Libere dall’autorizzazione maritale

Libere dall’autorizzazione maritale

di Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)

Un anniversario: solo 100 anni!?

100 anni solamente sono passati dalla c.d. “Legge Sacchi” (Deputato Ettore Sacchi, proponente in Parlamento, all’epoca del Ministro di Grazia e Giustizia Giuseppe Zanardelli).
Il 19 luglio 1919 veniva pubblicata in G.U. la legge, promulgata da Re d’Italia Vittorio Emanuele III “per grazia di Dio e per volontà della Nazione”, approvata da Senato e Camera dei Deputati, che stabiliva “norme circa capacità giuridica della donna” e che, modificando il Codice civile del 1865, aboliva l’istituto dell’autorizzazione maritale e riconosceva, seppur con delle limitazioni, l’accesso delle donne agli impieghi pubblici e all’esercizio delle professioni.

Solo negli anni ’20, dopo oltre 50 anni di iniziative, le donne italiane riuscirono sostanzialmente ad ottenere qualche forma di attuazione di una piena cittadinanza, seppur non ancora paritaria.
Dopo una battaglia legale ultradecennale, nel 1920, Lidia Poet, all’età di 65 anni, poté iscriversi all’Albo degli Avvocati di Torino ed utilizzare il titolo di Avvocato.
Si dovrà arrivare all’anno 1946 per le prime elezioni a suffragio universale e al 1947, quando l’Assemblea costituente approvò l’articolo 3 della Costituzione, per il susseguirsi di leggi a sostegno delle donne e della maternità.

Nel 1960, nella rivista “Donne d’Italia“, edita dal Movimento femminile di azione cattolica l’Avvocata Valentina Barilli del Foro di Reggio Emilia (1930-2019), che ha esercitato negli anni in cui la professione forense era quasi esclusivamente maschile, riconosceva come, sebbene l’istituto della potestà maritale si rilevasse nella mentalità e nel costume sotto molti aspetti superato, molte norme giuridiche non avessero ancora subito modifica.
Il Codice di quell’epoca, infatti, irremovibile sulle sue concezioni napoleoniche, rimaneva sostanzialmente ancorato alla tradizionale equiparazione della donna ad altri soggetti di ridotta capacità giuridica.

Importanti passi in avanti, sul cammino della affermazione delle donne e della loro ascesa ai vertici delle istituzioni, della politica, dell’economia sono stati fatti in seguito e, senza questi fondamentali passaggi, non avremmo nel XXI secolo tante donne impegnate nelle libere professioni.

Il libro “Le leggi delle donne che hanno cambiato l’Italia”, curato dalla Fondazione Nilde Iotti, riporta i progressi legislativi della vita repubblicana, che hanno contribuito a modificare la situazione femminile e che hanno visto le donne come protagoniste principali, verso il cambiamento sociale, culturale e giuridico.

Un lento cammino, verso la condizione attuale delle professioniste, dove qualsiasi discorso verso la parità infastidisce, anche qualche donna arrivata ai vertici. Lo si avverte nei vari consessi, nei quali gli uomini accennano a “quote azzurre” ed attaccano le donne, accusandole di non votarsi fra di loro.
Come si comprende bene manca una visione di riequilibrio della parità, che è una visione democratica, non una questione sessista.
Il principio giuridico della parità va infatti inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona e ritengo debba passare attraverso la sensibilità di uomini e donne.

Alle giovani generazioni di professioniste la situazione odierna appare quasi scontata, ma essa è il frutto di un lento lavoro di rimozione di impedimenti, verso un cambiamento di mentalità e di condizioni di vita, ancora in itinere.

Suggerisce sapientemente l’Avvocata Ilaria Li Vigni, nel suo ultimo libro “Donne e potere di fare” edito da Franco Angeli: “Resta molto da fare e sarà fondamentale, in questa fase critica, il ruolo delle donne che sono riuscite a incrinare il “soffitto di cristallo”.
La posizione al vertice di alcune di loro sarà una determinante leva sociale se aprirà a scelte libere e se saprà accelerare mutamenti significativi: l’innovazione dell’organizzazione del lavoro con orari flessibili, la creazione delle condizioni per un guadagno equo e il superamento, in tema di educazione, di modelli culturali ancorati a stereotipi di genere.
Solo con questi radicali mutamenti sociali potremo assistere a un equilibrio di genere moderno, concreto e davvero compiuto
“.

Un cammino dunque ancora in corso, che aprirà a mutamenti nella misura in cui la libertà di pensiero delle donne riuscirà a trovare più spazio, come valore aggiunto verso il miglioramento della società.
Non dimentichiamo che le donne, rispetto agli uomini, sono più affidabili, concrete e meno inclini alla pratica corruttiva, come confermano alcuni studi sociologici. Si tratta di aspetti positivi della personalità delle donne in generale, sui quali va richiamata l’attenzione per la promozione e la valorizzazione della componente femminile, dei suoi meriti, nei vari ambiti ed anche ai vertici, dove le donne restano sottorappresentate soprattutto nei luoghi decisionali economici.

Photo credit: Abstract-Aerial-Art_Burnout.jpg

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse