la responsabilità delle istituzioni

La responsabilità delle istituzioni

di Giuseppe Artino Innaria (Giudice del Tribunale di Catania)

Nel linguaggio corrente, quando si accenna agli apparati statuali, si ha timidezza ad impiegare il vocabolo “Stato”, quasi che esso abbia connaturato in sé qualcosa di deprecabilmente autoritario, e lo stesso pudore si sperimenta nel preferire al termine “istituzioni” il più neutro “pubbliche amministrazioni” o “servizi pubblici” o meglio ancora il tranciante “burocrazia”, laddove se ne vogliano mettere in risalto gli intralci formali e le lentezze.

L’opzione in un senso o nell’altro non è priva di risvolti profondi, perché probabilmente tradisce una sottostante differente concezione del settore pubblico.
Parlare di P.A. o di burocrazia è spesso un modo per porre l’accento soprattutto sul lato efficientistico dell’azione statuale.

Per contro, a mio avviso, l’attaccamento all’idea di istituzione mette in gioco una visione ancorata allo sfondo di valori (soprattutto costituzionali), dei quali lo Stato dovrebbe essere incarnazione ed attuazione, ed evoca il carattere fondante e ordinatore delle strutture organizzative preposte alla tutela del bene comune.
In buona sostanza, le istituzioni non sono altro che la sintesi dei principi giuridici fondamentali dello Stato e gli stessi organismi politico-costituzionali che li esprimono.
Una visione delle istituzioni al passo con i tempi non può rimanere ancorata ad una dimensione esclusivamente morale, ma deve necessariamente proiettarsi in una ottica di risultati.

E allora, dov’è l’incrocio tra scopi e valori, tra prassi ed etica, nelle istituzioni?

Il primo grande intellettuale, che si è occupato di burocrazia in termini di modernità, è Max Weber, che proprio a proposito della macchina pubblica fece applicazione della idea di “razionalità strumentale”, ossia l’«agire razionale rispetto allo scopo».
Così scopriamo il primo raccordo tra l’agire pratico delle istituzioni ed il dover essere, agire che non è cieco ed indifferente ai valori, ma va orientato verso quei fini rintracciabili nella Carta Costituzionale, unica stella polare, che deve guidare la condotta dell’uomo pubblico.

Tuttavia, la vera radice della tenuta delle istituzioni è, sempre per rifarci a Weber, l’etica della responsabilità.
Non basta l’agire orientato verso uno scopo. Deve trattarsi pure di una condotta consapevole degli effetti causali, dei quali si deve rendere conto, rispondere, pena l’applicazione di sanzioni.

Il principio di responsabilità deve essere il cardine della vita delle istituzioni.

Spesso capita, nella quotidianità del mio lavoro, che un cittadino bussi alla mia porta lamentandosi delle lungaggini del processo. Ho un metodo abbastanza efficace per fargli sbollire la rabbia. Con calma gli spiego, citandogli le statistiche del mio lavoro, che io ce la metto tutta per accelerare i processi, ma che i tempi alla fine scontano le inefficienze del sistema. E allora concludo. Il tribunale è come l’ospedale. Non si deve attendere di averne bisogno per scoprire sulla propria pelle che non funziona. Occorre vigilare costantemente e preventivamente sulla gestione di istituzioni così importanti per la vita del cittadino. Solo così, quando si dovrà ricorrere alla giustizia o alla sanità, si troverà la risposta adeguata alle proprie necessità.

Ecco, il principio di responsabilità serve a questo.
Oggi, lo si traduce, per le pubbliche amministrazioni, con il concetto anglosassone di “accountability”.
Per rispondere è opportuno, innanzitutto, rendere conto.
Noi cittadini dovremmo pretendere dagli uomini delle istituzioni, da un presidente di un tribunale o da un direttore di ospedale, il bilancio sociale annuale, in cui dimostrare, anno per anno, dati alla mano, i risultati concreti raggiunti, raffrontandoli con gli obiettivi posti.
Il bilancio sociale non è un arido documento contabile-finanziario, è il rendiconto della responsabilità sociale di un ente pubblico. Ogni cittadino ha diritto di conoscere quale vantaggio o costo abbia l’azione pubblica sulla collettività. È strumento di democrazia partecipativa.

Il principio di responsabilità, però, per funzionare esige cittadinanza attiva, presuppone controllori attenti e propositivi 365 giorni l’anno, soggetti informati che non firmano deleghe in bianco.
Il contraltare della responsabilità è il controllo sociale, politico, giuridico, morale, provvisto di sanzioni adeguate.
Non esiste responsabilità senza sanzione. Come ha saggiamente notato Jacques Derrida, la responsabilità è inscindibile dalla imputabilità, ossia dalla chiara individuazione dell’individuo responsabile. Gli uomini delle istituzioni devono metterci la faccia nel rendere conto delle loro azioni. La distribuzione delle competenze non può essere caotica ma deve essere netta e precisa.
Responsabilità-cittadinanza attiva-controllo sociale-sanzione-imputabilità.

Chiudo con due pensieri.
Uno è mio.
Ai tempi del coronavirus, mi viene da dire che bisogna esigere ospedali efficienti in temi di pace per non stupirsi, tardi, del loro malfunzionamento in tempi di guerra. Non delegare. Essere sempre cittadini attivi.
Il secondo lo prendo a prestito dal grande teorico del principio di responsabilità, il filosofo tedesco Hans Jonas.
Agisci in modo tale che gli effetti della tua azione siano compatibili con la continuazione di una vita autenticamente umana“.

Image credit: Quinn Kampschroer da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse