Il genitore affidatario

Il genitore affidatario

di Andrea Mazzeo (Psichiatra in Lecce)

Il quotidiano Il Dubbio ha pubblicato, il 16 settembre, un articolo dal titolo “L’affidamento e la sindrome dell’alienazione genitoriale”; è ormai acclarato che tale presunta sindrome, per brevità PAS, non ha alcuna validità scientifica, come da dichiarazione del Ministro della Salute del 18 ottobre 2012 (https://bit.ly/3cAx7oQ); non si fa buona informazione riproponendo questo concetto antiscientifico.

Vi è contenuta la seguente affermazione, molto opinabile se non del tutto errata: “Ed è per questo che le madri sono spesso chiamate in causa, poiché è evidente che chi può ostacolare la bigenitorialità è l’affidatario e non l’altro”. Non viene però fornita alcuna prova di questa “evidenza”, non si comprende da quali elementi concreti e oggettivi scaturisca tale evidenza; è solo l’opinione personale dell’autore.
Ma qualsiasi opinione, anche se di fonte autorevole, rimane pur sempre un’opinione soggettiva e non una verità oggettiva.

Né si comprende in che modo il genitore affidatario (forse l’autore dell’articolo intendeva dire collocatario, visto che l’affido è sempre condiviso tranne quando il giudice lo ritenga di pregiudizio per il minore) possa ostacolare la bigenitorialità.

Sono, le mie, osservazioni retoriche; so bene che secondo la teoria della PAS o alienazione parentale, il genitore collocatario ostacolerebbe la bigenitorialità attraverso le cosiddette condotte alienanti (denigrazione dell’altro genitore, pressioni psicologiche sul minore per portarlo a rifiutare l’altro genitore, ecc.).
Tale nuovo concetto, che lungi dall’essere scientificamente accreditato è solo l’opinione di una psicologa statunitense, Amy Backer, non è supportato da alcun dato scientifico; peraltro, una recente sentenza della Corte Suprema della Contea di Monroe (NY), Giudice Richard A. Dollinger, definisce la testimonianza di esperti della PAS, tra cui la d.ssa Backer, come “l’apice della follia” (For this court, the expert’s comment, at times, reached almost the apex of foolishnesshttps://bit.ly/2G8pkCT).

Nella mia esperienza ho prova del contrario, e cioè che le pressioni psicologiche esercitate sul minore da un genitore allontanano il minore proprio da questo genitore.

Il caso più emblematico è di Milano: quattro figli, affido condiviso, collocamento dalla madre, regolare diritto di visita del padre; quindi nessun conflitto.
La maggiore appena compiuti i 18 anni ha chiesto al padre di poter andare a studiare all’estero e il padre, imprenditore, si è accollato le spese relative. Dopo alcuni mesi il secondogenito, 16 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui perché non sopportava più la madre; successivamente anche il terzogenito, 13 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui per gli stessi motivi. Per quest’ultimo si è aperto un procedimento giudiziario perché la madre accusava l’ex-marito di averle messo i figli contro.

Consulente della madre era uno dei firmatari del memorandum dei 131, un neuropsichiatra infantile che sostiene la PAS; contraddicendo tutto quanto sostenuto sino ad allora, e cioè che chi può manipolare i figli è il genitore collocatario (in questo caso la madre) nella sua relazione ha sostenuto che era il padre (genitore non collocatario) ad aver condizionato i figli causando loro l’alienazione parentale; questo nonostante le lettere dei ragazzi (13 e 16 anni) nelle quali spiegavano alla madre i motivi delle loro scelte, e pur in assenza di rifiuto verso la madre regolarmente visitata dai due figli, e verso i parenti del ramo materno.

Un caso analogo, un solo figlio, l’ho seguito in provincia di Bari dove il CTU ha parlato di PAS per un ragazzo collocato dalla madre e che, stanco delle pressioni psicologiche materne, è andato spontaneamente a vivere dal padre.

Sono dati oggettivi che smentiscono l’intera teoria della PAS.

Le pressioni psicologiche, la denigrazione dell’altro genitore, allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto.

Image credit: Steve Buissinne da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno