la bollinatura della rgs

La bollinatura della RGS

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)

La “bollinatura”, che negli ultimi anni è venuta spesso in rilievo nel dibattito politico italiano, è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio, per la corretta gestione e la rigorosa programmazione delle risorse pubbliche, in funzione di supporto del Parlamento e del Governo, nonché del Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Tale attività della RGS, supportata da un adeguato strumentario normativo, si inserisce in un quadro molto interessante dei rapporti in materia di finanza pubblica tra Governo, Amministrazione finanziaria, Parlamento, Presidenza della Repubblica, Corte dei conti, Corte costituzionale, in quanto l’intero assetto ordinamentale non può che fondarsi sull’equilibrato apporto delle sue varie componenti.

Leggi l’articolo completo:https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/04/La-bollinatura-della-Ragioneria-generale-dello-Stato.pdf

Nella foto:

Il “palazzone” sorto come Ministero delle Finanze e divenuto poi sede del Ministero del Tesoro e del Bilancio, attuale Ministero dell’Economia e Finanze, primo dei palazzoni ministeriali di Roma capitale.
Fu voluto da Quintino Sella, che pensò di ospitare qui i 2.200 dipendenti del ministero delle Finanze del Regno d’Italia (compreso il personale della Corte dei Conti e delle direzioni generali del Tesoro, del Demanio, del Debito Pubblico e della Cassa depositi e prestiti).

Ospitò per un periodo anche il Consiglio dei Ministri, nella cosiddetta Sala della Maggioranza, mentre la Sala del Parlamentino fu storicamente sede delle udienze pubbliche della Corte dei Conti, fino al suo trasferimento nel palazzo di viale Mazzini nel dicembre 1962.

Fu realizzato in cinque anni su progetto di Raffaele Canevari ed i lavori vennero compiuti dalla società Breda tra il 1872 ed il 1877, anche se l’edificio fu consegnato al demanio soltanto nel 1881 per una serie di ostacoli di natura archeologica.

Furono rinvenute, infatti, tracce delle Mura Serviane (in particolare qui si apriva l’antica “porta Collina”), resti di edifici culturali di età repubblicana, aule di culto mitraico e cristiano, edifici termali di età imperiale.

Durante i lavori rimasero vittime di incidenti, alcuni anche mortali, ben 70 operai, ragion per cui l’edificio fu denominato “palazzone delle disgrazie”. L’assetto è quello tipico neorinascimentale, su due piani, oltre al pianterreno bugnato e l’ammezzato sopra il cornicione con frontone, sul quale è posto un bel gruppo marmoreo costituito dallo stemma sabaudo e da varie figure allegoriche

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…