conosci te stesso

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)

Forse non è stata una buona idea. O forse si, è stata una buona idea.
E’ un libro molto bello, questo lo sapevo.
Metterlo in valigia insieme agli altri è stato già pregustarne la lettura, solo che qui dalla meraviglia del Peloponneso, nella penisola del Mani, dove anche chi amava pinguini & taccuini, Patagonia e Moleskine, ha voluto far spargere le proprie ceneri, la lettura è a tratti insopportabile e l’orizzonte del Mediterraneo, così luminoso, azzurro e trasparente, è cupo e terribile.

Per quelle associazioni di pensiero fulminanti e ingovernabili mi ritrovo in un attimo sia a Delfi, al “conosci te stesso”, sia a Milano, al “tu sai chi sei?”, tormentone di una recente commedia esistenziale brillante incentrata sul tema dell’identità.
I pensieri si succedono veloci fermandosi poi a Cracovia, sulle parole finali di una nota poesia della amatissima Wislawa: “Conosciamo noi stessi solo fin dove siamo stati messi alla prova. Ve lo dico dal mio cuore sconosciuto”. Così scrive Szymborska, su uno struggente fatto di cronaca, dalla Polonia di fine anni ’50 del secolo scorso.

L’attualità del male”, questo è il titolo del libro

La Libia dei Lager è verità processuale”, questo ne è invece il sottotitolo.

E se è naturale e immediato cogliere subito la evocazione “dei Lager” il tratto giuridicamente saliente è la “verità processuale”.

Particolarmente esplicita la quarta di copertina del libro, collettaneo, curato dalla Associazione per gli studi giuridici sulla immigrazione (ASGI), edizioni SEB 27: “ … le Corti d’assise italiane riconoscono le atrocità che accadono nei Lager in Libia come verità processuale. Donne seviziate e spesso gravide per gli stupri, uomini e bambini prigionieri di luoghi e pratiche atroci, sequestrati e rinchiusi, riscattati e torturati oltre il concepibile fino alla morte…. Un’Europa indegna dei propri valori firma accordi con governi fantoccio e finanzia milizie purchè i migranti vengano trattenuti altrove. Partendo da una significativa sentenza emessa dalla Corte d’assise di Milano contro un cittadino somalo identificato dalle sue vittime come uno degli aguzzini del campo di Bani Walid, questo libro vuole denunciare (anche: ndr) l’orrore … e il cinismo delle politiche europee … Anche grazie a sentenze come quella qui esaminata nessuno potrà più dire di non sapere”.

Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz, macinando chilometri e chilometri attraverso tutti quei laboriosi e ciechi villaggi.
Se oggi ci si vergogna delle leggi razziali (a Milano di recente, su lodevole e commossa iniziativa del nostro Ordine è stata messa a Palazzo di Giustizia una targa a ricordo dei 106 colleghi ebrei emarginati ed esclusi dalla professione) adesso abbiamo sentenze, come quella commentata nel libro, e dunque accertamento dei fatti e responsabilità degli stessi.

Soprattutto abbiamo, dal 1948 in Italia e nel mondo, norme che all’epoca non c’erano: in gennaio, in Italia, la Costituzione e poi, a dicembre, la Dichiarazione dei diritti umani e poi via via negli anni, e decenni successivi, le Convenzioni, le Risoluzioni, le Raccomandazioni europee e internazionali.

Non è differenza da poco. E dunque tu sai chi sei ? Conosciamo noi stessi ?” sono i pensieri che mi attraversano mentre, tra la sorpresa e la frescura dei boschi del Taigeto, scendiamo da Sparta a Kalamata.
Forse non è stata una buona idea volersi fermare per un caffè nell’unico chiosco aperto, a quota 1200, lungo il percorso.
Sul tavolo si agita aperto un giornale: ci sono foto di sbarchi a Samos e di trasferimenti a Kos.

Pic.: Johannes Plenio da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…