Il genitore affidatario

Il genitore affidatario

di Andrea Mazzeo (Psichiatra in Lecce)

Il quotidiano Il Dubbio ha pubblicato, il 16 settembre, un articolo dal titolo “L’affidamento e la sindrome dell’alienazione genitoriale”; è ormai acclarato che tale presunta sindrome, per brevità PAS, non ha alcuna validità scientifica, come da dichiarazione del Ministro della Salute del 18 ottobre 2012 (https://bit.ly/3cAx7oQ); non si fa buona informazione riproponendo questo concetto antiscientifico.

Vi è contenuta la seguente affermazione, molto opinabile se non del tutto errata: “Ed è per questo che le madri sono spesso chiamate in causa, poiché è evidente che chi può ostacolare la bigenitorialità è l’affidatario e non l’altro”. Non viene però fornita alcuna prova di questa “evidenza”, non si comprende da quali elementi concreti e oggettivi scaturisca tale evidenza; è solo l’opinione personale dell’autore.
Ma qualsiasi opinione, anche se di fonte autorevole, rimane pur sempre un’opinione soggettiva e non una verità oggettiva.

Né si comprende in che modo il genitore affidatario (forse l’autore dell’articolo intendeva dire collocatario, visto che l’affido è sempre condiviso tranne quando il giudice lo ritenga di pregiudizio per il minore) possa ostacolare la bigenitorialità.

Sono, le mie, osservazioni retoriche; so bene che secondo la teoria della PAS o alienazione parentale, il genitore collocatario ostacolerebbe la bigenitorialità attraverso le cosiddette condotte alienanti (denigrazione dell’altro genitore, pressioni psicologiche sul minore per portarlo a rifiutare l’altro genitore, ecc.).
Tale nuovo concetto, che lungi dall’essere scientificamente accreditato è solo l’opinione di una psicologa statunitense, Amy Backer, non è supportato da alcun dato scientifico; peraltro, una recente sentenza della Corte Suprema della Contea di Monroe (NY), Giudice Richard A. Dollinger, definisce la testimonianza di esperti della PAS, tra cui la d.ssa Backer, come “l’apice della follia” (For this court, the expert’s comment, at times, reached almost the apex of foolishnesshttps://bit.ly/2G8pkCT).

Nella mia esperienza ho prova del contrario, e cioè che le pressioni psicologiche esercitate sul minore da un genitore allontanano il minore proprio da questo genitore.

Il caso più emblematico è di Milano: quattro figli, affido condiviso, collocamento dalla madre, regolare diritto di visita del padre; quindi nessun conflitto.
La maggiore appena compiuti i 18 anni ha chiesto al padre di poter andare a studiare all’estero e il padre, imprenditore, si è accollato le spese relative. Dopo alcuni mesi il secondogenito, 16 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui perché non sopportava più la madre; successivamente anche il terzogenito, 13 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui per gli stessi motivi. Per quest’ultimo si è aperto un procedimento giudiziario perché la madre accusava l’ex-marito di averle messo i figli contro.

Consulente della madre era uno dei firmatari del memorandum dei 131, un neuropsichiatra infantile che sostiene la PAS; contraddicendo tutto quanto sostenuto sino ad allora, e cioè che chi può manipolare i figli è il genitore collocatario (in questo caso la madre) nella sua relazione ha sostenuto che era il padre (genitore non collocatario) ad aver condizionato i figli causando loro l’alienazione parentale; questo nonostante le lettere dei ragazzi (13 e 16 anni) nelle quali spiegavano alla madre i motivi delle loro scelte, e pur in assenza di rifiuto verso la madre regolarmente visitata dai due figli, e verso i parenti del ramo materno.

Un caso analogo, un solo figlio, l’ho seguito in provincia di Bari dove il CTU ha parlato di PAS per un ragazzo collocato dalla madre e che, stanco delle pressioni psicologiche materne, è andato spontaneamente a vivere dal padre.

Sono dati oggettivi che smentiscono l’intera teoria della PAS.

Le pressioni psicologiche, la denigrazione dell’altro genitore, allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto.

Image credit: Steve Buissinne da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora