Il cambiamento che fa paura

Il cambiamento che fa paura

di Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)

Cosa è successo nel tardo pomeriggio del 15 aprile 2019?
Un incendio è divampato nella cattedrale di Notre-Dame, simbolo di Parigi, emblema della cristianità e della storia francese.

Una ferita al cuore dell’Europa che non trova riscontro nelle numerose classifiche degli eventi, veicolate dalla stampa, che hanno caratterizzato questi ultimi 10 anni e che ritengo, invece, interessante ricordare non tanto per la mia personale opinione quanto perché ci aiuta a focalizzare che nulla è per sempre ovvero, come osserva Eraclito, perdura solo il cambiamento di cui abbiamo paura.

Ma contrastare il cambiamento, tuttavia, non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro.

Un futuro che sembra sparito dal nostro orizzonte come evidenziato dall’ultimo rapporto CENSIS e che dovremmo, invece, studiare per capire, interpretare, anticipare la direzione che prenderanno le nostre paure, le nostre ambizioni in un mondo sempre più scivoloso che non riconosce più destra sinistra, sopra sotto, davanti dietro, senza più barriere né blocchi contrapposti, né Nato né Patto di Varsavia.

Un mondo che con i suoi sempre più veloci cambiamenti crea una quotidianità volatile, incerta, complessa, ambigua, come sintetizzato dall’acronimo VUCA, che fotografa un processo ormai irreversibile e che non possiamo contrastare ma che dobbiamo, invece, trasformare nel nostro compagno di viaggio cambiando magari occhiali – come “Noi di Spoiler” suggerisce – per ragionare su altri elementi e vedere nella V, dell’acronimo VUCA, una visione, nella C la collaborazione, nella A l’agilità e nella U l’utopia non come modello ideale, irraggiungibile, inesistente o come una fuga nell’impossibile ma come quell’orizzonte che ancora non c’è ma verso il quale dobbiamo orientare il nostro sguardo: critico, progettuale, anticipante.

Image credit: Toon Joosen – water fall twins 2000
www.artupon.com

www.noidispoiler.it

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona