Il genitore affidatario

Il genitore affidatario

di Andrea Mazzeo (Psichiatra in Lecce)

Il quotidiano Il Dubbio ha pubblicato, il 16 settembre, un articolo dal titolo “L’affidamento e la sindrome dell’alienazione genitoriale”; è ormai acclarato che tale presunta sindrome, per brevità PAS, non ha alcuna validità scientifica, come da dichiarazione del Ministro della Salute del 18 ottobre 2012 (https://bit.ly/3cAx7oQ); non si fa buona informazione riproponendo questo concetto antiscientifico.

Vi è contenuta la seguente affermazione, molto opinabile se non del tutto errata: “Ed è per questo che le madri sono spesso chiamate in causa, poiché è evidente che chi può ostacolare la bigenitorialità è l’affidatario e non l’altro”. Non viene però fornita alcuna prova di questa “evidenza”, non si comprende da quali elementi concreti e oggettivi scaturisca tale evidenza; è solo l’opinione personale dell’autore.
Ma qualsiasi opinione, anche se di fonte autorevole, rimane pur sempre un’opinione soggettiva e non una verità oggettiva.

Né si comprende in che modo il genitore affidatario (forse l’autore dell’articolo intendeva dire collocatario, visto che l’affido è sempre condiviso tranne quando il giudice lo ritenga di pregiudizio per il minore) possa ostacolare la bigenitorialità.

Sono, le mie, osservazioni retoriche; so bene che secondo la teoria della PAS o alienazione parentale, il genitore collocatario ostacolerebbe la bigenitorialità attraverso le cosiddette condotte alienanti (denigrazione dell’altro genitore, pressioni psicologiche sul minore per portarlo a rifiutare l’altro genitore, ecc.).
Tale nuovo concetto, che lungi dall’essere scientificamente accreditato è solo l’opinione di una psicologa statunitense, Amy Backer, non è supportato da alcun dato scientifico; peraltro, una recente sentenza della Corte Suprema della Contea di Monroe (NY), Giudice Richard A. Dollinger, definisce la testimonianza di esperti della PAS, tra cui la d.ssa Backer, come “l’apice della follia” (For this court, the expert’s comment, at times, reached almost the apex of foolishnesshttps://bit.ly/2G8pkCT).

Nella mia esperienza ho prova del contrario, e cioè che le pressioni psicologiche esercitate sul minore da un genitore allontanano il minore proprio da questo genitore.

Il caso più emblematico è di Milano: quattro figli, affido condiviso, collocamento dalla madre, regolare diritto di visita del padre; quindi nessun conflitto.
La maggiore appena compiuti i 18 anni ha chiesto al padre di poter andare a studiare all’estero e il padre, imprenditore, si è accollato le spese relative. Dopo alcuni mesi il secondogenito, 16 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui perché non sopportava più la madre; successivamente anche il terzogenito, 13 anni, ha chiesto al padre di andare a vivere da lui per gli stessi motivi. Per quest’ultimo si è aperto un procedimento giudiziario perché la madre accusava l’ex-marito di averle messo i figli contro.

Consulente della madre era uno dei firmatari del memorandum dei 131, un neuropsichiatra infantile che sostiene la PAS; contraddicendo tutto quanto sostenuto sino ad allora, e cioè che chi può manipolare i figli è il genitore collocatario (in questo caso la madre) nella sua relazione ha sostenuto che era il padre (genitore non collocatario) ad aver condizionato i figli causando loro l’alienazione parentale; questo nonostante le lettere dei ragazzi (13 e 16 anni) nelle quali spiegavano alla madre i motivi delle loro scelte, e pur in assenza di rifiuto verso la madre regolarmente visitata dai due figli, e verso i parenti del ramo materno.

Un caso analogo, un solo figlio, l’ho seguito in provincia di Bari dove il CTU ha parlato di PAS per un ragazzo collocato dalla madre e che, stanco delle pressioni psicologiche materne, è andato spontaneamente a vivere dal padre.

Sono dati oggettivi che smentiscono l’intera teoria della PAS.

Le pressioni psicologiche, la denigrazione dell’altro genitore, allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto.

Image credit: LUuy da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Il CTU: ipse dixit?

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza