Essere ricercatrice

Essere ricercatrice

di Ilaria Ferrando (Ricercatrice Dicca – UniGe)

Tremila battute per raccontare chi sono, cosa faccio e affrontare l’arduo compito di incuriosire altre giovani e stimolarle ad intraprendere il mio stesso percorso. Ci provo.
Mi chiamo Ilaria, ho 33 anni, sono nata e vivo a Genova, ho una sorella gemella di nome Chiara, sono sposata con Daniele e da otto mesi circa sono la mamma di Enea. Le cose importanti sul “chi sono” sono queste, credo.

Lavoro come ricercatrice a tempo determinato presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale dell’Università di Genova dove mi occupo di Geomatica, la disciplina che tratta le misure sul territorio sia naturale sia costruito: dall’esecuzione, all’elaborazione, dall’analisi alla restituzione.

La mia tematica di ricerca principale riguarda il contributo del GNSS alla stima del contenuto di vapore acqueo in atmosfera, argomento che ho affrontato durante il Dottorato di Ricerca e i successivi tre anni di assegno di ricerca e che mi è valso il premio AUTeC 2017 per la migliore tesi di Dottorato in Geomatica nella sezione Geodesia, GNSS e Navigazione.

Oltre a ciò, ni occupo di cartografia numerica e GIS e lavoro sul campo, “in campagna” come da terminologia geomatica, per eseguire rilevamenti, di cui elaboro, analizzo e interpreto i dati.

Fino a qui ho tentato di tenere distinto “chi sono” da “cosa faccio”, ma, immancabilmente, quando parlo del mio lavoro, il confine diventa così sottile da portarmi a raccontare “COSA sono”.
Credo che questa incapacità nel tenere separati i due aspetti sia intrinsecamente insita nel mestiere del ricercatore, che deve, credo, coniugare le capacità più operative con un’indole curiosa e tenace.

Gran parte del “fare il ricercatore” è infatti “essere un ricercatore”.

Approcciare tematiche di frontiera e problemi aperti, inventare problemi nuovi, aprire punti di vista, tentare, fallire, cambiare approccio, fallire ancora fino al tanto atteso “Eureka!” è un lavoraccio, ma, nella mia esperienza, è davvero un bel lavoraccio.
Nei contesti più svariati mi è capitato di leggere la citazione attribuita a Confucio

“Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua”.

Condivido solo parzialmente questa massima, ma la cito perché mi dà l’occasione per sottolineare un punto che molto spesso è sottovalutato: lavorare nella ricerca e, più in generale, il lavoro intellettuale, è un “lavoro vero”.
In diverse occasioni, dopo aver affermato che lavoro come ricercatrice, mi è stato chiesto “Ma come lavoro vero, cosa fai?”.
Troppo frequentemente, purtroppo, se la ricerca non ha un risvolto tangibile e immediato oltre al mero avanzamento della conoscenza (come se questo non fosse già di per sé un valore), come la ricerca in ambito medico o la ricerca applicata, essa è considerata un puro esercizio di stile o, peggio, un passatempo.
Invito quindi con maggiore forza chi ha intenzione di intraprendere il percorso verso la carriera accademica di essere perseveranti, tenaci e, se occorre, testardi.

Mi permetto di sforare nel numero di battute per citare e ringraziare i membri del Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS , : i prof. Domenico Sguerso e Bianca Federici e le dott. Sara Gagliolo e Stefania Viaggio, ottimi compagni di viaggio attraverso l’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore.

Image credit: Leohoho da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti