Processo a vita

Processo a vita

di Guglielmo Starace (Presidente della Camera penale di Bari)

Soltanto un’insperata presa di coscienza della gravità della situazione potrà salvarci dall’entrata in vigore, prevista dal primo gennaio 2020, di una norma secondo cui, dopo l’impugnazione di una sentenza di primo grado, anche di assoluzione, la durata del processo non avrà più alcun limite perché il tempo necessario alla prescrizione del reato sarà fermato.
Fermato per sempre e non sospeso perché giammai potrebbe riprendere a decorrere.

Questa disposizione, contro la quale si sono già schierate l’intera avvocatura, l’accademia dei giuristi e buona parte della magistratura, contrasta palesemente con la norma costituzionale che individua anche nella ragionevole durata del processo un irrinunciabile principio di civiltà giuridica.
É infatti incivile consentire che un imputato rimanga eternamente sospeso nelle maglie di un processo che, essendo senza fine, rappresenta comunque una condanna.
Allo stesso modo è incivile che la persona offesa rischi di rimanere per sempre in attesa di una pronuncia definitiva sui suoi diritti.

Il principio che deriverebbe dalla nuova disciplina è quello secondo cui ogni cittadino può restare in balia della giustizia penale dopo la sentenza di primo grado fino a quando lo Stato non riterrà di concludere il processo.
Il motivo di questa scelta risiede nella convinzione che in Italia si prescrivono troppi reati, e “i colpevoli la fanno franca”.
E questa errata convinzione alberga nell’immaginazione dei cittadini da quando la prescrizione ha una durata “differenziata” a seconda della persona dell’imputato.
Perché dal dicembre del 2005 il medesimo reato commesso da più persone si estingue in tempi differenti che dipendono dai trascorsi dell’imputato.
E siccome il senso della punizione di una fattispecie di reato risiede principalmente nell’offesa del bene comune, è apparsa subito francamente incomprensibile questa distinzione “ad personam”, diventando terreno fertile per il retropensiero generalizzato della prescrizione come “scudo” per alcuni colpevoli.

Tornando al presente, non può non pensarsi che la decisione assunta con la riforma, oltre a comportare delle assurde ingiustizie per imputati e persone offese, non costituisce rimedio per ridurre il numero delle prescrizioni perché circa il 70% delle prescrizioni maturano (dati ufficiali del Ministero di Giustizia) prima della sentenza di primo grado e perché la riforma Orlando, entrata in vigore appena due anni fa, ha ulteriormente allungato di complessivi tre anni dopo la sentenza di primo grado e fino al giudizio di Cassazione i termini di prescrizione dei reati, già di per sé molto alti soprattutto con riguardo a quelli cosiddetti di maggiore allarme sociale.

Ma quali saranno le conseguenze del “processo penale infinito”?
La persona sottoposta al processo, oltre all’angoscia di essere sempre “imputata”, e quindi alla pena costituita dal processo, avrà comunque difficoltà a fare progetti per la sua vita (ad esempio, rischia di non poter partecipare ad un concorso pubblico) sapendo di essere sottoposta ad un procedimento del quale non può sapere la data di chiusura.

Costituisce fatto notorio che i processi per reati che si prescrivono in tempi più dilatati (nel nostro sistema abitano tante prescrizioni lunghissime) vengono celebrati molto lentamente perché è fisiologico che -a fronte di un carico di lavoro elevato rispetto a strutture carenti e personale insufficiente- si prediliga la trattazione dei processi con prescrizione vicina, inevitabilmente mettendo in secondo piano quelli con prescrizione lontana.
Si tenga bene a mente che la prescrizione non è uno strumento a disposizione dei difensori sia perché matura nella maggior parte dei casi nella fase delle indagini preliminari, nel corso delle quali il difensore non può fare nulla, sia perché ad ogni richiesta di rinvio del processo da parte del difensore corrisponde una sospensione del decorso della prescrizione.

La prospettata riforma è la più grande espressione del populismo giudiziario perché rende comunque ingiusto il processo giusto, spostando il momento terminale del processo a distanza di tanti anni dai fatti.
E a distanza di tanti anni appare ingiusta una condanna, un’assoluzione, un’esecuzione della pena: appare ingiusta ogni conclusione.
Si presenta come una riforma civile perché gioca sulla comune indignazione rispetto ad un reato prescritto, ma è in realtà incivile perché allunga a dismisura i tempi tra fatto e pronuncia giurisdizionale.
Come sarebbe incivile una sentenza di assoluzione dopo anni di gogna mediatica ovvero una sentenza di condanna di una persona che può essere ormai diversa da quella che ha commesso il reato.
Si rischia di perseguire un peccato di gioventù commesso da una persona ormai socialmente realizzata ed integrata, e quindi provocare un danno per la persona e per la società tutta.

Senza prescrizione non c’è più la speranza di avere giustizia in tempi ragionevoli.
E l’essere umano senza speranza è il più pericoloso.
L’essenza del populismo giudiziario è proprio questa: dire che si è fatto qualcosa, mentre in realtà nel migliore dei casi non si è fatto niente, ma nel peggiore si è fatto il contrario.
Assistiamo quotidianamente a processi dalla durata insopportabile, strutture che cadono a pezzi, penuria di personale, senso diffuso di ingiustizia, che certe volte non si consuma grazie all’impegno vero di donne e uomini che si rimboccano le maniche e si impegnano gettando il cuore oltre l’ostacolo per dare giustizia ai cittadini.
Insomma, la parte migliore del Paese fa di necessità virtù e porta avanti la baracca.

Il processo senza prescrizione è un viaggio verso l’ignoto, è una partenza senza arrivo, è come cancellare la data di scadenza di un prodotto alimentare per farlo sembrare più buono, è mancanza di lealtà dello Stato verso il cittadino sospeso.
La sospensione sine die della prescrizione equivale alla sospensione sine die delle garanzie del cittadino.
Gli avvocati devono intervenire quando i principi costituzionali sono a rischio e, quindi, quando i cittadini sono in pericolo.

Per questo continueremo nella nostra protesta contro questo ergastolo processuale e abbiamo organizzato, con tutti gli avvocati penalisti italiani, per la settimana dal 2 al 7 dicembre a Roma una “maratona oratoria” in cui impegneremo tutte le nostre forze per fare comprendere la gravità dell’errore commesso con la soppressione della prescrizione.

#sempreperlepersone

Photo credit: koji-tajima imgc.artprintimages.com/chaotic-traffic_

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione