Libertà di non amare

Libertà di non amare

di Andrea Mazzeo (Psichiatra)

I Tribunali devono accettare che il bambino, come qualsiasi adulto, ha diritto di scegliere le persone con le quali vuole o non vuole convivere. Mezzi coercitivi, come l’intervento delle forze di polizia, negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano: la libertà di amare o di non amare.
Non è compito del potere giudiziario imporre sentimenti e affetti, ed esigere la perfezione morale dai cittadini.
Questo non significa negare che ci siano padri e madri che strumentalizzano il bambino e si comportano con mancanza di etica durante il divorzio, ma non si può “prendere una parte per il tutto” (fare di tutta l’erba in fascio), né usare le forze di polizia e giudiziarie per risolvere problemi morali e relazionali.
Questo significa punire il bambino per gli errori dei genitori.
È preferibile che questi casi siano decisi alla luce di regole pragmatiche e di buon senso, tenendo presenti i limiti dell’intervento dello Stato nella famiglia e rispettando la relazione del bambino con la sua persona di riferimento, così come la sua integrazione nel suo ambiente naturale di vita“.

Si tratta della conclusione di un interessante articolo scritto da una giurista portoghese, la D.ssa Maria Clara Sottomayor, pubblicato sulla rivista Julgar (Uma análise crítica da síndrome de alienação parental e os riscos da sua utilização nos tribunais de família, Julgar, n. 13 del 2011).
Laureata in Diritto presso l’Università Cattolica Portoghese della città di Porto, ha poi conseguito un Master in Scienze giuridiche presso l’Università di Coimbra e successivamente il Dottorato in Diritto Civile all’Università di Porto; dal 1989 al 2012 è stata docente di Diritto presso la stessa Università. Nel 2012 è stata nominata Giudice Consigliera del Supremo Tribunale di Giustizia (la nostra Corte di Cassazione), incarico rivestito sino al 2016, quando viene eletta Giudice del Tribunale Costituzionale. Autrice di numerosi articoli e libri sul Diritto di famiglia e sui diritti dei minori.

Perché questa citazione?

Il perché è molto semplice. Sempre più spesso le cronache riportano casi di bambini prelevati, su disposizione dell’autorità giudiziaria, con autentici blitz psico-socio-polizieschi e collocati in comunità per minori.
Bambini la cui unica “colpa” per così dire, è quella di rifiutare la relazione con un genitore, di solito, ma non sempre, il padre. Dico non sempre perché nella mia casistica, che ammonta a oltre cento casi di rifiuto dei minori verso un genitore, in cinque casi il rifiuto è verso la madre.

Bambini che non vengono ascoltati dai giudici, in barba alle convenzioni internazionali in materia; ascolto delegato dai giudici ai CTU i quali, pur essendo perfettamente a conoscenza che il motivo del rifiuto, così come testimoniato dai bambini stessi, è la violenza, quando non gli abusi sessuali subiti proprio da parte del genitore che loro rifiutano, ritengono pre-giudizialmente e senza prove, che i bambini siano stati manipolati psicologicamente dall’altro genitore.

Non c’è nessuno, quindi, che voglia “farla pagare ai padri“, per riprendere il titolo di un recente articolo pubblicato sul quotidiano Il Dubbio. Se tutelare i minori da violenza e abusi sessuali viene letto da alcuni come “farla pagare ai padri” siamo evidentemente in presenza di serie difficoltà di comprensione.

di Andrea Mazzeo su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/attualita/il-rifiuto-del-minore/12477/2020/

Image credit: Ulrike Mai da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Il CTU: ipse dixit?

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza