Io sono la giustizia

Avvocatura: lottare per i diritti

di Anna Losurdo

Come glielo spieghiamo alle cittadine e ai cittadini cosa succede nei palazzi di giustizia?
Come possiamo ancora meravigliarci che la vicenda del Palagiustizia penale a Bari non abbia prodotto alcuna manifestazione di sdegno al di fuori degli addetti ai lavori?
Cosa significa, per il nostro vicino di casa o per la nostra amica pediatra “a Bari la giurisdizione è sospesa”?

Abbiamo portato i processi fuori dal loro habitat naturale, li abbiamo trascinati fuori dalle aule e sbattuti in prima pagina, in prima serata e nelle home di nostri profili social.
Abbiamo consentito per troppo tempo che i processi fossero celebrati in ambienti mediatici e senza regole, senza diritti, senza Avvocati.

Ecco: regole, diritti, Avvocati e Giudici sono gli attori dei processi insieme agli autentici protagonisti, ai titolari di quei diritti, nei processi civili, agli imputati, nei processi penali.
Tutto ciò ha contribuito a creare il convincimento, tra i cittadini, che il processo, soprattutto quello penale, fosse quello rappresentato in tv o negli altri ambienti mediatici.

Ma la giustizia non abita le piazze, virtuali e non, o gli studi televisivi.

Un processo perlopiù senza difensore e senza imputato, abitato solo da esperti, ancora più spesso presunti, tutti impegnati nella ricerca del colpevole e della colpevolezza.

Un processo, quello mediatico, che si conclude con un solo genere di sentenza: quella di condanna, mai pronunciata in nome del Popolo italiano, in cui la sanzione è comminata in base alle premesse del processo e non rinviata alla conclusione del procedimento.

E le cose non vanno meglio per il processo civile, trasferito in sede mediatica stragiudiziale, con le rispettive tifoserie delle parti in conflitto, a sostenere le pretese contrapposte come se ci trovassimo nel peggiore degli stadi.

Ecco perché, quando parliamo ai cittadini e alle cittadine di processi e di giustizia, sentiamo opporre, per bene che vada, valutazioni giusitizialiste o genericamente sintonizzate sul pre-giudizio del “non funziona niente”.
Ecco perché, a Bari, il Palazzo chiuso di via Nazarianth è una realtà appena percepita dai baresi.

Hai voglia a parlare di funzione sociale degli Avvocati e di compartecipazione degli Avvocati all’esercizio della Giurisdizione: sono concetti familiari per gli addetti ai lavori, ma compresi, di solito male, dai nostri concittadini solo quando, per ragioni personali, incapperanno in un processo, in un Avvocato, in un Giudice.

E allora è dai diritti che dobbiamo ripartire, e non dai processi.

E non basta farlo nelle scuole, con i nostri bambini e le nostre giovani studentesse.
L’intero corpo sociale, composto da chi oggi lavora o il lavoro lo ha perso o non lo ha ancora trovato, da chi percepisce una pensione o è assistito (sic) in una struttura sanitaria o seguito dai servizi sociali, da chi possiede una casa o ne abita una di edilizia popolare, da chi esercita il diritto di voto e si muove nella società contribuendo a pieno titolo alla sua costruzione, deve acquisire la consapevolezza dell’essere cittadino e quindi titolare di diritti e di doveri fondanti la società democratica.

Solo così si ricostituirà quel rapporto ineludibile tra i cittadini e la Giustizia, tra il sistema valoriale del nostro Paese e il sistema giustizia preposto a regolare il conflitto nel rispetto delle regole.
Soltanto così gli Avvocati saranno percepiti come i necessari garanti dei diritti dei propri assistiti.
E forse solo allora le condizioni penose nelle quali in gran parte viene attualmente amministrata la Giustizia provocheranno lo sdegno di chi, prima di tutto, si sente titolare di diritti e di doveri nei confronti degli altri.

Gli Avvocati possono farlo: sottraendosi all’uso distorto della comunicazione mediatica, rifiutandosi di usare il linguaggio d’odio, uscendo di scena e riappropriandosi dei luoghi preposti alla amministrazione della Giustizia e del proprio ruolo anche fuori da quegli spazi, interpretando l’Avvocatura in modo che i diritti di tutte le persone e tutte le persone riacquistino il senso del valore di ciò di cui sono titolari e dell’importanza della Giurisdizione come fondamento della società democratica.

Pic. Stefania Anarkikka Spanò 

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il vero amore non si scorda. Mica pizza e fichi.

Pubblicato in

Deve essere quello vero, però. Mica quello fatto di frasettine…

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…