Il diritto alla non vita

Il diritto alla non vita

di Claudia Corsaro e Francesca Resta (Avvocata e praticante in Bari)

L’introduzione, nel nostro ordinamento, della legge ‘in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento’ (n. 219/2017), quale segnale di estrema umanità e modernità, ha, tuttavia, sollevato, e tutt’ora solleva, anche in ambito giurisprudenziale, notevoli dubbi sulla sua interpretazione.

Il dubbio, si sa, genera dubbio, e dubitando dei reali ambiti applicativi della legge in commento ci siamo domandati se, in seguito a tale novella, vi fosse uno spazio di tutela del cd. diritto alla non vita, in particolare se tale tutela fosse invocabile in favore del ‘soggetto’ concepito, ma non ancora nato, in caso di accertata grave ed invalidante patologia che ne comprometterebbe un’autonoma vita extrauterina se non medicalmente assistita, diagnosticata oltre i termini di cui all’art. 6 L. 194/1978.

La compresenza nel nostro ordinamento di una legge sulla interruzione volontaria di gravidanza – “madrecentrica”, che esclude, dopo i 6 mesi, la possibilità per la donna di interrompere la gravidanza in presenza di gravi malformazioni del feto – e di una legge (L. 219/17), protesa al rispetto di una vita dignitosa, impongono al giurista di interrogarsi sulla attualità della legge del 1978 e sui potenziali contrasti nascenti con la novella del 2017 nella parte in cui prevede la possibilità per gli esercenti la responsabilità genitoriale del minore di esprimere un valido consenso in sua vece per la prosecuzione delle cure ovvero il rifiuto alle stesse.

La legge sul ‘testamento biologico’ tutela il diritto alla c.d. eutanasia passiva ovvero l’autodeterminazione dell’individuo a rifiutare o rinunciare a trattamenti sanitari necessari alla propria sopravvivenza, la legge sulla interruzione volontaria di gravidanza, invece, tutela la libera determinazione della donna a porre fine alla gravidanza in atto sempre che ricorrano determinate condizioni; con riferimento a tale ultimo assetto normativo, dal combinato disposto delle disposizioni ivi presenti, analizzate nel dettaglio nel lavoro di approfondimento, in tanto la sanzione penale è irrogabile, in quanto la scelta di porre fine alla vita del concepito, non ancora nato ovvero di non adoperarsi per mantenerlo in vita, sarebbe stata assunta da terze persone in spregio al diritto alla vita del nascituro, in assenza di un valido consenso espresso da parte dell’avente diritto.

Del pari si potrebbe affermare, senza incorrere in errore che, il diritto alla vita medicalmente assistita sarebbe remissivo rispetto al diritto alla tutela della dignità umana solo in caso di espressione di un valido consenso. Tanto afferma anche il Comunicato della Corte Costituzionale del 25.09.2019 reso in ordine al noto caso Cappato, anticipatore della statuizione in sentenza, a mente del quale “la Corte ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli

Per esprimere un valido consenso, invero, bisogna essere capaci di intendere e volere, e soprattutto comprendere le conseguenze che il rifiuto o la rinuncia al trattamento sanitario comporta.

Di qui il primo punto di contatto/contrasto con la neo-introdotta legge che legittima l’eutanasia passiva anche in caso di minori o incapaci. La possibilità del consenso –l’istituto il cd. consenso informato de quo è ritenuto “principio qualificabile come vero e proprio diritto della persona” (Corte Cost. ord. n. 207 del 24 Ottobre 2018) – dei rappresentanti legali del minore o dell’incapace è, infatti, espressamente prevista dall’art. 3 L. 219/2017 a mente del quale il consenso o il rifiuto al trattamento sanitario possono essere validamente espressi “dagli esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore (…) avendo come scopo la tutela della salute psicofisica e della vita del minore nel pieno rispetto della sua dignità” (c. 2); l’unico limite a tale manifestazione di volontà de relato è costituito dal parere contrario del medico che reputi le cure proposte “appropriate e necessarie”.

In tale ipotesi non remota diviene indispensabile la decisione del “Giudice tutelare” (c. 5) che può essere compulsata da tutti gli aventi diritto (c.5 u.c. “rappresentante legale della persona interessata o dei soggetti di cui agli articoli 406 e seguenti del codice civile o del medico o del rappresentante legale della struttura sanitaria”).

Ma il concepito può essere equiparato all’incapace? Quale è la soggettività giuridica, intesa come fulcro di autonomi diritti soggettivi, in capo al feto? E inoltre le tutele apprestate dall’ordinamento in favore del concepito, la cui nascita, e quindi la vita, comporterebbe uno stato di grave ed irreversibile malessere, clinicamente accertato, sono rispondenti alla salvaguardia del suo diritto ad una vita dignitosa?

Si tratta di elucubrazioni non solo giuridiche, perché riguardano un ambito di vita comune che sfiora tutti, che coinvolge e richiede una presa di posizione in ambito medico, che chiama i genitori ad interrogarsi sulla possibilità di evitare ai propri figli accanimenti terapeutici inutili a migliorare la loro condizione di vita.

L’articolo completo:
https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/11/Il-diritto-alla-non-vita.-La-tutela-della-dignità-del-nascituro-ad-una-vita-non-medicalmente-assistita.pdf

Photo credit: Misha Gordin https://i.ytimg.com

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione