dieci priorità

Dieci priorità

a cura del Consiglio direttivo dell’A.S.G.I.

Le novità introdotte negli ultimi anni nella gestione delle politiche migratorie hanno riconfigurato il quadro normativo di riferimento, peggiorando la qualità della vita e la condizione giuridica dei cittadini stranieri.

L’incapacità delle istituzioni pubbliche e della politica di comprendere la realtà migratoria che caratterizza l’Italia oramai da oltre 40 anni e l’irrazionale gestione del fenomeno (a partire dall’incontro a distanza dell’offerta e della domanda di forza lavoro, attraverso l’irragionevole sistema dei decreti flussi, peraltro di fatto inesistenti da vari anni) hanno prodotto effetti devastanti nella società, in primo luogo, sulle persone straniere, legittimando un clima di ostilità sociale (quando non di vero e proprio odio) utile esclusivamente alla politica e che ha allontanato i cittadini stranieri dal quadro costituzionale entro cui doveva essere determinata la loro condizione.

Occorre essere consapevoli che l’immigrazione straniera in Italia continuerà, anche perché perdurano i fattori politici, sociali ed economici che inducono le persone a fuggire dal loro Paese per cercare un futuro di libertà e di pace e una vita serena per sé e per la propria famiglia.

Il processo di stravolgimento del diritto di asilo in Italia ha subito un’accelerazione a partire dal dicembre del 2015, in una sostanziale continuità d’azione dei vari governi succedutisi a partire da quella data. La politica di cooperazione con i paesi di origine e di transito finalizzata al contenimento delle persone nei contesti dai quali sono in fuga, l’introduzione di nuove norme restrittive per mezzo di decreti legge e decreti ministeriali, la diffusione di prassi illegittime hanno contribuito a determinare, negli ultimi anni, un ulteriore salto di qualità dal punto di vista della contrazione dei diritti delle persone straniere, spesso associata alla contrazione dei diritti di tutti.

All’interno di questo complesso scenario, ASGI ritiene che sia urgente una netta discontinuità rispetto alla gestione normativa delle politiche migratorie degli ultimi anni.

La stagione politica che ha determinato una contrazione diffusa dei diritti ha finito per produrre una significativa torsione nella nostra democrazia, messa in pericolo in particolare dall’attacco generalizzato ai diritti dei cittadini stranieri.

E non si fa riferimento soltanto a quanto determinato dal governo precedentemente in carica perché la stagione della riduzione generalizzata dei diritti dei cittadini stranieri ha origine ben prima, coinvolge numerose forze politiche, istituzioni e attori non governativi e perciò richiede un cambiamento strutturale e articolato.

La discontinuità auspicata non può nemmeno limitarsi a una parziale riforma della normativa introdotta nell’ambito degli ultimi due cd. decreti legge su sicurezza ed immigrazione.

È urgente promuovere un dibattito ben più ambizioso e realistico.

ASGI chiede, al fine di ristabilire un livello sufficiente di rispetto del diritto alla protezione internazionale, ineludibile fondamento della democrazia italiana ed europea, che l’attuale governo e la sua maggioranza intervengano sulle principali cause che hanno determinato di fatto lo svilimento del diritto di asilo, di cui possono indicarsi dieci punti.

Non si tratta di un elenco esaustivo ma di una prima traccia, finalizzata all’individuazione delle urgenze sulle quali è necessario che il governo e la sua maggioranza intervengano tempestivamente in attesa di riforme legislative organiche in materia di immigrazione, asilo e cittadinanza.

La posta in gioco è rilevantissima.

Diritto d’asilo e migrazioni: le dieci proposte di ASGI per invertire la rotta

Photo credit: https://www.collater.al/So-Close-JR
(So Close, un’immensa installazione in favore dei rifugiati, dell’artista francese JR, all’Armory Show di New York del 2018)

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…