I 150 anni della Ragioneria dello Stato

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)

Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.
Quando poi la ricorrenza è di quelle secolari, come quest’anno per i 150 anni
della Ragioneria dello Stato, l’attenzione da porre, per la forza dei numeri, è
ancora maggiore.

Capita così che la Nazione, attraverso la Zecca di Stato, prenda 18 grammi di argento 925 e ne batta una moneta da 5 euro, con un disegno di Leonardo da Vinci a rappresentare l’altra faccia della medaglia rispetto al lato su cui è incisa la sede centrale della Ragioneria.

O che Istituzioni prestigiose, come l’Università degli Studi di Foggia – che
celebra tra l’altro nello stesso anno i suoi 4 lustri di vita – organizzi un
importante momento di riflessione, quello di questa mattina, sul ruolo di una
fondamentale branca della Pubblica Amministrazione.

Celebrazioni di forma – quella della moneta – e di sostanza – quella dei momenti pubblici d’incontro e confronto.
Momenti di fondamentale importanza, perché non è mai di troppo un approfondimento sull’agire pubblico dello Stato, utile come potrebbe essere all’aumento di conoscenza del funzionamento della macchina amministrativa, e al conseguente innalzamento del livello di consapevolezza delle comunità, indispensabile per poter esprimere un giudizio sullo stesso servizio pubblico.

Probabilmente, infatti, la Ragioneria dello Stato rappresenta un’Istituzione pienamente conosciuta solo dagli addetti ai lavori e dai soggetti che, in qualche modo, si trovano a relazionarsi con essa.
Eppure svolge un ruolo fondamentale per il buon andamento del Paese Italia, preordinata com’è alla predisposizione del bilancio di previsione e del rendiconto generale dello Stato, alla tenuta della contabilità generale, alla vigilanza sulla spesa pubblica e all’accertamento delle entrate.
Senza dimenticare la vigilanza sull’attività finanziaria e contabile di tutti gli enti pubblici e degli enti locali.
Nella vita quotidiana, poi, monitora la spesa che riguarda il pubblico impiego, opera previsioni, stime e proiezioni correlate con le proposte legislative del governo.

Compiti fondamentali, che mettono la Ragioneria dello Stato, come recita il titolo dell’incontro di oggi, “a difesa delle risorse pubbliche”, a  difesa, dunque, delle risorse di tutti i cittadini: nel 1869, infatti, fu creata la Ragioneria proprio per rispondere all’esigenza, emersa con la costituzione dello Stato unitario, di razionalizzare il sistema di contabilità delle entrate e delle spese dello Stato ai fini della loro migliore gestione e programmazione.

Oggi la Pubblica Amministrazione, con ogni suo singolo ramo, concorre con un ruolo di primo piano al buon funzionamento di uno Stato efficace, efficiente ed attento ai bisogni dei cittadini.
Efficacia, efficienza e trasparenza dell’azione amministrativa, uniti a chiarezza e semplicità legislativa assumono – nell’ambito di un’economia sempre più globalizzata – un ruolo fondamentale nella competizione tra i Paesi, determinando l’attrattività economica della Nazione, parametro di riferimento per gl’investimenti delle imprese.

Riflettere dunque su questi aspetti, se da un lato è necessario alla nostra stessa Amministrazione per cogliere spunti d’interesse utili a migliorare la propria performance, i risultati della propria azione, dall’altro risponde alla necessità, come accennavo all’inizio del mio saluto,  di un approfondimento sociale e culturale, considerata la stretta correlazione che c’è tra la distanza percepita dei cittadini dalle Istituzioni e il sentiment degli stessi nei confronti di una PA che i casi di cronaca riportano macchiata, spesso, da episodi di mala amministrazione e, in quelli peggiori, di vera e propria corruzione.

Farlo dunque oggi e qui, in terra di Puglia, terra in cui è sempre più sentita l’esigenza chiara e netta dell’affermazione del principio della legalità, e terra che ha dato i natali ad uno dei più illustri protagonisti della Ragioneria dello Stato, Vitantonio De Bellis – che la guidò dal 1919 al 1932 – assume un significato particolarmente profondo e importante.

Pic: Filippo Caringella, 2019

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…