Sentimenti e regole

Sentimenti e regole

di Antonio Pascucci (Avvocato in Milano – Coordinatore FronteVerso Network)

Nella prefazione del suo manuale “controcorrente” di educazione civica, intitolato “La legalità è un sentimento”, Nando Dalla Chiesa esordisce con la seguente premessa: educare alla legalità è un’impresa. Educare a una legalità rigorosa e critica al tempo stesso lo è ancora di più.
Nel manuale l’autore, per realizzare questa “impresa”, suggerisce un percorso diverso, che superi i modelli educativi tradizionali. L’educazione alla legalità non può infatti essere una “somma di prescrizioni ben spiegate e giustificate” ma occorre coltivare e a presidiare quella immensa regione mentale che viene prima delle regole.

L’area – queste le parole dell’autore – in cui si formano i sentimenti di una collettività, le disposizioni d’animo che portano a fare una cosa o l’altra istintivamente e spesso al di fuori di qualsiasi possibile discussione. Proprio come una madre si frappone senza esitare tra il figlio e chi lo voglia colpire, o un giornalista si preclude una carriera per non diventare portatore di menzogna”.

È un processo educativo ai sentimenti che generano l’amore per la legalità, facendo germogliare una cultura della legalità che spinge un bambino a resistere “agli allettamenti convenienti” o a reagire alle discriminazioni subite dal suo compagno di colore perché – pur non conoscendo la Costituzione – avverte dentro di sé che “non è giusto”.
Il processo educativo non può però prescindere dall’insegnamento, a iniziare dai più piccoli, del concetto di regola, della sua importanza e della necessità di rispettarla per una convivenza pacifica e giusta.

Perché darsi delle regole? Perché sono necessarie le regole nella nostra vita quotidiana?

Gherardo Colombo, celebre magistrato che ha dedicato molti anni all’educazione alla legalità fondando l’Associazione “Sulle regole”, ha affermato che tra le persone è sempre più diffusa la “strana idea che le regole limitino la nostra libertà quando invece è vero il contrario. Le regole sono la fonte delle libertà. Sono parte di noi e del nostro vivere insieme”.
Le regole sono il fondamento di ogni comunità strutturata, necessarie per garantire un equilibrio tra ordine e libertà.
Partendo da questo concetto, molto vicino alla sfera dei giovanissimi (si pensi alle regole che i bambini stabiliscono per poter giocare insieme o a quelle decise dai genitori o dall’insegnante), sarà più semplice far comprendere ai ragazzi il valore della giustizia sviluppando, di conseguenza, la loro capacità di saper distinguere tra ciò che è giusto da ciò che invece non lo è. Del resto, come evidenzia Gherardo Colombo, “perché la giustizia funzioni bene, è necessario un profondo ragionamento sulla relazione tra i cittadini e le regole“.
Un bambino abituato a riflettere su questi temi svilupperà sia dei sentimenti sia una capacità critica e di scelta che lo renderà senza dubbio un cittadino migliore.

Fronte Verso Network, che da oltre dieci anni persegue l’obiettivo di contribuire a una comunicazione responsabile (giuridica e non) per favorire l’accessibilità del diritto e di tutti i “saperi”, ha deciso di raccogliere ampliare la propria mission raccogliendo una nuova sfida: educare alla legalità i giovanissimi, gli adulti di domani.
Il nuovo percorso ha avuto inizio con il progetto “Il diritto è un gioco da ragazzi” organizzato da Fronte Verso Network con il Comune di Trezzano, che ha visto in prima linea il Sindaco, Fabio Bottero, e poi l’Assessora, Cristina De Filippi, responsabile del Consiglio Comunale dei ragazzi, nonché dell’Ambiente e degli Eventi.
Il progetto, che ha avuto il patrocinio della Scuola Superiore dell’Avvocatura del Consiglio Nazionale Forense, è stato propiziato dalla pregressa attività di formazione condotta da Gianni Clocchiatti sul Team di FronteVerso e ha coinvolto alcuni ragazzi della scuola primaria e secondaria ai quali è stato richiesto di riscrivere con parole semplici l’articolo dello Statuto Comunale relativo ai valori fondamentali.
Obiettivo pienamente raggiunto sotto più profili, sia della riscrittura della norma sia dell’educazione al sentimento della legalità e ciò con grande soddisfazione, a volte commozione, degli adulti presenti.
È questa la strada da percorrere.

Credits: Sasin Tipchai da Pixabay

Di Antonio Pascucci, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Dieci ragazzi per noi

Ileana Alesso
Il linguaggio del legame sociale è un linguaggio “speciale” che deve essere “normale

Leggi l'articolo

Un fiocco di tanti colori

Paola Furini
Ai ragazzi e alle ragazze è stata garantita la possibilità di partecipare alla vita pubblica

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Trasparenza legislativa nella UE

Emilio De Capitani
Elementi fondanti per il diritto all’auto determinazione di ogni individuo e per il funzionamento di una società democratica

Leggi l'articolo

Diritto alla conoscenza

Paola Regina
La giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo ha elaborato
nozioni autonome di diritto e di legge

Leggi l'articolo

Responsabilità del linguaggio

Roberta De Monticelli
L’idea di trasparenza è il luogo dove la logica si salda con l’etica

Leggi l'articolo

Diritto di capire

Stefania Cavagnoli
L’importanza del diritto e della sua comunicazione come strumento di relazione e di garanzia

Leggi l'articolo

Distrofia sintattica

Massimo Corrado Di Florio
Le parole non devono essere ingannatrici

Leggi l'articolo

FronteVerso Network compie dieci anni

Antonio Pascucci
Perchè le parole non siano un privilegio

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Stato interessante in stato di diritto

Pubblicato in |

Anna Frasca
Esiste una correlazione inversa tra il lavoro domestico e il desiderio di avere figli

Diritto alla conoscenza

Pubblicato in |||

Paola Regina
La giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo ha elaborato
nozioni autonome di diritto e di legge

Trasparenza legislativa nella UE

Pubblicato in |||

Emilio De Capitani
Elementi fondanti per il diritto all’auto determinazione di ogni individuo e per il funzionamento di una società democratica

Responsabilità del linguaggio

Pubblicato in |||

Roberta De Monticelli
L’idea di trasparenza è il luogo dove la logica si salda con l’etica

Diritto di capire

Pubblicato in |||

Stefania Cavagnoli
L’importanza del diritto e della sua comunicazione come strumento di relazione e di garanzia

Distrofia sintattica

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Le parole non devono essere ingannatrici

Better law making

Pubblicato in |||

Trasparenza delle leggi e strumenti di democrazia partecipativa in Italia e in Europa
Ileana Alesso
Se un linguaggio che non è possibile capire e parlare è un linguaggio che rende muti, ferisce le persone e la comunità, occorre la bussola di una lingua comune per l’orizzonte disegnato dalla Costituzione

Ifigenia

Pubblicato in

Povera, si direbbe.Che già ad essere figlia di Agamennone e…

Sospensione feriale: si/no

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Le richieste di provvedimenti in materia di famiglia sono tutte urgenti

Una sfida per la qualità

Pubblicato in ||||

Angelo Santi
Un campo di azione in cui esplicare la libertà delle parti

Degrado del diritto penale

Pubblicato in |||

Andrea Casto
Prima di tendere alla emenda del reo, la pena deve essere sanzione e monito

Suicidi in carcere: un caso di scuola

Pubblicato in |

Enrico Sbriglia
C’è più di qualcosa che non funziona nel nostro sistema penitenzario