Io sono la giustizia

Avvocatura: lottare per i diritti

di Anna Losurdo
Come glielo spieghiamo alle cittadine e ai cittadini cosa succede nei palazzi di giustizia?
Come possiamo ancora meravigliarci che la vicenda del Palagiustizia penale a Bari non abbia prodotto alcuna manifestazione di sdegno al di fuori degli addetti ai lavori?
Cosa significa, per il nostro vicino di casa o per la nostra amica pediatra “a Bari la giurisdizione è sospesa”?
Abbiamo portato i processi fuori dal loro habitat naturale, li abbiamo trascinati fuori dalle aule e sbattuti in prima pagina, in prima serata e nelle home di nostri profili social.
Abbiamo consentito per troppo tempo che i processi fossero celebrati in ambienti mediatici e senza regole, senza diritti, senza Avvocati.
Ecco: regole, diritti, Avvocati e Giudici sono gli attori dei processi insieme agli autentici protagonisti, ai titolari di quei diritti, nei processi civili, agli imputati, nei processi penali.
Tutto ciò ha contribuito a creare il convincimento, tra i cittadini, che il processo, soprattutto quello penale, fosse quello rappresentato in tv o negli altri ambienti mediatici.

Ma la giustizia non abita le piazze, virtuali e non, o gli studi televisivi.

Un processo perlopiù senza difensore e senza imputato, abitato solo da esperti, ancora più spesso presunti, tutti impegnati nella ricerca del colpevole e della colpevolezza.

Un processo, quello mediatico, che si conclude con un solo genere di sentenza: quella di condanna, mai pronunciata in nome del Popolo italiano, in cui la sanzione è comminata in base alle premesse del processo e non rinviata alla conclusione del procedimento.

E le cose non vanno meglio per il processo civile, trasferito in sede mediatica stragiudiziale, con le rispettive tifoserie delle parti in conflitto, a sostenere le pretese contrapposte come se ci trovassimo nel peggiore degli stadi.
Ecco perché, quando parliamo ai cittadini e alle cittadine di processi e di giustizia, sentiamo opporre, per bene che vada, valutazioni giusitizialiste o genericamente sintonizzate sul pre-giudizio del “non funziona niente”.
Ecco perché, a Bari, il Palazzo chiuso di via Nazarianth è una realtà appena percepita dai baresi.
Hai voglia a parlare di funzione sociale degli Avvocati e di compartecipazione degli Avvocati all’esercizio della Giurisdizione: sono concetti familiari per gli addetti ai lavori, ma compresi, di solito male, dai nostri concittadini solo quando, per ragioni personali, incapperanno in un processo, in un Avvocato, in un Giudice.
E allora è dai diritti che dobbiamo ripartire, e non dai processi.
E non basta farlo nelle scuole, con i nostri bambini e le nostre giovani studentesse; l’intero corpo sociale, composto da chi oggi lavora o il lavoro lo ha perso o non lo ha ancora trovato, da chi percepisce una pensione o è assistito (sic) in una struttura sanitaria o seguito dai servizi sociali, da chi possiede una casa o ne abita una di edilizia popolare, da chi esercita il diritto di voto e si muove nella società contribuendo a pieno titolo alla sua costruzione, deve acquisire la consapevolezza dell’essere cittadino e quindi titolare di diritti e di doveri fondanti la società democratica.
Solo così si ricostituirà quel rapporto ineludibile tra i cittadini e la Giustizia, tra il sistema valoriale del nostro Paese e il sistema giustizia preposto a regolare il conflitto nel rispetto delle regole.
Solo così gli Avvocati saranno percepiti come i necessari garanti dei diritti dei propri assistiti.
Solo allora le condizioni penose nelle quali in gran parte viene attualmente amministrata la Giustizia provocheranno lo sdegno di chi, prima di tutto, si sente titolare di diritti e di doveri nei confronti degli altri.
Gli Avvocati possono farlo: sottraendosi all’uso distorto della comunicazione mediatica, rifiutandosi di usare il linguaggio d’odio, uscendo di scena e riappropriandosi dei luoghi preposti alla amministrazione della Giustizia e del proprio ruolo anche fuori da quegli spazi, interpretando l’Avvocatura in modo che i diritti di tutte le persone e tutte le persone riacquistino il senso del valore di ciò di cui sono titolari e dell’importanza della Giurisdizione come fondamento della società democratica.

Pic. Stefania Anarkikka Spanò 

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.