Avvocati: destinazione sostenibilità

Avvocati: destinazione sostenibilità

di Vinicio Nardo (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano)

Non è il nostro primo Bilancio sociale, ma per la prima volta lo redigiamo in forma verificabile, offrendo criteri di riferimento che consentono il riscontro dei dati.
Sono criteri di sostenibilità, parola di moda che può muovere a diffidenza. Da qui l’obbligo di spiegare il senso profondo della nostra iniziativa.

La governance degli Ordini è alle prese con una svolta traumatica, il limite dei due mandati. Una regola sana, perché impone il ricambio, ma ancora non metabolizzata.
Proviamo a darle corpo con questo nuovo tipo di Bilancio che è al contempo un lascito per chi subentrerà nella guida e un suggerimento rivolto a tutti per predisporsi al passaggio del testimone.

Ci aiuta in questo percorso Milano, abituata a progredire facendo tesoro delle esperienze precedenti e sviluppando i progetti già intrapresi, a prescindere dal colore di chi vi pose mano. Una città del cui
ingranaggio l’Ordine ha voluto essere una rotella importante, nonché un modello al quale l’Italia guarda e che perciò ti grava di una responsabilità pari all’entusiasmo che sa trasmetterti.

Fare perché altri facciano. Così la responsabilità sociale diventa responsabilità civile.

Il mondo di fuori cambia velocemente, quello della giustizia meno: la pratica del diritto tende alla conservazione, l’osservanza delle regole invoca stabilità. Ma la stabilità può alimentare il paternalismo,
insofferente alla verificabilità delle proprie scelte, proprio mentre la società domanda più tracciabilità.

Finita l’epoca dei notabili, l’avvocatura deve uniformarsi alla trasparenza della sua vita interna per essere pronta ad assumere nuovi ruoli attivi, sottraendosi a sospetti (tipo quelli, ingiuriosi, avanzati da chi osteggia il diritto di voto, e finanche “di tribuna”, degli avvocati nei Consigli Giudiziari).

L’opacità non è più un privilegio, è un costo sociale.

La seconda ragione che ci ha indirizzati verso questo Bilancio è la necessità di descrivere l’evoluzione delle tante attività messe in piedi dall’Ordine, comprese quelle in cui si esplica la sua funzione sociale.
Non per vanagloria, semmai il contrario: vogliamo evitare la “brochure” autocelebrativa per passare ad un bilancio come se fosse quello di esercizio.
Un vero e proprio documento di “gestione, programmazione e strategia”.

I dati sono presentati con coraggio, per quello che sono, e testimoniano la voglia dell’Ordine di farsi attore positivo sul mercato, a promozione e tutela degli iscritti.
Il prossimo Consiglio troverà un lavoro completo che ha radici nel passato, vita nel presente e uno sguardo prospettico.

Senza anticipare niente, prenderò un aspetto che collega molto bene il passato alla stretta attualità.
L’Ordine da molti anni oramai è di supporto alla collettività con gli “sportelli del cittadino”, un’esperienza via via cresciuta diramandosi verso plurimi fenomeni di disagio sociale e criminale.
I nostri iscritti offrono gratuitamente un primo indirizzo e sostegno, nelle scuole come nei Municipi, in tema di violenza di genere, come di usura e bullismo, ed altro ancora.

Un’esperienza che ci è tornata utile nell’affiancare velocemente i nostri iscritti nella crisi pandemica, fronteggiandone le ansie e gestendo la drastica transizione digitale del “lockdown”. E che ci ha consentito oggi di volgere lo sguardo ai minori non accompagnati in fuga dall’Ucraina sotto le bombe.
Il bagaglio di competenze acquisite ci ha fatto allestire nel giro di 48 ore un circuito di avvocati disponibili a fare da tutori legali tanto efficace da lasciare noi stessi sbalorditi. Pensavamo di limitarci
alla nostra città, invece ci siamo trovati a rispondere a chiamate provenienti da tutta Italia e molte direttamente dall’Ucraina.

In conclusione.

I nostri iscritti sono i primi intermediari tra le persone bisognose di tutela ed il mondo che le avvolge, di conseguenza l’Ordine non può che seguirne la sorte, ossia rimboccarsi le maniche,
sporcarsi le mani e tenere pulita la propria coscienza.

In questo senso, oltre che strumento di “conoscenza”, questo Bilancio è un viaggio dentro la nostra “coscienza”. E siamo grati ad Altis e all’Università Cattolica di averci accompagnato con competenza
e professionalità.

https://www.ordineavvocatimilano.it/it/avvocati-destinazione-sostenibilita/p573

https://www.ordineavvocatimilano.it/media/banner_bilancio-sociale/web_BilancioSostenibilit%C3%A02019-2020.pdf

Credits: suju-foto da Pixabay

Di Vinicio Nardo, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti per tutti i generi

Anna Losurdo
Un filo rosso verso una società sempre più giusta perchè sempre più uguale

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Guerra e pace

Anna Losurdo
Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà

Leggi l'articolo

Nulla via impervia

Anna Losurdo
Nulla è più poetico di una strada solitaria. Ma davvero c’è poesia nelle vie solitarie di questo nostro tempo?

Leggi l'articolo

Nuove parole e nuovi metodi

Anna Losurdo
Improvvisamente la guerra non è più un brutto gioco di bambini

Leggi l'articolo

La grande follia

Laudato si’
Dobbiamo chiederci non chi può vincere la guerra, ma come disattivarla

Leggi l'articolo

Guerra dentro

Tiziana Nuzzo
Costruttore di pace è chi sia adopera ogni giorno a unire

Leggi l'articolo

Glottologia della guerra

Paola Furini
Noi occidentali non eravamo più abituati ad avere paura

Leggi l'articolo

Supplemento d’anima

Anna Paola Lacatena
Per sfuggire all’attrazione esercitata dall’orrore e dalle sue assolute certezze

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli

Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Il Tribunale di Matera rilegge la sentenza delle Sezioni unite

Che sapere per non essere condannati

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
L’ipotesi di delitto di diffamazione aggravata all’interno dei social network è sempre più frequente

Le ragioni dei minori, senza pregiudizi

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
Nelle vicende di affidamento dei figli minori spesso molte illazioni psicologiche ma pochi o nessun fatto

Giustizia in tv ma col PNRR

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
È andato in TV il PNRR, il più grande piano di investimenti della storia dell’Unione Europea

Cosa indossavi?

Pubblicato in |

Maria Critina Carratù
Pubblichiamo la prefazione al libro di Iacopo Benevieri

Un percorso affascinante

Pubblicato in |||

Valeria Pettorino

Cultura scientifica e lungimiranza

Pubblicato in |||

Claudia Segre e Anna Losurdo

Ecosistema della condivisione

Pubblicato in |||

Alessandra Pugnetti

Ecosistema della resilienza

Pubblicato in |||

Leonilde Bonfrate

Ecosistema del pregiudizio

Pubblicato in |||

Serenella Civitelli