httpsabcdsol.comesblog8-landscape

A.I. una nuova empatia per la cura

di Anna Losurdo

Nel dibattito pubblico sono ormai continui gli aggiornamenti sui progressi nella robotica.
Sembra che l’intelligenza artificiale sia ormai a portata di mano.
E sembra, anche, che non se ne possa fare a meno.
E sembra, infine, che come al solito si sia creato un bisogno prima ancora di realizzare un “prodotto”.
Si, perché, i robot capaci di intelligenza “umana” e soprattutto di sviluppare i processi decisionali sono, allo stato, una prospettiva lontana e probabilmente anche irrealistica.
Quel che è certo è che gli investimenti nella robotica sono ingenti e nei prossimi anni cresceranno sia il mercato dei robot destinati ad essere “strumenti di compagnia” nelle famiglie così come quello dei “cobots” (macchine programmate per lavorare accanto ai lavoratori umani); i robot debutteranno presto nel settore dell’assistenza e impatteranno sul lavoro di cura e cambieranno il welfare.
Il progressivo invecchiamento della popolazione induce a pensare che la ricerca dovrà presto avere delle ricadute pratiche e non fermarsi più ai prototipi sperimentali dei robot assistenziali.
L’andamento dello sviluppo demografico in molti Paesi europei rappresenta una sfida per i sistemi socio-assistenziali, soprattutto con riferimento al rapporto tra la popolazione in età lavorativa e quella in età senile, alla erogazione dell’assistenza al di fuori dell’ambito famigliare e alla tradizionale ma sempre meno scontata attribuzione di tali compiti a famigliari di genere femminile.
Per molteplici ragioni è ormai ridotta l’assistenza fornita dalle famiglie: i nuclei famigliari tendono ad essere più piccoli che in passato, i componenti della famiglia sono spesso lontani e le donne svolgono attività lavorative.
La robotica assistenziale fornirà il necessario sostegno alle persone anziane in casa propria, alle loro famiglie, a coloro che prestano assistenza informale e sarà di supporto agli operatori del settore dell’assistenza esterna, ridisegnando il lavoro di cura robot-assistito.
La biorobotica si differenzia dalle forme più tradizionali della robotica perché cerca di imitare i principi di semplificazione che permettono di far funzionare in maniera veloce un sistema complesso come il corpo di un essere vivente.
Ecco quindi, che le applicazioni della biorobotica nel campo della assistenza agli anziani e ai disabili spostano l’asse del senso comune: e ciò che siamo abituati a pensare come disumano (una macchina, un robot che si prende cura di corpi) in realtà finisce per consentire alle relazioni di cura¸ importanti e delicate, di restare umane, offrendo ausili per preservarle dagli aspetti più spiacevoli dell’assistenza o per garantire autonomia alle persone assistite che, invece, volendo mantenere il più possibile la propria autonomia nella gestione della propria vita quotidiana potrebbero preferire dispositivi assistivi piuttosto che dipendere da altre persone..
In realtà, le tecnologie sembrano poter fornire un contributo importante alla realizzazione di buone prassi in ambito assistenziale solo se le persone che le usano sono in grado di erogare le prestazioni assistenziali in maniera partecipe, amorevole e attenta, perché i contatti personali, affettivi e sociali sono parte integrante dell’assistenza
Determinante, quindi, è ancora una volta l’apporto umano, senza che venga ridotta o compromessa l’interazione tra le persone assistite e il personale.
Sarà necessario, quindi, che nella progettazione dei robot assistenziali si riescano a riconoscere i bisogni ed emozioni. delle persone assistite.
Sarà necessario che gli operatori non si lascino sopraffare dalla capacità delle macchine utilizzate per la cura robot assistita.
Determinante, anche nella futura interazione tra robot e persone umane resterà la capacità, tutta umana, di costruire relazioni e di interagire con l’altro da sé.

#TOPICS: ultimi articoli

La democrazia degli “imbecilli”

di Carlo Calvieri (Professore associato Istituzioni di diritto pubblico – Dip. Giurisprudenza Unipg)
La libertà di parola non può essere fonte di discriminazione

Leggi l'articolo

Le parole sono finite

di Massimo Corrado Di Florio
Fake news e distopia sociale

Leggi l'articolo

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo
L’Avvocatura è presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete

Leggi l'articolo

Aaron Swartz: la resilienza culturale

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Il Diritto a prendere parte alla vita culturale nella società digitale. La lezione di Aaron Swartz

Leggi l'articolo

Come pesci nel grande oceano

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Dobbiamo stupirci se siamo così immersi in pregiudizi e stereotipi da non accorgercene quasi più?

Leggi l'articolo

Iper – conoscenza super – ignoranza

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La cosa importante, rivoluzionaria era che la notizia era diventata patrimonio comune.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

BARI – MARSALA…. VITTORIA CHE REGALA L’ALLUNGO DECISIVO!

Pubblicato in ||

Dopo la pesante e brutta sconfitta subita sul campo della…

TURRIS – BARI…. SCONFITTA CHE FA MALE!!!

Pubblicato in |

Arriva la seconda sconfitta per la squadra biancorossa in questo…

Garantismo penale e Società globale

Pubblicato in ||||

di Giorgio Pica (Presidente del Tribunale di Matera)
Relazione al Convegno “Dei delitti e delle pene” a 250 anni dalla pubblicazione.

BARI – IGEA VIRTUS…. RIPRENDE LA MARCIA

Pubblicato in |

Una partita che forse non è mai cominciata quella disputatasi…

Fake news e rilevanza penale

Pubblicato in ||||

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano)
La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social

Il meglio di un uomo

Pubblicato in ||||

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale-Gruppo Uomini in gioco di Bari)
Il meglio di un uomo è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni

BENVENUTO FISCO FORFETARIO

Pubblicato in ||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di UN.CA.T.)
Disciplina fiscale del reddito degli avvocati

Lettera aperta al Senatore Simone Pillon

Pubblicato in ||||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Il diritto di famiglia: un’isola che il diritto può solo lambire.

CITTANOVESE – BARI…. PRIMA SCONFITTA, MA NIENTE DRAMMI

Pubblicato in |

Dopo 19 giornate di campionato il Bari perde la propria…

SANCATALDESE – BARI…. ADESSO E’ FUGA

Pubblicato in |

Nel giorno in cui i tifosi biancorossi piangono la scomparsa…

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Pubblicato in |

Nuovo anno, solito Bari. Il Bari ricomincia la stagione nel…