Benvenuto fisco forfettario

BENVENUTO FISCO FORFETARIO

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di UN.CA.T.)

L’art. 1 comma 9 della legge di bilancio 2019 (L. n. 145/2018), innovando alle disposizioni della legge finanziaria n. 190/14, ha modificato parzialmente il regime fiscale forfetario delle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni. Ci occuperemo, pertanto, della disciplina fiscale del reddito degli avvocati che possiedono i requisiti previsti dal comma 9 in esame (ovviamente lo stesso regime si applica a tutti i soggetti rientranti nelle categorie sopra indicate e, dunque, a tutti i liberi professionisti e piccoli imprenditori).
Il nuovo regime di determinazione forfetaria del reddito (d’ora in avanti regime forfetario) prevede rilevanti semplificazioni ai fini Iva e contabili nonché la determinazione forfetaria del reddito.

  1. I SOGGETTI
    Dal punto di vista soggettivo, esso si applica agli avvocati che nell’anno precedente hanno percepito compensi non superiori ad euro 65mila (potranno usufruire nel 2019 del nuovo regime gli avvocati che nel 2018 non abbiano riscosso compensi superiori a quel limite).
    Per poter accedere al regime forfetario, nella ricorrenza del presupposto costituito dal limite massimo del compenso annuale, gli avvocati non devono rivolgere alcuna istanza, in quanto per tali soggetti il regime forfetario è il regime naturale. Questo regime non prevede una scadenza legata al numero degli anni di attività o al raggiungimento di una determinata età anagrafica. Né vi è un limite temporale di applicazione del regime medesimo.
  2. CAUSE DI ESCLUSIONE
    Sono esclusi dal nuove regime forfetario gli avvocati che, oltre ad esercitare la libera professione, pur in possesso del requisito del tetto del compenso, partecipino a società di persone disciplinate fiscalmente dall’art. 5 del DPR 917/86, cioè del Testo Unico in materia di imposte dirette.
    Con riserva di poter tornare sull’argomento, non v’è chi non veda la contraddittorietà – dal sapore punitivo – tra questa disposizione speciale e la previsione normativa che consente la libera partecipazione del singolo avvocato ad associazioni professionali. La norma fiscale è, quindi, chiaramente disincentivante rispetto ai nuovi scenari di implementazione dell’esercizio della professione che lo stesso legislatore ha voluto.
  3. MODALITA’ DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO
    I contribuenti che non hanno percepito nell’anno d’imposta precedente compensi superiori a 65 mila euro determinano il reddito applicando ai compensi il coefficiente di redditività previsto dal codice Ateco, pari al 78%. In pratica, a fronte di compensi di 65 mila euro, questi contribuenti applicheranno l’imposta del 15% sull’importo di € 50.700 (78% di 65.000).
    Importa sottolineare che, ai fini della sussistenza del requisito (compensi fino a 65 mila euro) non rilevano gli ulteriori componenti positivi previsti dall’art. 9 bis del d.l. n. 50/2017, cioè gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) che misurano il grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente, anche al fine di consentire a quest’ultimo, sulla base dei dati dichiarati entro i termini ordinariamente previsti, l’accesso al regime premiale, previsto da questa disposizione ma non applicabile ai forfetari.
    Ove nel corso dell’esercizio venga meno il requisito della misura massima dei compensi, il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo.
    Parimenti il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui, per effetto dell’accertamento operato dall’Agenzia fiscale ma divenuto definitivo, viene meno la condizione della percezione dei compensi entro il limite dei 65 mila euro.
    In tal caso, vale a dire in caso di infedele indicazione, da parte dei contribuenti, dei dati attestanti i requisiti e le condizioni che determinano la cessazione del regime previsto, le misure delle sanzioni minime e massime stabilite dal decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471, sono aumentate del 10 per cento se il maggiore reddito accertato supera del 10 per cento quello dichiarato.
    Resta salva la possibilità di optare per il regime ordinario di tassazione. A questo fine, l’opzione, valida per almeno un triennio, e’ comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta operata. Trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime ordinario, l’opzione resta valida per ciascun anno successivo, fino a quando permane la concreta applicazione della scelta operata
  4. SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI I FINI IVA
    Sul fronte contabile e degli adempimenti anche in materia di Iva, permangono i precedenti benefici previsti dalla legge n. 190/2014.
    Gli avvocati che applicano il regime forfetario non addebitano l’Iva in fattura ai clienti né detraggono l’Iva sugli acquisti. In sintesi, essi:
    non liquidano e non versano l’imposta
    non presentano la dichiarazione e la comunicazione annuale Iva
    non comunicano all’Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti ai fini Iva (sono esonerati dallo spesometro)
    non hanno l’obbligo di registrare i compensi
    devono numerare e conservare le fatture di acquisto e certificare i corrispettivi
    5. SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE
    Ai fini dell’imposizione diretta, i contribuenti forfetari sono esonerati dagli obblighi di registrazione delle scritture contabili, fermo l’obbligo di tenere e conservare i registri in base a disposizioni extrafiscali. I compensi non sono soggetti a ritenuta alla fonte, poiché autoliquidano l’imposta.

