Come pesci nel grande oceano

Come pesci nel grande oceano

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)

Il cosiddetto “mondo reale” degli uomini e del denaro e del potere canticchia allegramente sul bordo di una pozza di paura e rabbia e frustrazione e desiderio e adorazione di sé.”
(David Foster Wallace, 2005)

È più facile spezzare un atomo, che un pregiudizio”, pare abbia detto Albert Einstein in persona.
Cosa dire dello stereotipo, che del pregiudizio è il nucleo cognitivo, allora?
Smontare stereotipi e pregiudizi nell’epoca delle post verità non è impresa da poco.

Se già Mark Twain diceva che “una bugia ha già viaggiato per mezzo mondo mentre la verità si sta ancora mettendo le scarpe”.
Se Orson Welles ci mise tutto il suo genio per far credere per qualche minuto che New York stesse soccombendo ai marziani.
Ora che la comunicazione e l’informazione viaggiano su multipli di multipli di byte, un click sul pc o sullo smartphone possono far viaggiare un’idiozia sette volte per l’intero cosmo mentre lo studioso, il ricercatore, la persona riflessiva, che ancora vagamente ricorda cosa significhi pensare, sta ancora sfilandosi il pigiama e stropicciandosi gli occhi.

Questo è lo scenario della post verità.

Naufrago nel confuso mare della comunicazione al tempo dei social, chi ancora desidera interrogare i fatti si aggrappa alla riflessione come ad un relitto di zattera che ancora lo tiene a galla.
La bugia ripetuta all’infinito, che diventa verità, vale a dire la strategia propagandistica che vorrebbe fare di ognuno di noi un inconsapevole Truman, nutrito di (finte) sicurezze è ormai quasi meglio applicata in politica che in pubblicità.

Nel 1986, a proposito di uno studio sulla persuasione, due ricercatori, Petty e Cacioppo, parlano di percorso periferico e percorso centrale; spesso, noi ci formiamo convinzioni, maturiamo scelte, prendiamo decisioni in modalità di distrazione, attenzione dispersa, fretta.

NON ABBIAMO TEMPO

Percorso periferico, lo chiamano gli studiosi; siamo in periferia di noi stessi, non abbiamo tempo per districare il vero dal falso con maggior cognizione di causa.
Così pregiudizi e stereotipi proliferano.
Se seguire un percorso decisionale periferico fa pochi danni mentre in un opulento ipermercato dobbiamo scegliere un gadget tecnologico, ne può fare tantissimi se ci lasciamo superficialmente persuadere da asfissianti propagande politiche ad identificare nemici, raggruppati, ad esempio, secondo criteri di facile identificabilità.

Se così stanno le cose, quello che Petty e Caccioppo chiamano “percorso centrale”, vale a dire un percorso che porta a maturare un’idea o prendere una decisione soltanto dopo un processo di ricerca personale, diventa sempre più un inerme David al cospetto di un Golia sempre più nutrito dal transgenico junk food che abbonda sul Web.

Anche quella configurazione di base di cui parla Foster Wallace, la “convinzione automatica e inconscia di essere il centro del mondo, e che i miei bisogni e i miei sentimenti prossimi sono ciò che determina le priorità del mondo intero” è un potentissimo veleno culturale che nella figura dell’hater trova una grottesca rappresentazione estrema.

La questione non mi pare di poco conto.

La capacità di pensiero riflessivo, che è stata evolutivamente premiata, rischia, al tempo dei social, di essere neutralizzata da pifferai manichei, in politica, nel mondo dell’informazione, nella ricerca scientifica.

In un formidabile apologo, nel 2005, David Foster Wallace parlava dell’ignoranza dell’acqua da parte dei pesci e della “convinzione automatica e inconscia di essere il centro del mondo, e che i miei bisogni e i miei sentimenti prossimi sono ciò che determina le priorità del mondo intero”.

Se la nostra acqua è la struttura culturale nella quale viviamo, dobbiamo stupirci se siamo così immersi in pregiudizi e stereotipi da non accorgercene quasi più?
Se pensiamo ai cosiddetti stereotipi di genere poi, immagini semplificate e rigide delle caratteristiche identitarie dell’uomo e della donna (ma non solo), troviamo che il pregiudizio, ad esempio il pregiudizio misogino, è solidamente abbarbicato a millenni di storia culturale scritta dal patriarcato, come magistralmente riassunto (si fa per dire, 318 pagine), in un recente testo di Paolo Ercolani.

Il professor Alessandro Strumia è un fisico dell’Università di Pisa . Partecipando a una conferenza su «Fisica delle alte energie e gender», durante la quale veniva affrontata la questione della discriminazione ai danni delle donne nella fisica, ha cercato di dimostrare che, se una discriminazione esiste, è a danno degli uomini.

«La fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, l’ingresso non è su invito».

Il giorno dopo Donna Strickland viene proclamata nobel per la fisica 2018. Ma, se non tutti e tutte abbiamo ambizioni da nobel, tutti e tutte possiamo contrastare la deriva omologante provocate dall’uso e abuso dei social, quello pseudo-pensiero infarcito di stereotipi e pregiudizi, che, abbiamo visto, non risparmia nemmeno menti collaudate al pensiero scientifico.
Alejandro Jodorowskj in un apologo racconta di come nessuno di noi può cambiare il mondo, ma ciascuno di noi può cominciare a farlo.

Questo, io credo sia lo spirito giusto, che deve animare Davide al cospetto di Golia.

Gli antidoti allo strapotere del “cretino velocissimo” e alla sua capacità di diffondere pregiudizi, stereotipi e luoghi comuni, non possono che risiedere nella capacità di riflessione, nell’ascolto dell’altro, nella capacità di accettare l’incontro reale; di mettere in conto che, attraverso questo incontro, io possa anche cambiare qualcosa della mia visione del mondo.

Voglio citare, in conclusione, un progetto di contrasto agli stereotipi di genere, che mi vede personalmente impegnato; da gennaio a novembre 2019, a Conversano, attraverso metodologie partecipative e proposte culturali, cittadini, studenti, operatori sociali, sono invitati ad un confronto attivo, ascoltarsi, discutere, giocare (nel senso dello psicoanalista Winnicott e del poeta Schiller).
Senza nascondersi dietro lo schermo di un Pc e senza compulsare maniacalmente il nostro smartphone.
Ne siamo ancora capaci?

Photocredit: http://www.coscienzeinrete.net

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…