fotografia digitale

Account nuovo vita nuova

di Cecilia Gradassi (Avvocata in Livorno)

Ho resistito strenuamente e a lungo, poi, lo scorso anno, alla soglia dei miei 50 anni, mi sono arresa e ho lasciato che prendessero anche me… per curiosità, per non rimanere all’oscuro ma, soprattutto, (come usa dire) per essere al passo con i tempi e con mia figlia pre-adolescente.
L’ho fatto quasi per gioco ma, poi, ne sono stata trascinata dentro – per meglio dire – risucchiata e, adesso, pare impossibile che ne possa aver fatto a meno per tanti anni sebbene, è giusto dirlo, vi siano momenti in cui maledico il giorno in cui ho creato il mio account.
Pare incredibile ma ne sei morbosamente attratto, non riesci a distaccartene (anche nel mentre mi trovo a scrivere questo articolo mi sono interrotta più volte per esaminare le notifiche che, nel frattempo, mi sono arrivate) tanto da avere, addirittura, difficoltà a chiudere le applicazioni nonostante tu ti renda perfettamente conto del tempo che stai perdendo e, talvolta, che – grazie a quel frenetico e perpetuato esame di foto, frasi e link – sia presa da un forte senso di nausea (e non solo per ciò che trovo scritto nei post).
Non a caso, infatti, può parlarsi di vera e propria dipendenza (ad esempio, il 60% dei ragazzi dagli 11 ai 13 anni trascorre on line circa cinque ore al giorno).
Così, adesso, ho un motivo in più di preoccupazione: devo constatare, con sempre rinnovato stupore, che l’ignoranza (sotto ogni punto di vista) dilaga, invade, pervade, aggredisce.
Non sono, quindi, solamente la condivisione di post afferenti a false notizie (fake news) a darci motivo di preoccupazione – per i nostri figli, per noi stessi, per la società ed il nostro vivere nella società – ma ancor di più allarmanti (se possibile) sono i commenti “gridati”, le aggressioni verbali, gli insulti, gli attacchi spesso offensivi e, talvolta ma non raramente, anche violenti che vengono condivisi.
Si tratta di comportamenti – i primi (condivisione di fakes) – riferibili al c.d. analfabetismo funzionale per giungere, poi, a quelli definiti di analfabetismo emotivo attraverso i quali si sente l’esigenza di dare libero sfogo in rete, attraverso la tastiera e protetti dallo schermo, ad emozioni “negative” di frustrazione personale e sin anche di rabbia non essendo capaci di gestirle.
Insomma, l’analfabetismo emotivo (o analfabetismo emozionale) è, secondo il filosofo Umberto Galimberti e il sociologo Daniel Goleman, l’incapacità di riconoscere e controllare le proprie emozioni e, quindi, l’analfabeta emotivo è una persona che non ha consapevolezza del proprio sentire, è impulsiva, è imprevedibile, è arida di cuore ed è, ancor più, incapace di riconoscere le emozioni altrui.
Di conseguenza, l’essere analfabeti emozionali rende incapaci di provare empatia e compassione.
Umberto Galimberti ci spiega che “nel nostro tempo caratterizzato da sovrabbondanza di stimoli esterni e da carenza di comunicazione, si avvertono i segnali di quella indifferenza emotiva per effetto della quale non si ha risonanza emozionale di fronte a fatti a cui si assiste o a gesti che si compiono” (I miti del nostro tempo, Feltrinelli, 2009).
Per tornare alla sopra cennata preoccupazione, pertanto, il rischio per i nostri figli è di imbattersi in manifestazioni sempre più irrispettose ma anche violente quanto futili ed incontrollate tese, soprattutto, ad aggredire ed offendere coloro che la pensano diversamente: in totale mancanza di empatia, l’altro è percepito come vero e proprio nemico.
Dall’analisi di tali comportamenti, quel che sembra mancare alla attuale generazione è una educazione emotiva che consenta di gestire le proprie emozioni e controllare i propri istinti sotto stress, di porre in essere condotte autoconsapevoli ma anche di essere comprensivi ed accoglienti all’altro ed al “diverso”, non lasciandosi pervadere dal senso di paura.
Empatia ed educazione ai sentimenti: le famiglie e la scuola avranno il loro bel da fare – vincendo a loro volta la frenesia dei nostri tempi – per ri-settare i nostri figli predisponendoli ad una vita anche – MA NON SOLO – social.

Ph.:https://pixabay.com

#TOPICS: ultimi articoli

La democrazia degli “imbecilli”

di Carlo Calvieri (Professore associato Istituzioni di diritto pubblico – Dip. Giurisprudenza Unipg)
La libertà di parola non può essere fonte di discriminazione

Leggi l'articolo

Le parole sono finite

di Massimo Corrado Di Florio
Fake news e distopia sociale

Leggi l'articolo

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo
L’Avvocatura è presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete

Leggi l'articolo

Aaron Swartz: la resilienza culturale

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Il Diritto a prendere parte alla vita culturale nella società digitale. La lezione di Aaron Swartz

Leggi l'articolo

Come pesci nel grande oceano

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Dobbiamo stupirci se siamo così immersi in pregiudizi e stereotipi da non accorgercene quasi più?

Leggi l'articolo

Iper – conoscenza super – ignoranza

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La cosa importante, rivoluzionaria era che la notizia era diventata patrimonio comune.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

BARI – MARSALA…. VITTORIA CHE REGALA L’ALLUNGO DECISIVO!

Pubblicato in ||

Dopo la pesante e brutta sconfitta subita sul campo della…

TURRIS – BARI…. SCONFITTA CHE FA MALE!!!

Pubblicato in |

Arriva la seconda sconfitta per la squadra biancorossa in questo…

Garantismo penale e Società globale

Pubblicato in ||||

di Giorgio Pica (Presidente del Tribunale di Matera)
Relazione al Convegno “Dei delitti e delle pene” a 250 anni dalla pubblicazione.

BARI – IGEA VIRTUS…. RIPRENDE LA MARCIA

Pubblicato in |

Una partita che forse non è mai cominciata quella disputatasi…

Fake news e rilevanza penale

Pubblicato in ||||

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano)
La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social

Il meglio di un uomo

Pubblicato in ||||

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale-Gruppo Uomini in gioco di Bari)
Il meglio di un uomo è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni

BENVENUTO FISCO FORFETARIO

Pubblicato in ||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di UN.CA.T.)
Disciplina fiscale del reddito degli avvocati

Lettera aperta al Senatore Simone Pillon

Pubblicato in ||||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Il diritto di famiglia: un’isola che il diritto può solo lambire.

CITTANOVESE – BARI…. PRIMA SCONFITTA, MA NIENTE DRAMMI

Pubblicato in |

Dopo 19 giornate di campionato il Bari perde la propria…

SANCATALDESE – BARI…. ADESSO E’ FUGA

Pubblicato in |

Nel giorno in cui i tifosi biancorossi piangono la scomparsa…

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Pubblicato in |

Nuovo anno, solito Bari. Il Bari ricomincia la stagione nel…

Social haters

Pubblicato in |||

di Antonio Pascucci e Elisabetta Silva (Avvocati in Milano)
Il ruolo del linguaggio nella società e delle problematiche che una comunicazione non responsabile può generare