people-1149873_960_720

Il meglio di un uomo

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale –
Gruppo Uomini in gioco di Bari)

Certo che ne è passata di acqua sotto i ponti dalla famosa campagna della Denim del 1985 – quella de “l’uomo che non deve chiedere mai”, ricordate? – al recente spot della Gilletteil meglio che un uomo può essere”. In 33 anni un’autentica rivoluzione, forse anche troppo a giudicare dalle reazioni scomposte che si sono succedute.
Più che uno spot commerciale sembra una Pubblicità Progresso, in linea con le tendenze più avanzate del marketing pubblicitario.
Ma cosa si vede in questo spot?
Niente rasoi e neppure creme da barba, se non nell’immagine iniziale come elemento marginale. Segue una serie di scene di mascolinità tossica: un branco di maschi alfa dietro un barbecue, un capo che paternalisticamente toglie la parola ad una dipendente, un tipo che pizzica il culo alla cameriera, bulletti in tenera età che si menano, un altro maschio che sta per lanciarsi per importunare una ragazza appena passata.
A queste sequenze ne seguono altre che contengono messaggi virtuosi: dividere i bulletti che si menano, abbracciare il ragazzo che piange, bloccare il giovane che voleva importunare la ragazza, mostrare un padre che mette di fronte allo specchio la figliola facendole dire “io sono forte, io sono forte”.
Lo spot Gillette è stato diffuso negli Stati Uniti, dove in pochi giorni ha totalizzato oltre sei milioni di visualizzazioni.
E’ evidente il richiamo al movimento femminista del “Me Too”, sorto oltre un anno fa a seguito delle denunce per violenze sessuali subite da attrici, vittime del noto produttore cinematografico Harvey Weinstein.
Le reazioni sono state forti e immediate da parte della maggioranza degli uomini americani, la quale non ha gradito questa invasione del campo maschile: quello della barba è un rituale esclusivamente maschile!
L’accusa più ricorrente è stata quella di proporre uno spot femminista, che non solo criminalizza gli uomini ma ne favorisce anche una sorta di demascolinizzazione e devirilizzazione.
All’azienda sono arrivate finanche accuse di essere al servizio del “nazi-femminismo” e di mirare a trasformare gli uomini in gay, trans e femminucce.
Ma c’è stata anche una fetta non trascurabile della platea femminile che ha mosso analoghe accuse, lamentando uno strisciante scivolamento verso una femminilizzazione del maschio.
Alle critiche l’azienda risponde che il loro obiettivo è stato quello di promuovere “versioni positive, inclusive e salutari di ciò che significa essere un uomo oggi”. E aggiunge: “Abbiamo guardato realisticamente a ciò che sta accadendo oggi e miriamo a ispirare il cambiamento”.
Il meglio di un uomo, allora, non è un buon rasoio o una buona crema da barba, ma è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni, che devono sempre passare attraverso il riconoscimento e il rispetto dell’altra.
Analizzando più a fondo le reazioni degli uomini, ci si accorge che lo spot mette in luce che il vero sesso debole è quello maschile, e ciò contraddice uno stereotipo ancora fortemente radicato nella nostra cultura.
Tuttavia vi sono state anche numerosissime reazioni favorevoli, in maggioranza da parte delle donne naturalmente, ma anche da parte di tanti uomini i quali, sempre più numerosi, non amano sentirsi complici di comportamenti violenti e discriminatori verso le donne.
Possiamo dire, insomma, che quella della Gillette è stata una scelta davvero coraggiosa.
La lotta di liberazione che le donne hanno intrapreso circa cinquant’anni fa non si è mai fermata, sebbene ci siano stati periodi anche lunghi in cui è stata “silenziata”.
Da alcuni anni è ripresa con grande vigore, ma il successo è legato alla presa di coscienza e al desiderio di cambiamento degli uomini.
I quali non possono continuare a vedere nella lotta delle donne una insidia per il loro potere ma, al contrario, una preziosa occasione di liberazione anche per sé.
Perché non ci sarà mai liberazione dell’uomo senza liberazione della donna!

Ph.:https://pixabay.com

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.