Guerra e pace

Guerra e pace

di Anna Losurdo

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Articolo 11 Costituzione italiana

All’indomani dei due conflitti mondiali, non si sarebbe potuta fare un scelta diversa.
Invece, nel trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1º dicembre 2009, è assente il riferimento al ripudio della guerra.

Si è soliti affermare che l’Europa sia in pace da settantacinque anni, ma a ben vedere è stata una pace tra gli stati. Ma non tutti i cittadini europei sono stati liberi e in pace nel proprio.
Nei decenni successivi alla fine della seconda guerra mondiale, il nostro continente è stato teatro di un paio di dittature, della guerriglia dei terroristi, degli scontri in Irlanda del Nord, della guerra in Bosnia, del regime nei paesi del blocco sovietico.
E gli Stati europei sono intervenuti in numerosi conflitti in atto in diverse zone del pianeta, senza dimenticare i decenni di guerra fredda
Non proprio vera pace, quindi. Ma per certi versi una apparente e anche un po’ ipocrita idea di pace “relativa”. Anche un po’ NIMBY…

Image credit: stokpic da Pixabay

Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà.

Durante l’anno 2020, la spesa militare mondiale è aumentata del 2,6%.
Nello stesso periodo, gli investimenti armati hanno raggiunto la media globale del 2,4% del Pil (nel frattempo diminuito del 3%): l’aumento maggiore del carico militare dalla crisi finanziaria ed economica del 2009.
È tutto spiegato nel dossier del 26 Aprile 2021 dell’Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.
Solo tre tra i primi 15 Paesi hanno registrato spese militari più elevate nel 2020 rispetto al 2011: fanno eccezione Stati Uniti (–10%), Regno Unito (–4,2%) e Italia (–3,3%).

Nel mondo si combattono tante guerre silenziose oltre ai grandi conflitti internazionali (in Siria, in Libia e in Ucraina) di cui si occupano i media.
Guerre che si concentrano in Africa e Medio Oriente. Però si combatte anche in America Latina.
La fascia intorno all’equatore è una planetaria zona di guerra (https://www.crisisgroup.org/crisiswatch).

In tutto il mondo, anche ora, milioni di persone continuano a pagare il prezzo della guerra.

Secondo il World Resources Institute (WRI), 17 Paesi affrontano livelli di stress idrico “estremamente elevati” e più di due miliardi di persone vivono in Paesi che soffrono di stress idrico “elevato”.
La competizione per l’acqua sta crescendo e avrà gravi conseguenze, come anche gli studi di futuro ci insegnano.
Nel frattempo, l’acqua è stata quotata in Borsa con un contratto future che ha debuttato a dicembre 2020 sulla piattaforma di negoziazione elettronica Globex…

La tratta di esseri umani è la forma moderna della schiavitù: coinvolge vittime di lavoro forzato, lavoro coatto, lavoro minorile forzato, schiavitù sessuale e schiavitù involontaria (Organizzazione Internazionale del Lavoro – ILO).

Franklin Delano Roosevelt, il 6 gennaio 1941, nell’annuale discorso sullo stato dell’Unione, illustrò le “Quattro libertà” di cui “ogni persona nel mondo dovrebbe godere“:
Libertà di espressione
Libertà religiosa
Diritto ad un livello di vita sufficiente
Libertà dalla paura

Sebbene non espressamente menzionata, a guerra mondiale in corso, anche la libertà dalla guerra rientra nella più ampia categoria della libertà dalla paura.
Come possiamo pensare che bambini, adolescenti e adulti che vivono in mezzo alle macerie e sotto i bombardamenti o i colpi dei cecchini siano liberi e possano avere una qualsiasi prospettiva di futuro? Come possiamo essere in grado di comprendere appieno come si sentono, se dal nostro punto di vista privilegiato abbiamo definito “guerra” quella combattuta contro il Covid-19? Se abbiamo sofferto delle restrizioni patite che hanno limitato la nostra socializzazione incapaci di allargere il nostro orizzonte e di misurarci con quegli altri cittadini del mondo per i quali la parola “restrizione” è un concetto pressocchè astratto?

war is peace
1984, George Orwell

Nel romanzo di Orwell, i tre superstati si combattono in un conflitto senza fine senza che nessuno sia in grado di prevalere sugli altri due.
A quale scopo?
Evitare che il surplus di produzione possa migliorare le condizioni di vita degli individui (rendendoli così meno docili e controllabili).
Come ben sappiamo, la realtà sembra aver superato da tempo la trama del romanzo.

E invece libertà vuol dire dignità, rispetto di se stessi e degli altri, rifiuto dell’oppressione.a

Deponiamo le armi
Per armarci di premura gli uni
verso gli altri.
Di nessuno vogliamo il male, per tutti l’armonia
Amanda Gorman

Image credit: https://cpn.canon-europe.com/photojournalist_dario_mitidieri

Articoli di Anna Losurdo, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Ubuntu

Aldo Luchi
L’individualismo nazionalista ha distorto il concetto di libertà al punto da interpretarla come imposizione delle proprie convinzioni

Leggi l'articolo

Storie dal 41 bis

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Leggi l'articolo

Respirare turismo sostenibile

Cinzia De Marzo
Occorrono una visione di lungo periodo e progetti intelligenti per ripensare forme sostenibili di ospitalità e accoglienza

Leggi l'articolo

Autonomi automi

Sergio D’Angelo
Le relazioni di potere, che sempre più nella contemporaneità assumono forme di servitù volontaria, possono soffocare sul nascere una possibile libertà di scelta

Leggi l'articolo

Macchienereincampobianco

Vittorio Correale
…si accorse che in tutte le canzoni ce n’era una, sempre la stessa. Ne ignorava il significato ma da quella sera gli rimase in mente per sempre: libertà

Leggi l'articolo

In giro per l’Unione

Nadia Germanà Tascona
Il diritto alla libertà di espressione richiede e merita protezione non solo in sé ma in quanto presupposto e fondamento di una società democratica

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa