BARI MESSINA

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Nuovo anno, solito Bari.

Il Bari ricomincia la stagione nel migliore dei modi
battendo un avversario rivelatosi più ostico di quanto ci si potesse aspettare.

Al San Nicola i biancorossi ospitano il Messina nobile decaduta
del calcio italiano proprio come i padroni di casa.

I siciliani nel mercato invernale hanno rivoluzionato la
squadra, cercando di risollevare una situazione di classifica decisamente
deficitaria, e soprattutto cercando di evitare una retrocessione che nessuno
aveva pronosticato ad inizio anno.

Il Bari parte forte e subito sfiora il goal del vantaggio
con una punizione di Brienza che si stampa sul palo.

Il Messina con il passar dei minuti acquista sempre più
fiducia e riesce ad arginare abbastanza agevolmente la manovra dei padroni di
casa.

Il Bari non riesce ad impossessarsi del campo, anche per
merito di un organizzato Messina, affidandosi alle individualità dei suoi
giocatori di maggior talento, Brienza e Floriano su tutti.

Il primo tempo si chiude con il risultato di zero a zero con
i siciliani che non hanno mai rischiato di soccombere e che hanno provato anche
delle sortite verso la porta biancorossa.

Nella ripresa ci si aspetta un Bari arrembante alla ricerca
del goal del vantaggio, ma invece ci si ritrova con  un Messina decisamente più incisivo in
attacco e sempre più organizzato in difesa.

Organizzazione difensiva che crolla al minuto 61 a seguito di un contropiede
ben orchestrato dai biancorossi e magistralmente concluso da Piovanello.

Dopo appena 4 minuti il Bari chiude i giochi con un altro
contropiede finalizzato da Neglia, subentrato all’infortunato Floriano qualche
minuto prima dell’intervallo.

Fino al novantesimo la partita vive degli attacchi dei
biancorossi alla ricerca del terzo goal e il Messina che, colpito mortalmente
dal doppio e ravvicinato vantaggio, non riesce a reagire.

Il Bari riprende la marcia dopo il deludente pareggio
casalingo contro il Rocella nell’ultima partita del 2018.

Il vantaggio sulla seconda è sempre rassicurante anche
considerando la splendida cavalcata dei biancorossi che ieri hanno inanellato
il diciottesimo risultato utile consecutivo.

Era importante riprendere bene il campionato e continuare la
marcia senza intoppi, ed i biancorossi sono stati abili a vincere una partita
che si stava complicando e poteva diventare pericolosa.

Avanti Bari, noi ci crediamo

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare