Il problema relazionale

Il problema relazionale

di Andrea Mazzeo (Psichiatra)

Ne ho parlato più diffusamente nel testo “I diritti personali della famiglia in crisi” a cura di Giuseppe Cassano e Giacomo Oberto, edito da Giuffrè.

I vari professionisti che sostengono il concetto di alienazione parentale confidavano nel riconoscimento dello stesso da parte della classificazione dei disturbi mentali DSM-5, pubblicata nel 2013.
Preso atto che non vi era stata ricompresa, hanno dato luogo a una massiccia campagna mediatica sostenendo che l’alienazione parentale era presente nel DSM-5 come problema relazionale.
Tralascio, per carità di patria, di analizzare le parole del leader internazionale della lobby dell’alienazione parentale, il Dr William Bernet, per il quale “anche se le parole non sono scritte nel DSM-5 nelle sua pagine c’è lo spirito dell’alienazione parentale” (Although the actual words “parental alienation” do not appear, the spirit of PA is strong and well represented in DSM-5).

Il problema relazionale, nello specifico quello genitore-figlio, è descritto nel DSM-5, nella sezione chiamata “Altre condizioni che possono essere oggetto di attenzione clinica”, con la seguente precisazione: «Le condizioni e i problemi elencati in questo capitolo non sono disturbi mentali

È di tutta evidenza, si tocca con mano, che il rifiuto del figlio verso la relazione con un genitore rappresenta un problema relazionale, mentre la relazione del figlio con l’altro genitore, quello che non viene rifiutato dal bambino, protettivo verso il bambino, non presenta alcun problema. Diviene quindi del tutto incomprensibile il fatto che, invece, dai CTU venga considerata problematica la relazione con il genitore protettivo verso il minore e non la relazione con il genitore rifiutato dal minore.

Il problema relazionale, se proprio si vuole seguire questa strada, esiste tra il genitore rifiutato e il bambino che lo rifiuta, ma non tra il genitore protettivo e il bambino che non rifiuta la relazione con quest’ultimo.
È priva di senso logico l’affermazione, che ho letto in alcune CTU, che il bambino rifiuta la relazione con un genitore perché ha un problema relazionale con l’altro genitore.

Logica vuole che una volta identificato un problema relazionale ci si chieda quali possano essere le cause, le motivazioni dello stesso.
Potrebbe essere in gioco una qualche forma di condizionamento psicologico da parte dell’altro genitore, ma questo va provato, va dimostrato, non è sufficiente dichiararlo.
Così come potrebbero essere in gioco altre cause, quali, per es., violenza in famiglia, diretta sul minore o assistita, abusi sessuali sul minore, ecc.

Come ci ricorda la Suprema Corte di Cassazione (Sent. 43786/10) «nella maggior parte dei casi un evento può trovare la sua causa, alternativamente, in diversi fattori. In tale frequente situazione le generalizzazioni che enunciano le diverse categorie di relazioni causali costituiscono solo delle ipotesi causali alternative. Emerge, così, che il problema dell’indagine causale è, nella maggior parte dei casi, quello della pluralità delle cause

Il parlar male dell’altro genitore, denigrarlo, deriderlo, ecc., non sono in grado di causare un problema relazionale del figlio con l’altro genitore. È molto più probabile che queste continue lamentele, ove ci siano, creino invece un problema relazionale del figlio proprio con il genitore che si lamenta, parla male dell’altro genitore, lo denigra, ecc.

Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio; ciò che può allontanare un figlio da un genitore è proprio il comportamento di questo genitore verso il figlio stesso.

Image credit : klimkin da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti per tutti i generi

Anna Losurdo
Un filo rosso verso una società sempre più giusta perchè sempre più uguale

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Guerra e pace

Anna Losurdo
Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà

Leggi l'articolo

Nulla via impervia

Anna Losurdo
Nulla è più poetico di una strada solitaria. Ma davvero c’è poesia nelle vie solitarie di questo nostro tempo?

Leggi l'articolo

Nuove parole e nuovi metodi

Anna Losurdo
Improvvisamente la guerra non è più un brutto gioco di bambini

Leggi l'articolo

La grande follia

Laudato si’
Dobbiamo chiederci non chi può vincere la guerra, ma come disattivarla

Leggi l'articolo

Guerra dentro

Tiziana Nuzzo
Costruttore di pace è chi sia adopera ogni giorno a unire

Leggi l'articolo

Glottologia della guerra

Paola Furini
Noi occidentali non eravamo più abituati ad avere paura

Leggi l'articolo

Supplemento d’anima

Anna Paola Lacatena
Per sfuggire all’attrazione esercitata dall’orrore e dalle sue assolute certezze

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli

Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Il Tribunale di Matera rilegge la sentenza delle Sezioni unite

Che sapere per non essere condannati

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
L’ipotesi di delitto di diffamazione aggravata all’interno dei social network è sempre più frequente

Le ragioni dei minori, senza pregiudizi

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
Nelle vicende di affidamento dei figli minori spesso molte illazioni psicologiche ma pochi o nessun fatto

Giustizia in tv ma col PNRR

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
È andato in TV il PNRR, il più grande piano di investimenti della storia dell’Unione Europea

Cosa indossavi?

Pubblicato in |

Maria Critina Carratù
Pubblichiamo la prefazione al libro di Iacopo Benevieri

Un percorso affascinante

Pubblicato in |||

Valeria Pettorino

Cultura scientifica e lungimiranza

Pubblicato in |||

Claudia Segre e Anna Losurdo

Ecosistema della condivisione

Pubblicato in |||

Alessandra Pugnetti

Ecosistema della resilienza

Pubblicato in |||

Leonilde Bonfrate

Ecosistema del pregiudizio

Pubblicato in |||

Serenella Civitelli