Consenso mostruoso

Consenso mostruoso

di Anna Losurdo

Troppo spesso le parole sono state usate, maneggiate, rivoltate, lasciate esposte alla polvere della strada. Le parole che cerchiamo pendono accanto all’albero: con l’aurora le troviamo, dolci sotto le fronde.
Virginia Woolf

Elementi linguistici che nell’espressione scritta o orale servono a rappresentare un’idea tramite un riferimento convenzionale, le parole sono il presupposto fondamentale di qualsiasi comunicazione.

La parola “comunicare” deriva da communis e significa “mettere in comune”, “far parte ad altri di ciò che è proprio”.
Ogni messaggio condiviso ha, quantomeno, un emittente e un ricevente: per entrambi sussiste un certo grado di rischio di distorsione del messaggio.
L’emittente potrà dare per scontato che il ricevente condivida il suo stesso bagaglio informativo, oppure potrà sorvolare su alcuni dettagli importanti.
Il ricevente potrà distorcere il messaggio dell’emittente, interpretando diversamente il contenuto della notizia.

Tutto questo diviene ancora più rilevante se riferito alla comunicazione di massa e alla costruzione del consenso, soprattutto se politico.

In ogni epoca, il potere è il maggior produttore di “fake news”: non solo notizie false, ma anche quelle allusive, tendenziose o esagerate. Il potere politico, che ha sempre adoperato falsità e manipolazioni per piegare e dominare le menti dei sudditi (prima) e dei cittadini.

Il termine potere viene inteso essenzialmente in due modi, riconducibili alla distinzione fra can (essere capace di) e may (essere autorizzato a).
Il significato relativo alla capacità è più aderente alle culture sociali nelle quali il potere è legittimato quando la propria riconosciuta efficacia suscita il consenso o l’assenso dei sudditi.
Il secondo significato è più condiviso nelle culture sociali di impianto repubblicano, laddove si percepisce la distinzione tra auctoritas e potestas e i cittadini legittimano il potere in quanto lo riconoscono autorizzato da una fonte, anteriore ed esterna, ritenuta autorevole.

La differenza tra quanto avvenuto in passato rispetto a quanto accade nella nostra società contemporanea è però esiziale.
Da una parte, il pulviscolo tecnologico, il web, il cyberspazio in cui l’informazione viaggia frammentata in particelle incontrollabili la cui diffusione è potenzialmente illimitata.
Cosicché chiunque può ricevere un gran numero di informazioni da un gran numero di persone e pensare che ciò di cui viene a conoscenza sia vero.
Dall’altra parte, la palude delle non verità, semi-verità e post-verità: tutto può apparire verosimile e nulla può o deve essere autentico.

Sembra essere vero ciò che può essere sostenuto come tale da qualsiasi punto di vista. Non ci sono fatti ma visioni alternative della realtà, sorrette da quel “bisogno della gente” che viene contrapposto, nella propaganda del populismo, alle verità imposte dalla “casta”.

Il populismo, quindi, al contempo ideologia (moralità del popolo contrapposta alla moralità della casta) e modello partecipativo politico basato sull’impiego massiccio dei mass media (i social media in particolare) per la costruzione del consenso.
Ma il consenso senza consapevolezza genera mostri.

Rispetto alle forme sociali che ci hanno preceduto, la nostra società è molto più complessa e, in quasi tutte le sue articolazioni la sua struttura oltrepassa la competenza media dei singoli individui.
È inevitabile, quindi, che quando si è chiamati a decidere, il posto lasciato vuoto dalla competenza venga occupato dalla persuasione indotta da tutti coloro che possiedono una comunicazione efficace.

Senza persuasione, infatti, sia le parole di verità sia le parole d’inganno non hanno efficacia.
Ma una democrazia che dovesse prendere le sue decisioni non sulla base di un attento esame di realtà, che nelle società complesse è sempre più difficile, ma sull’efficacia della persuasione, è morta sul nascere.
Infatti, per legittimare una politica e definirla democratica non basta un largo consenso ma conta come quel consenso sia stato ottenuto.
E la qualità di ogni politica è determinata innanzitutto dalla qualità dei suoi fini. La democrazia è insieme un mezzo e un fine da realizzare.

La democrazia è in salute quando è animata da grandi ambizioni (di giustizia sociale, di partecipazione politica collettiva, di libertà personale, di creatività economica e culturale). Cioè quando è mossa da un’ambizione storica.
Corruzione e clientelismo sono indici della mancanza di qualsiasi prospettiva istorica. Al contrario, la qualità etica della politica non è un ornamento da moralisti, bensì il fattore essenziale della ambizione di operare la trasformazione sociale piuttosto che limitarsi alla indolente constatazione dei fatti.

Etica è responsabilità, cioè rispondere delle proprie azioni e dei propri comportamenti.
A chi? A sé stessi o al prossimo? Ai principi che si proclamano? Alla collettività, al mondo, al proprio Dio?
Ogni risposta delinea un’etica diversa.

È nota la distinzione di Max Weber tra le due polarità dell’etica, quella dei principi e quella delle responsabilità.
Da un lato, la fedeltà inderogabile ai propri valori, indifferente alle conseguenze per sé e per gli altri.
Dall’altro, l’accento sugli obiettivi che ci si propone, con una certa indifferenza per la qualità morale dei mezzi per conseguirli.
Una riguarda le premesse, l’altra le conseguenze dell’agire; una è fermezza sui principi malgrado le conseguenze, l’altra è fermezza dei fini malgrado i mezzi necessari a conseguirli.
Entrambe hanno i propri punti di forza e le proprie degenerazioni.
L’etica della responsabilità può ispirare ogni genere di compromesso.
L’etica dei principi può degenerare nel narcisismo delle proprie ragioni, o nel sacrificare i diritti altrui per la salvezza della propria anima (i cosiddetti “principi non negoziabili”), o nei fondamentalismi.

Nell’agire politico, l’etica è innanzitutto quella della responsabilità, perché riguarda la qualità dei fini che si perseguono; ma quella dei principi concorre a temperare il pragmatismo dei mezzi necessari per realizzare i fini.
L’etica della politica riguarda la gestione di una responsabilità sociale e implica sempre la responsabilità dell’esercizio di un potere.

Sulla base di queste brevi considerazioni, può dirsi ancora democrazia quella in cui viviamo?
L’interazione tra i meccanismi di comunicazione manipolativa, la creazione del consenso e la diffusione della accondiscendenza alla compressione dei diritti delle persone crea un mix perverso che connota l’azione politica dei giorni nostri.
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti, nei confronti delle altre persone e della comunità cui apparteniamo. Siamo liberi di parlare, mai di fare delle nostre parole un veicolo di violenza.

Photo credit: architetturaecosostenibile/towada-kengo-kuma-community-

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Diavolo di avvocato

Enzo Varricchio
Spesso nell’immaginario collettivo italiano l’avvocato è l’ideal tipo negativo del professionista che sfrutta le zone grigie della legge

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione