Social haters

Social haters

di Antonio Pascucci e Elisabetta Silva (Avvocati in Milano)

Il 14 dicembre scorso si è tenuto a Milano, nella cornice della Sala del Grechetto del Palazzo Sormani, il convegno, organizzato da FronteVerso, A.D.G.I. Milano ed Eticrea, dal titolo “La parola è un’opera pubblica. Manipolazione e fake news tra diritti, interessi e sanzioni”.

I relatori, esperti in differenti ambiti, hanno approfondito il ruolo del linguaggio nella società e le problematiche che una comunicazione non responsabile può generare.

Tra gli altri, il dott. Alberto Caputo, psichiatra e consulente del Tribunale di Milano, ha proposto un’interessante analisi del fenomeno degli haters sui social network e, in particolare, dell’hate speech, definizione coniata dalla giurisprudenza americana, e fatta propria da quella europea, per indicare un genere di parole e discorsi, diffusi sui social, per esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo (razziale, etnico, religioso, di genere o orientamento sessuale) o nei confronti di categorie di soggetti più deboli.

Il relatore, con l’aiuto di slides molto chiare e suggestive, ha illustrato come il cervello umano genera l’odio attraverso un circuito cerebrale specifico che programma azioni violente e quali sono i principali motivi psicologici dell’odio (tra cui la frustrazione, l’invidia, la gelosia, la rabbia, le differenze sociali, razziali ecc.) e i meccanismi dell’intolleranza che conducono alla percezione dell’altro come diverso, inferiore, pericoloso, immorale

La relazione è proseguita con una approfondita analisi psico-linguistica del lessico dell’odio e degli hate words più utilizzati, termini odiosi che provocano dolore poiché dispregiativi per natura, soprattutto se rivolte a persone che appartengono a minoranze a lungo discriminate (ad esempio i termini offensivi utilizzati dagli eterosessuali nei confronti degli omosessuali, dai bianchi verso le minoranze razziali, dai fedeli dei principali culti religiosi verso quelli di altre fedi, dalli persone cosiddette normali contro persone con disabilità, e così via).

Al termine, sono stati illustrati i risultati, poco incoraggianti, di una recente indagine condotta sull’hate speech sui social: 7 giovani su 10 l’hanno sperimentato in prima persona; solo il 21% disapprova gli insulti nei confronti dei vip e meno del 10% segnalerebbe alla piattaforma il contenuto offensivo.

Infine il dato da cui si evincono maggiormente le insidie dei social network: un terzo degli intervistati non ricorrerebbe all’hate speech se avesse di fronte la vittima delle sue offese.

Gli haters, davanti al proprio schermo e celandosi svariati nickname, agiscono come se fossero all’interno del “branco”, con un senso di impunità e senza preoccuparsi delle conseguenze delle loro parole, che nei casi più gravi possono spingere la vittima al suicidio.

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il vero amore non si scorda. Mica pizza e fichi.

Pubblicato in

Deve essere quello vero, però. Mica quello fatto di frasettine…

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…