fakenews_03

Fake news e rilevanza penale

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano)

La parola è un’opera pubblica”, questo l’affascinante titolo del convegno del 14 dicembre 2018, nella bellissima Sala del Grechetto, promosso da FronteVerso, A.D.G.I. Milano, Eticrea con Media Partner ORA LEGALE, diritti e dintorni, dove il tema è stato trattato, sotto diverse angolazioni, da professionisti di diverse discipline e con interesse al valore della parola e alla sua capacità costruttiva o distruttiva.
In particolare, sotto questo profilo, si è parlato delle fake news.
La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social dove la diffusione è potenzialmente illimitata.
Mentre Facebook annuncia, almeno all’estero, che introdurrà dei filtri “antibufale” e gli informatici studiano le possibili soluzioni tecniche per arginare il fenomeno, nel mondo del diritto si pone il problema della tutela penale.
La questione si può osservare almeno da due prospettive.
Da una parte quella della collettività che richiede una tutela penale che è condizionata da una percezione della propria insicurezza spesso determinata da fake news, che non sono solo le notizie false, ma anche quelle allusive, tendenziose o esagerate.
Dall’altra, quella del singolo che viene ad essere leso nei propri diritti o interessi dalla notizia falsa e richiede un intervento della giustizia penale. Prospettive entrambe interessantissime e che richiederebbero pagine e pagine di analisi.
Ci si può limitare qui ad osservare che da un punto di vista generale è evidente come le informazioni siano in grado di condizionare l’opinione pubblica; questa, sotto la pioggia di notizie su specifici temi, sviluppa un senso di insicurezza o pericolo e richiede un intervento normativo.
E così vi sono periodi storici in cui pare che vi siano solo incidenti stradali causati da persone sotto l’effetto di alcool, altri solo rapine o furti in abitazione.
I dati offerti non rappresentano una situazione oggettiva e statisticamente accertata di generale allarme, ma nella collettività si ha una percezione di pericolo imminente, al quale si chiede di far fronte con nuove norme. Ovviamente la questione è più delicata quando l’informazione è volutamente destabilizzante e ha quale obiettivo quello di sostenere una modifica normativa o un una proposta di legge già elaborata.
La capacità dell’informazione e della disinformazione di condizionare le scelte di politica criminale, o meglio condizionare la percezione di esigenza di rafforzamento della tutela penale, ha come conseguenza che spesso si ha una proliferazione di nuove fattispecie di reato ed aumenti delle pene edittali non utili, che offrono una soddisfazione apparente, ma non aiutano il sistema.
Sotto il profilo del dell’individuo, da più parti si tende ad affermare che la tutela offerta dal sistema penale di fronte alle fake news sia insufficiente; diversi giuristi lamentano la mancanza di norme idonee anche se, in realtà, la diffusione di fake news, ossia delle falsità, può potenzialmente determinare la commissione di diverse tipologie di reato, in considerazione del bene offeso.
A seconda che vengano lesi valori ordinamentali collettivi o diritti dei singoli, la libertà degli affari economici o la libertà individuale, la reputazione, potranno configurarsi i reati di distorsione del mercato, di concorrenza sleale, di procurato allarme, propagande razzista ed apologia di reato, minacce e diffamazione.
E queste sono solo alcune ipotesi, senza alcuna pretesa di esaustività.
In casi di processi per diffamazione a mezzo web, i giudici hanno recentemente recepito nelle loro sentenze il termine fake news, definite come “notizie false (o altrimenti dette in linguaggio corrente “bufale”); e affermano che i limiti tracciati da tempo dalla giurisprudenza in tema di diffamazione a mezzo stampa devono essere seguiti anche dalla “persuasiva forma di diffusione di notizie costituita dalla pubblicazione di testi o immagini sul web”.
Le fattispecie penali esistono, ma vi è un problema di efficacia degli strumenti, soprattutto di fronte a un sistema virtuale illimitato.
E allora bisogna forse ragionare sulla considerazione ovvia, ma spesso trascurata, che la soluzione non parte da, o arriva con, la giustizia penale, ma si deve fondare sulla riaffermazione del rispetto degli altri, anche nei modi comunicativi, perché “le parole sono un’opera pubblica”: vanno tutelate e maneggiate con cura.

Ph.: fonte – http://psicologacantucomo.weebly.com

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.