Algoritmi senza pregiudizi

Algoritmi senza pregiudizi

Giustizia predittiva tra fantascienza e realtà

di Paola Furini (Avvocata in Milano – FronteVerso Network)

Uno degli argomenti del XXXV Congresso nazionale forense riguarda la giustizia predittiva e la salvaguardia del giusto processo.
Amando la fantascienza, la giustizia predittiva mi ha sempre affascinato.
Quel genio di Philip K. Dick autore, per chi non lo sapesse, del racconto che ha ispirato Blade runner, nel 1956 ha scritto “The Minority Report” dal quale nel 2002 Steven Spielberg ha liberamente tratto il suo omonimo film.
Senza svelare la trama né del libro né del film, è stimolante riflettere sul fatto che il racconto è ambientato in una società futura in cui gli omicidi vengono prevenuti con l’arresto dei potenziali criminali prima che commettano il crimine.

Come noto la fantascienza sa anticipare la realtà ed infatti la giustizia predittiva fa già parte del nostro presente tanto che anche la Treccani ne dà una definizione:

Per giustizia predittiva deve intendersi la possibilità di prevedere l’esito di un giudizio tramite alcuni calcoli; non si tratta di predire tramite formule magiche, ma di prevedere la probabile sentenza, relativa ad uno specifico caso, attraverso l’ausilio di algoritmi.

Oggi nel nostro Paese e – ancor più – in altri Paesi europei quali Francia e Olanda, grazie alla digitalizzazione della giustizia che consente di gestire e analizzare in tempi brevi un numero enorme di dati e agli algoritmi, sono stati messi a punto programmi sperimentali in grado di anticipare l’esito delle cause. Questa sorta di “calcolabilità delle cause” è allineata con il principio della certezza del diritto e, quando troverà definitiva applicazione, potrà contribuire ad evitare l’ingolfamento dei Tribunali.

Sconcertante invece è quello che accade negli Stati Uniti dove la giustizia predittiva è già una realtà consolidata ed il Giudice, al fine di determinare l’entità della pena o l’applicazione di misure alternative, può affidarsi ad un algoritmo per misurare il rischio di recidiva del condannato (Risk Assessment Tools).

Helga Nowotny nel proprio saggio “Le macchine di Dio”, ci fa riflettere sul fatto che l’algoritmo non può predire il futuro ma solo riproporre il passato, non essendo altro che un sistema di calcolo composto da una serie finita di operazioni per cui, partendo dagli stessi dati, non possono che ottenersi gli stessi risultati.

Dunque, se i dati sono viziati dai pregiudizi, le macchine non possono che trarre conclusioni cariche di pregiudizi e difatti uno studio di Berkeley (Università della California) del 2016 ha accertato che i principali algoritmi in uso per quantificare le pene detentive discriminano a sfavore dei neri e a favore dei bianchi.

Concludendo, l’algoritmo non può cogliere sfumature e particolarità del singolo caso. Non può tener conto dell’intuitus personae e del libero arbitrio.
La macchina, per quanto sofisticata, va usata come supporto del professionista del diritto che non potrà mai essere sostituito se non vogliamo che il nostro futuro diventi distopico.

Credits: Gordon Johnson da Pixabay

Di Paola Furini, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante