Non uno di meno, non un diritto di meno

Non uno di meno, non un diritto di meno

di Filomena Albano (Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza)

Sono trascorsi 30 anni dall’adozione a New York della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La ricorrenza impone un bilancio su ciò che è stato fatto e sulle sfide, presenti e future. Cosa manca per la piena attuazione dei diritti in Italia lo ha indicato il Comitato Onu. Tra le raccomandazioni di febbraio 2019: superare le disparità territoriali e raccogliere dati su violenza, disabilità, fuori famiglia, salute mentale e dispersione scolastica. E ancora: assicurare maggior ascolto ai minorenni, garantire il diritto alla salute, contrastare l’abbandono scolastico, garantire la sicurezza degli edifici e migliorare la protezione dei minorenni vulnerabili.

Allo stesso tempo se guardiamo la realtà di oggi, troviamo un mondo diverso: sono emersi nuovi bisogni, nuove esigenze e nuove vulnerabilità. Aumentano gli individualismi, si disgregano le relazioni a tutti i livelli: di coppia, tra generazioni e nella comunità. Abbiamo riflettuto su questo e abbiamo anche ascoltato bambini e ragazzi. Ne sono emersi nuovi diritti. Tra essi ricordo il diritto dei bambini a non essere lasciati soli, a non dover assistere a discussioni o litigi tra genitori, a coltivare i propri sogni e a realizzarli, a utilizzare in modo consapevole e sicuro i nuovi media digitali.

Sarebbe bene parlare di diritti in crescita. I diritti sono sì punti fermi, ma vanno interpretati in chiave evolutiva alla luce del principio, fissato dalla Convenzione, della prevalenza del superiore interesse del minore.

I diritti devono comunque essere realizzati e garantiti nei confronti di tutte le persone di minore età, senza differenze. I servizi all’infanzia e all’adolescenza devono rispettare standard minimi uguali per tutti. Per colmare tali differenze occorre definire i livelli essenziali delle prestazioni previsti dalla Costituzione. Come Autorità garante ne abbiamo indicati quattro: mense scolastiche per tutti i bambini delle scuole dell’infanzia, posti di nido autorizzati per almeno il 33% dei bambini fino a 36 mesi, spazi-gioco inclusivi per i bambini da zero a 14 anni e una banca dati sulla disabilità dei minorenni.

Si tratta non di punti di arrivo, ma dell’inizio di un percorso per definirne altri cosicché sia possibile celebrare i 30 anni della Convenzione dando il via a una serie di azioni concrete per l’attuazione dei diritti di bambini e ragazzi.
Perché nessun bambino resti indietro. Non uno di meno, non un diritto di meno.

Pubblichiamo l’editoriale della Garante in occasione del trentennale della Convenzione di New York, adottata il 20 novembre 1989 https://www.garanteinfanzia.org/il-garante/editoriali/non-uno-di-meno-non-un-diritto-di-meno

https://garanteinfanzia.us17.list-manage.com/track/click?u=b70888ee7d0618d0428985979&id=4c0d9b709a&e=f918f09629

Photo credit: ilquotidianoinclasse

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona