IL GIORNO DOPO

Lasciateci vivere

di Massimo Corrado Di Florio

Cosa ci ha lasciato e cosa ci lascia un virus. Niente, un assoluto niente. Cosa ci ha lasciato e cosa ci lascia questa pletora di esperti. Niente. Se non un florilegio di norme e normucole insieme ad un esercito di sceriffi impazienti di far sentire la propria voce.

Anche le pulci hanno la tosse, si diceva un tempo. Ecco, sì, pulci che tossiscono e fanno brillare le loro stelle di latta rilucidate per l’occasione. Cosa ci ha lasciato e cosa ci lascia questo pantano di disposizioni. Un sacco di tempo che abbiamo dovuto sprecare per capire, per inventare sotterfugi, per sfuggire da questo leviatano parternalista e educativo. Ci hanno costretti a impiegare la nostra libertà per districarci in questo ginepraio di false promesse e di altrettanto false informazioni. Magari non per cattiveria ma solo per inettitudine.

Si, vabbè, è l’emergenza. Ma quanto è durata questa emergenza madre degenere di iniziative prive di senso. Autocertificazioni e distanziamenti. Mascherine e bugie. Abbiamo tutti usato il tempo per sopravvivere ad un padre spaesato, improvvisato. Incompetenza di gregge e abbandoni senza responsabili.

Lasciateci vivere e, anche se può sembrare forte, lasciateci perfino morire. Ma, per favore, smettetela di giocare con la nostra dignità. Nessuno è più credibile. Va tutto in malora: è la disperazione che, alla fine, guiderà le scelte. Lasciateci vivere.

E basta con i “non crediate che sia un tana liberi tutti”, o con gli ossessivi “andrà tutto bene”. I pedagoghi e i precettori istituzionali si moltiplicano ed è facile immaginare che questa incontrollata partenogenesi di educatori improvvisati finisca con l’eliminare del tutto perfino il concetto stesso di territorialità di un potere democraticamente esercitato. I molti, i troppi luoghi di esercizio del potere rendono il potere stesso completamente privo di luogo.

Lasciateci scegliere dunque anche la nostra disperazione esattamente come quando ognuno di noi liberamente sceglie come e se gestire un proprio lutto e un proprio personalissimo dolore.

La traccia peggiore che può lasciare questa pandemia è l’esaltazione ipsocentrica del comandante in capo (o dei tanti piccoli comandanti in capo). L’enfatizzazione di “Ego”, di solito, fa a pugni col buon senso del potere dotato di senso. Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria.

Pic.: Il giorno dopo, Massimo Corrado di Florio, 2020

#TOPICS: ultimi articoli

Mobilitiamo le nostre coscienze

Roberto Giovene di Girasole Ebru Timtik era un’Avvocata valorosa, impegnata in molti processi in difesa di lavoratori e difensori dei diritti umani

Leggi l'articolo

Daniela Baldassarra

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Piero Di Domenicantonio e Anna Paola Lacatena

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020

Leggi l'articolo

Binomio violento

Ida Grimaldi
È cruciale guardare a questi due volti della violenza come a un unico problema sociale cui dare una risposta integrata, superando la speranza che un partner violento sia comunque un buon padre

Leggi l'articolo

Giusy Frallonardo

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Francesca Palumbo

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Arianna Ninchi

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Deborah Alice Riccelli

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Sopravvissuta

Giovanna Fava
Nonostante la Cassazione abbia definitivamente condannato l’autore, ancora oggi la mia ferita rimane aperta, in una condizione di sospensione e attesa

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minata la negoziazione assistita

Pubblicato in |

Roberta Valente
Il procedimento negoziato di separazione, divorzio e modifica delle condizioni di separazione o divorzio non esiste più

Una condanna categorica

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Con il concetto di alienazione parentale viene screditata la testimonianza dei bambini nei casi di violenza in famiglia o di abusi sessuali incestuosi

Daniela Baldassarra

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Ordini professionali e trasparenza amministrativa

Pubblicato in |||

Giovanni Pansini
La pubblicazione dei dati effettuata dal C.N.F realizza una corretta applicazione dei principi di trasparenza di cui alla normativa vigente

Revenge?

Pubblicato in |||

Pietro Buscicchio
Questa cultura patriarcale, plasmata e raffinata in millenni di dominio maschile, è malata ma non chiede aiuto

Piero Di Domenicantonio e Anna Paola Lacatena

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020

Binomio violento

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
È cruciale guardare a questi due volti della violenza come a un unico problema sociale cui dare una risposta integrata, superando la speranza che un partner violento sia comunque un buon padre

Giusy Frallonardo

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Francesca Palumbo

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Arianna Ninchi

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Idee in movimento

Pubblicato in |||

Serenella Molendini
Mettere la cura al centro significa riconoscere (ma anche redistribuire) il lavoro di chi quotidianamente si “prende cura” per promuovere benessere individuale e collettivo

La Costituzione si è mossa

Pubblicato in |||

Tania Groppi
L’esperienza ci mostra che la consapevolezza di avere diritti deriva spesso dalla sensazione di ingiustizia che scaturisce da una violazione