soft-toys-3158361_1920

Io negozio, il giudice separa

di Roberta Valente (Avvocata in Bari)

Non c’è nulla da fare.
Separazione o divorzio: la sentenza del Giudice vale di più di un accordo redatto dalle parti con i rispettivi Avvocati negoziatori.
È inutile che si dispera” mi raccontava una Cancelleria della Procura quando andavo ad informarvi sul numero dei depositi degli accordi di negoziazione assistita “i cittadini vogliono la carta scritta dal Giudice (la sentenza) poiché credono che una separazione o un divorzio firmati solo dagli Avvocati abbiano meno valore della sentenza di un Giudice”.

Ancora non mi rassegno e continuo a combattere i retaggi culturali legati a una pessima visione dell’operato degli Avvocati, pur consapevole che è diventato sempre più difficile utilizzare lo strumento della negoziazione assistita di famiglia, sia per le lacune della legge 162/2014, non ancora colmate dal legislatore, sia per l’inutile e crescente burocratizzazione degli adempimenti da eseguire presso le Procure competenti a autorizzare o vistare l’accordo.

E allora che si fa?

Si sceglie la via più semplice e si deposita, quando l’accordo c’è, il ricorso congiunto di separazione o divorzio o modifica delle condizioni di separazione o divorzio.
Contributo unificato e via: a tutto il resto provvedono il Giudice e la Cancelleria e l’Avvocato può anche assistere entrambi i coniugi, con l’intuibile risparmio di spesa per gli assistiti. Neanche si rischia di pagare la sanzione pecuniaria in caso di ritardo nel deposito all’Ufficio di Stato civile del Comune competente.

Davvero si può andare avanti così?

Ancora nessuna negoziazione per i figli di coppie non coniugate o per coniugi o genitori meno abbienti e che potrebbero usufruire del patrocinio a spese dello Stato (lacuna incomprensibile e ingiustificabile).
Inoltre, non possiamo prevedere il trasferimento di immobili se non con l’autentica di un notaio, non possiamo ascoltare congiuntamente i minori nemmeno con l’assistenza di un esperto, dobbiamo depositare una caterva di documenti in Procura e rischiare un rigetto da un Giudice che non si occupa di diritto di famiglia, e, ciliegina sulla torta, dobbiamo anche depositare l’accordo, alla fine del procedimento e con l’ansia da sanzione, presso il COA di appartenenza.

Degiurisdizionalizzazione?

Ma dove? Nei sogni di un legislatore che non sa o non sa scrivere, con o senza l’emergenza sanitaria.
Anzi l’emergenza sanitaria avrebbe dovuto agevolare il lavoro degli Avvocati e non appesantirlo come, al contrario, sta succedendo e non solo nell’ambito del diritto di famiglia.

L’ISTAT ha registrato, tra gli effetti della pandemia, un forte calo di matrimoni e unioni civili, ma anche di separazioni e divorzi.
Si sono ridotti in percentuale maggiore i procedimenti giudiziali di separazione e divorzio (per le ovvie ragioni legate al blocco delle attività nei Tribunali), ma anche le negoziazioni di famiglia, seppure in misura lievemente minore.
Ma l’informatizzazione del sistema giustizia e il processo civile telematico non c’erano già prima della pandemia?
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi, ma non c’è nulla da fare, la sentenza è scritta con la penna d’oro, l’accordo con la penna bic.
Io adoro le bic cristal.

di Roberta Valente su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/attualita/minata-la-negoziazione-assistita/13706/2021/

Image credit: Bruno /Germany da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

La mediazione dell’Avvocato

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora