haters-2

Social haters

di Antonio Pascucci e Elisabetta Silva (Avvocati in Milano)

Il 14 dicembre scorso si è tenuto a Milano, nella cornice della Sala del Grechetto del Palazzo Sormani, il convegno, organizzato da FronteVerso, A.D.G.I. Milano ed Eticrea, dal titolo “La parola è un’opera pubblica. Manipolazione e fake news tra diritti, interessi e sanzioni”. I relatori, esperti in differenti ambiti, hanno approfondito il ruolo del linguaggio nella società e le problematiche che una comunicazione non responsabile può generare.
Tra gli altri, il dott. Alberto Caputo, psichiatra e consulente del Tribunale di Milano, ha proposto un’interessante analisi del fenomeno degli haters sui social network e, in particolare, dell’hate speech, definizione coniata dalla giurisprudenza americana, e fatta propria da quella europea, per indicare un genere di parole e discorsi, diffusi sui social, per esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo (razziale, etnico, religioso, di genere o orientamento sessuale) o nei confronti di categorie di soggetti più deboli.
Il relatore, con l’aiuto di slides molto chiare e suggestive, ha illustrato come il cervello umano genera l’odio attraverso un circuito cerebrale specifico che programma azioni violente e quali sono i principali motivi psicologici dell’odio (tra cui la frustrazione, l’invidia, la gelosia, la rabbia, le differenze sociali, razziali ecc.) e i meccanismi dell’intolleranza che conducono alla percezione dell’altro come diverso, inferiore, pericoloso, immorale.
La relazione è proseguita con una approfondita analisi psico-linguistica del lessico dell’odio e degli hate words più utilizzati, termini odiosi che provocano dolore poiché dispregiativi per natura, soprattutto se rivolte a persone che appartengono a minoranze a lungo discriminate (ad esempio i termini offensivi utilizzati dagli eterosessuali nei confronti degli omosessuali, dai bianchi verso le minoranze razziali, dai fedeli dei principali culti religiosi verso quelli di altre fedi, dalli persone cosiddette normali contro persone con disabilità, e così via).
Al termine, sono stati illustrati i risultati, poco incoraggianti, di una recente indagine condotta sull’hate speech sui social: 7 giovani su 10 l’hanno sperimentato in prima persona; solo il 21% disapprova gli insulti nei confronti dei vip e meno del 10% segnalerebbe alla piattaforma il contenuto offensivo. Infine il dato da cui si evincono maggiormente le insidie dei social network: un terzo degli intervistati non ricorrerebbe all’hate speech se avesse di fronte la vittima delle sue offese.
Gli haters, davanti al proprio schermo e celandosi svariati nickname, agiscono come se fossero all’interno del “branco”, con un senso di impunità e senza preoccuparsi delle conseguenze delle loro parole, che nei casi più gravi possono spingere la vittima al suicidio.

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.