Il genitore affidatario

Il genitore affidatario

di Andrea Mazzeo (Psichiatra in Lecce)

Il quotidiano Il Dubbio ha pubblicato, il 16 settembre, un articolo dal titolo “L’affidamento e la sindrome dell’alienazione genitoriale”; è ormai acclarato che tale presunta sindrome, per brevità PAS, non ha alcuna validità scientifica, come da dichiarazione del Ministro della Salute del 18 ottobre 2012 (https://bit.ly/3cAx7oQ); non si fa buona informazione riproponendo questo concetto antiscientifico.

Vi è contenuta la seguente affermazione, molto opinabile se non del tutto errata: “Ed è per questo che le madri sono spesso chiamate in causa, poiché è evidente che chi può ostacolare la bigenitorialità è l’affidatario e non l’altro”. Non viene però fornita alcuna prova di questa “evidenza”, non si comprende da quali elementi concreti e oggettivi scaturisca tale evidenza; è solo l’opinione personale dell’autore.
Ma qualsiasi opinione, anche se di fonte autorevole, rimane pur sempre un’opinione soggettiva e non una verità oggettiva.

Né si comprende in che modo il genitore affidatario (forse l’autore dell’articolo intendeva dire collocatario, visto che l’affido è sempre condiviso tranne quando il giudice lo ritenga di pregiudizio per il minore) possa ostacolare la bigenitorialità.

Sono, le mie, osservazioni retoriche; so bene che secondo la teoria della PAS o alienazione parentale, il genitore collocatario ostacolerebbe la bigenitorialità attraverso le cosiddette condotte alienanti (denigrazione dell’altro genitore, pressioni psicologiche sul minore per portarlo a rifiutare l’altro genitore, ecc.).
Tale nuovo concetto, che lungi dall’essere scientificamente accreditato è solo l’opinione di una psicologa statunitense, Amy Backer, non è supportato da alcun dato scientifico; peraltro, una recente sentenza della Corte Suprema della Contea di Monroe (NY), Giudice Richard A. Dollinger, definisce la testimonianza di esperti della PAS, tra cui la d.ssa Backer, come “l’apice della follia” (For this court, the expert’s comment, at times, reached almost the apex of foolishnesshttps://bit.ly/2G8pkCT).

Nella mia esperienza ho prova del contrario, e cioè che le pressioni psicologiche esercitate sul minore da un genitore allontanano il minore proprio da questo genitore.

Il caso più emblematico è di Milano: quattro figli, affido condiviso, collocamento dalla madre, regolare diritto di visita del padre; quindi nessun conflitto.
La maggiore appena compiuti i 18 anni ha chiesto al padre di poter andare a studiare all’estero e il padre, imprenditore, si è accollato le spese relative. Dopo alcuni mesi il secondogenito, 16 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui perché non sopportava più la madre; successivamente anche il terzogenito, 13 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui per gli stessi motivi. Per quest’ultimo si è aperto un procedimento giudiziario perché la madre accusava l’ex-marito di averle messo i figli contro.

Consulente della madre era uno dei firmatari del memorandum dei 131, un neuropsichiatra infantile che sostiene la PAS; contraddicendo tutto quanto sostenuto sino ad allora, e cioè che chi può manipolare i figli è il genitore collocatario (in questo caso la madre) nella sua relazione ha sostenuto che era il padre (genitore non collocatario) ad aver condizionato i figli causando loro l’alienazione parentale; questo nonostante le lettere dei ragazzi (13 e 16 anni) nelle quali spiegavano alla madre i motivi delle loro scelte, e pur in assenza di rifiuto verso la madre regolarmente visitata dai due figli, e verso i parenti del ramo materno.

Un caso analogo, un solo figlio, l’ho seguito in provincia di Bari dove il CTU ha parlato di PAS per un ragazzo collocato dalla madre e che, stanco delle pressioni psicologiche materne, è andato spontaneamente a vivere dal padre.

Sono dati oggettivi che smentiscono l’intera teoria della PAS.

Le pressioni psicologiche, la denigrazione dell’altro genitore, allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto.

Image credit: Steve Buissinne da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Giustizia con la “R”

Stefania Amato
Giustizia riparativa perché non persegue una risposta meramente punitiva al reato

Leggi l'articolo

Chi ha paura dell’I.A.

Anna Losurdo
La crescente complessità della vita sociale sembra invece ampliare gli ambiti di operatività degli avvocati

Leggi l'articolo

Flatus vocis

Sergio D’Angelo

Leggi l'articolo

Diritto inviolabile

Maurizia Borea
Il diritto di difesa passa anche attraverso l’informazione

Leggi l'articolo

Parlare? A che pro?

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre

Leggi l'articolo

La nuova retorica

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Leggi l'articolo

Suicidio annunciato

Antonella Calcaterra
I tempi della giustizia e della sanità non coincidono quasi mai con i bisogni di cura delle persone

Leggi l'articolo

Arringa sapiente

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Leggi l'articolo

Pensieri, parole, opere e omissioni

Michele Passione
Non restare acquiescenti resta la base di tutto

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Magia delle parole della legalità

Pubblicato in |||

Angela Mazzia e Alessandra Tilli
Le parole della legalità brillano nell’incanto della narrazione fiabesca

Vergogna

Pubblicato in |||

Aldo Luchi
La parola che più di ogni altra ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee

Quando una morte fa rumore

Pubblicato in |||

Valeria Tocchio
Occorre una rete formativa e informativa strutturata e coordinata

Percorsi di recupero?

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Uno dei punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Gli ambiti di intervento della legge delineano il futuro Welfare per le aziende e per le famiglie

Rinascita

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il riscatto da un destino che sembrava segnato per sempre

Ignoranze

Pubblicato in |||

Nicky Persico
L’ignoranza è una colpevole forma di ottusità autoindotta

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

Diritto e magia

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
Evitare il rischio di confondere autorevolezza e autorità usando un linguaggio comprensibile

Le parole per dire che è finita

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani