il miglioramento progressivo delle relazioni tra gli Stati. Così scongiurando tensioni crescenti e potenzialmente suscettibili di sfociare in uno scontro armato di ampie dimensioni e dalle conseguenze incalcolabili.

La democrazia si difende giorno per giorno.

Mai come in questi giorni stiamo verificando quanto sia realistico l’effetto farfalla.
Lo avevamo sperimentato con la pandemia. Ma oggi scopriamo che a causa della guerra in Ucraina rischiamo la catastrofe umanitaria in Africa per la penuria di grano. Solo per restare a uno degli effetti più devastanti.

Improvvisamente la guerra non è più un brutto gioco di bambini ma è divenuta realtà. Entra nelle nostre case e nelle nostre vite in tutte le sue sembianze mediatiche. Sembrano infranti tabù che ci hanno accompagnato dal secolo scorso: la terza guerra mondiale e l’uso delle armi nucleari sono diventate ipotesi plausibili.
La guerra è una pazzia! è il grido di dolore di Papa Francesco. Sta a noi tornare umani e savi e pretendere un nuovo sistema di convivenza pacifica non più basato sulla potenza, sulle armi e sulla deterrenza.

Credits: Edward Lich da Pixabay

Di Anna Losurdo, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti per tutti i generi

Anna Losurdo
Un filo rosso verso una società sempre più giusta perchè sempre più uguale

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Guerra e pace

Anna Losurdo
Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà

Leggi l'articolo

Nulla via impervia

Anna Losurdo
Nulla è più poetico di una strada solitaria. Ma davvero c’è poesia nelle vie solitarie di questo nostro tempo?

Leggi l'articolo

La grande follia

Laudato si’
Dobbiamo chiederci non chi può vincere la guerra, ma come disattivarla

Leggi l'articolo

Guerra dentro

Tiziana Nuzzo
Costruttore di pace è chi sia adopera ogni giorno a unire

Leggi l'articolo

Glottologia della guerra

Paola Furini
Noi occidentali non eravamo più abituati ad avere paura

Leggi l'articolo

Supplemento d’anima

Anna Paola Lacatena
Per sfuggire all’attrazione esercitata dall’orrore e dalle sue assolute certezze

Leggi l'articolo

Il fondamento

Aldo Luchi
Chiunque alimenti un conflitto adduce una pretesa superiorità

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli

Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Il Tribunale di Matera rilegge la sentenza delle Sezioni unite

Che sapere per non essere condannati

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
L’ipotesi di delitto di diffamazione aggravata all’interno dei social network è sempre più frequente

Le ragioni dei minori, senza pregiudizi

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
Nelle vicende di affidamento dei figli minori spesso molte illazioni psicologiche ma pochi o nessun fatto

Giustizia in tv ma col PNRR

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
È andato in TV il PNRR, il più grande piano di investimenti della storia dell’Unione Europea

Cosa indossavi?

Pubblicato in |

Maria Critina Carratù
Pubblichiamo la prefazione al libro di Iacopo Benevieri

Un percorso affascinante

Pubblicato in |||

Valeria Pettorino

Cultura scientifica e lungimiranza

Pubblicato in |||

Claudia Segre e Anna Losurdo

Ecosistema della condivisione

Pubblicato in |||

Alessandra Pugnetti

Ecosistema della resilienza

Pubblicato in |||

Leonilde Bonfrate

Ecosistema del pregiudizio

Pubblicato in |||

Serenella Civitelli