Il problema relazionale

Il problema relazionale

di Andrea Mazzeo (Psichiatra)

Ne ho parlato più diffusamente nel testo “I diritti personali della famiglia in crisi” a cura di Giuseppe Cassano e Giacomo Oberto, edito da Giuffrè.

I vari professionisti che sostengono il concetto di alienazione parentale confidavano nel riconoscimento dello stesso da parte della classificazione dei disturbi mentali DSM-5, pubblicata nel 2013.
Preso atto che non vi era stata ricompresa, hanno dato luogo a una massiccia campagna mediatica sostenendo che l’alienazione parentale era presente nel DSM-5 come problema relazionale.
Tralascio, per carità di patria, di analizzare le parole del leader internazionale della lobby dell’alienazione parentale, il Dr William Bernet, per il quale “anche se le parole non sono scritte nel DSM-5 nelle sua pagine c’è lo spirito dell’alienazione parentale” (Although the actual words “parental alienation” do not appear, the spirit of PA is strong and well represented in DSM-5).

Il problema relazionale, nello specifico quello genitore-figlio, è descritto nel DSM-5, nella sezione chiamata “Altre condizioni che possono essere oggetto di attenzione clinica”, con la seguente precisazione: «Le condizioni e i problemi elencati in questo capitolo non sono disturbi mentali

È di tutta evidenza, si tocca con mano, che il rifiuto del figlio verso la relazione con un genitore rappresenta un problema relazionale, mentre la relazione del figlio con l’altro genitore, quello che non viene rifiutato dal bambino, protettivo verso il bambino, non presenta alcun problema. Diviene quindi del tutto incomprensibile il fatto che, invece, dai CTU venga considerata problematica la relazione con il genitore protettivo verso il minore e non la relazione con il genitore rifiutato dal minore.

Il problema relazionale, se proprio si vuole seguire questa strada, esiste tra il genitore rifiutato e il bambino che lo rifiuta, ma non tra il genitore protettivo e il bambino che non rifiuta la relazione con quest’ultimo.
È priva di senso logico l’affermazione, che ho letto in alcune CTU, che il bambino rifiuta la relazione con un genitore perché ha un problema relazionale con l’altro genitore.

Logica vuole che una volta identificato un problema relazionale ci si chieda quali possano essere le cause, le motivazioni dello stesso.
Potrebbe essere in gioco una qualche forma di condizionamento psicologico da parte dell’altro genitore, ma questo va provato, va dimostrato, non è sufficiente dichiararlo.
Così come potrebbero essere in gioco altre cause, quali, per es., violenza in famiglia, diretta sul minore o assistita, abusi sessuali sul minore, ecc.

Come ci ricorda la Suprema Corte di Cassazione (Sent. 43786/10) «nella maggior parte dei casi un evento può trovare la sua causa, alternativamente, in diversi fattori. In tale frequente situazione le generalizzazioni che enunciano le diverse categorie di relazioni causali costituiscono solo delle ipotesi causali alternative. Emerge, così, che il problema dell’indagine causale è, nella maggior parte dei casi, quello della pluralità delle cause

Il parlar male dell’altro genitore, denigrarlo, deriderlo, ecc., non sono in grado di causare un problema relazionale del figlio con l’altro genitore. È molto più probabile che queste continue lamentele, ove ci siano, creino invece un problema relazionale del figlio proprio con il genitore che si lamenta, parla male dell’altro genitore, lo denigra, ecc.

Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio; ciò che può allontanare un figlio da un genitore è proprio il comportamento di questo genitore verso il figlio stesso.

Image credit : klimkin da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Il CTU: ipse dixit?

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza