Il diritto alla bellezza

Il diritto alla bellezza

di Anna Losurdo

“L’eleganza è l’unica bellezza che non svanisce mai”

(Audrey Hepburn)

Ha un valore educativo, la bellezza?
Ha un effetto pedagogico?
Riesce a tenerci lontani dagli aspetti deteriori dell’esperienza umana?
È in grado di agire come antitodo al degrado, individuale e collettivo, della società umana?
Cambia la nostra vita se guardando fuori dalla finestra ci troviamo davanti una zona degradata o un meraviglioso panorama naturale o artistico?

E ancora: l’attitudine e l’abitudine al bello riescono a restituirci il senso di ciò che siamo, a prescindere da quanto siamo utili al sistema?
Esiste un diritto alla bellezza?

La mia risposta a tutte queste domande è affermativa, senza tentennamenti.
Forse utopistica. O forse legata al vincolo antico tra bellezza e morale.

Si afferma che l’educazione sentimentale passi attraverso la lettura.
La bellezza dei modi e dei comportamenti è l’unico metodo che ci rimane per contrastare la volgarità che ci circonda.

La gentilezza, per esempio, è efficace per contrastare atteggiamenti violenti e offensivi. Il rispetto per le ragioni degli altri, tanto nel confronto privato quanto nel dibattito pubblico.

O la mentalità sociale (samfundssind), che ci spinge a mettere l’interesse della comunità al di sopra di quello individuale (il nostro, personalissimo, o quello di una parte), sarebbe di per sé idonea a recidere in radice ogni possibilità di abuso.

Quale bellezza, quindi?

Se è vero che essa rappresenta un presupposto per la realizzazione della persona, di certo il diritto alla bellezza non rientra nel novero dei diritti di natura patrimoniale e ha carattere universale, spetta a ciascuno e a tutte e a tutti.

Gli esempi paradigmatici più siginficativi sono l’ambiente e il patrimonio artistico, architettonico e culturale. Gli sfregi permanenti perpetuati colpiscono tutte le cittadine e tutti i cittadini, anche di domani.

Basti pensare alla nostra reazione di fronte a questi comportamenti che ledono, spesso in maniera irreparabile, lo sviluppo umano e la qualità della vita, per percepire la portata di quel diritto.

E veniamo, infine, alla tutela del diritto alla bellezza.
Che passa senza alcun dubbio dal ruolo pubblico della garanzia ma che trova nell’apporto di ciascuno il presupposto ineludibile che si fonda sulla consapevolezza di ciò che siamo, della nostra storia, del nostro territorio.
E ancora una volta ritorna, prepotente, la mentalità sociale, il senso di comunità, il nostro contrapposto al mio, per i benefici individuali e collettivi che tutti possono trarre dal riconoscimento effettivo, e non meramente formale, del diritto alla bellezza.

Image credit: Bessi da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora