BARI MESSINA

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Nuovo anno, solito Bari.

Il Bari ricomincia la stagione nel migliore dei modi
battendo un avversario rivelatosi più ostico di quanto ci si potesse aspettare.

Al San Nicola i biancorossi ospitano il Messina nobile decaduta
del calcio italiano proprio come i padroni di casa.

I siciliani nel mercato invernale hanno rivoluzionato la
squadra, cercando di risollevare una situazione di classifica decisamente
deficitaria, e soprattutto cercando di evitare una retrocessione che nessuno
aveva pronosticato ad inizio anno.

Il Bari parte forte e subito sfiora il goal del vantaggio
con una punizione di Brienza che si stampa sul palo.

Il Messina con il passar dei minuti acquista sempre più
fiducia e riesce ad arginare abbastanza agevolmente la manovra dei padroni di
casa.

Il Bari non riesce ad impossessarsi del campo, anche per
merito di un organizzato Messina, affidandosi alle individualità dei suoi
giocatori di maggior talento, Brienza e Floriano su tutti.

Il primo tempo si chiude con il risultato di zero a zero con
i siciliani che non hanno mai rischiato di soccombere e che hanno provato anche
delle sortite verso la porta biancorossa.

Nella ripresa ci si aspetta un Bari arrembante alla ricerca
del goal del vantaggio, ma invece ci si ritrova con  un Messina decisamente più incisivo in
attacco e sempre più organizzato in difesa.

Organizzazione difensiva che crolla al minuto 61 a seguito di un contropiede
ben orchestrato dai biancorossi e magistralmente concluso da Piovanello.

Dopo appena 4 minuti il Bari chiude i giochi con un altro
contropiede finalizzato da Neglia, subentrato all’infortunato Floriano qualche
minuto prima dell’intervallo.

Fino al novantesimo la partita vive degli attacchi dei
biancorossi alla ricerca del terzo goal e il Messina che, colpito mortalmente
dal doppio e ravvicinato vantaggio, non riesce a reagire.

Il Bari riprende la marcia dopo il deludente pareggio
casalingo contro il Rocella nell’ultima partita del 2018.

Il vantaggio sulla seconda è sempre rassicurante anche
considerando la splendida cavalcata dei biancorossi che ieri hanno inanellato
il diciottesimo risultato utile consecutivo.

Era importante riprendere bene il campionato e continuare la
marcia senza intoppi, ed i biancorossi sono stati abili a vincere una partita
che si stava complicando e poteva diventare pericolosa.

Avanti Bari, noi ci crediamo

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola

Ho visto un film

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…