Ph. : https://pixabay.com

#TOPICS: ultimi articoli

La democrazia degli “imbecilli”

di Carlo Calvieri (Professore associato Istituzioni di diritto pubblico – Dip. Giurisprudenza Unipg)
La libertà di parola non può essere fonte di discriminazione

Leggi l'articolo

Le parole sono finite

di Massimo Corrado Di Florio
Fake news e distopia sociale

Leggi l'articolo

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo
L’Avvocatura è presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete

Leggi l'articolo

Aaron Swartz: la resilienza culturale

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Il Diritto a prendere parte alla vita culturale nella società digitale. La lezione di Aaron Swartz

Leggi l'articolo

Come pesci nel grande oceano

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Dobbiamo stupirci se siamo così immersi in pregiudizi e stereotipi da non accorgercene quasi più?

Leggi l'articolo

Iper – conoscenza super – ignoranza

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La cosa importante, rivoluzionaria era che la notizia era diventata patrimonio comune.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

BARI – MARSALA…. VITTORIA CHE REGALA L’ALLUNGO DECISIVO!

Pubblicato in ||

Dopo la pesante e brutta sconfitta subita sul campo della…

TURRIS – BARI…. SCONFITTA CHE FA MALE!!!

Pubblicato in |

Arriva la seconda sconfitta per la squadra biancorossa in questo…

Garantismo penale e Società globale

Pubblicato in ||||

di Giorgio Pica (Presidente del Tribunale di Matera)
Relazione al Convegno “Dei delitti e delle pene” a 250 anni dalla pubblicazione.

BARI – IGEA VIRTUS…. RIPRENDE LA MARCIA

Pubblicato in |

Una partita che forse non è mai cominciata quella disputatasi…

Fake news e rilevanza penale

Pubblicato in ||||

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano)
La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social

Il meglio di un uomo

Pubblicato in ||||

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale-Gruppo Uomini in gioco di Bari)
Il meglio di un uomo è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni

Lettera aperta al Senatore Simone Pillon

Pubblicato in ||||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Il diritto di famiglia: un’isola che il diritto può solo lambire.

CITTANOVESE – BARI…. PRIMA SCONFITTA, MA NIENTE DRAMMI

Pubblicato in |

Dopo 19 giornate di campionato il Bari perde la propria…

SANCATALDESE – BARI…. ADESSO E’ FUGA

Pubblicato in |

Nel giorno in cui i tifosi biancorossi piangono la scomparsa…

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Pubblicato in |

Nuovo anno, solito Bari. Il Bari ricomincia la stagione nel…

Social haters

Pubblicato in |||

di Antonio Pascucci e Elisabetta Silva (Avvocati in Milano)
Il ruolo del linguaggio nella società e delle problematiche che una comunicazione non responsabile può generare