Vestali a chi?

Vestali a chi?

di Loredana Papa (Avvocata in Bari)

Comincio con una confessione: fino a qualche tempo fa mi dichiaravo assolutamente contraria alle quote di genere e così anche alla declinazione delle parole al genere femminile laddove non proprio di uso comune. Mi sembrava che le quote nascondessero l’ammissione che le donne rappresentino una “categoria” da proteggere e che non siano abbastanza capaci di prendersi gli spazi nel mondo del lavoro, nella politica e nella rappresentanza per ruolo, competenza e qualificazione, dovendo invece ricorrere allo strumento del rispetto di un numero legale.

E così ritenevo che un linguaggio di genere sottolineasse una differenza nell’espletamento di una funzione, che non volevo in realtà venisse sottolineato.
Ebbene … mi sbagliavo! Col tempo l’ho capito!
Le quote di genere sono servite (e servono) per imporre una presenza femminile che in tanti casi sarebbe rimasta ancora esclusa.
Il linguaggio di genere è utilissimo, perché incidere sull’abitudine al pensiero anche attraverso l’espressione letterale, è un primo passo verso e per il cambiamento.
Ma di strada da percorrere ce n’è ancora tanta!!

Il motivo di questa riflessione nei giorni del lockdown -che comunque ci sta dando spazi temporali impensabili- è la definizione attribuita, in un articolo pubblicato su un quotidiano, a due donne che ricoprono incarichi pubblici, come “le brave vestali della cultura“.
Ho ricercato la definizione di vestale nei dizionari della lingua italiana: nell’antica Roma le vestali erano le vergini sacerdotesse che formavano il collegio sacro addetto al culto della dea Vesta e alla custodia del fuoco sacro e del focolare domestico e pubblico; in senso figurato si definisce vestale chi tutela un valore ideale, un principio, con grande intransigenza e rigore e per lo più in forma ostentata o senza averne titolo (definizione tratta dal vocabolario on line Treccani).

Certo si può pensare che la definizione, contenuta nell’articolo di stampa, intendesse esaltare il ruolo delle brave amministratrici pubbliche, sottolineandone le doti femminili di cura, dedizione e custodia.
Ma è davvero così?
Il rischio è quello di instillare nel lettore l’idea che le donne, pure quando ricoprono posizioni di rilievo pubblico e così di potere, se sono brave e capaci hanno (o forse conservano) il ruolo (al più) di custodire qualcosa di prezioso che è, però, altro da loro; si occupano, si prendono cura di qualcosa, non concretizzano esse stesse il ruolo e la funzione che rivestono.

Il linguaggio può fare davvero la differenza: la tentazione di definire e così di catalogare le donne all’interno di ambiti tipicamente femminili, pur attribuendo a tali ambiti un elevato valore positivo, può nascondere l’abitudine alla delimitazione per genere, che non produce l’ampiezza e la neutralità del pensiero necessaria per sfuggire agli stereotipi o… ai recinti.

Image credit: Rozenn Le Gall
https://66.media.tumblr.com

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse