Monterosso, l’isola perduta

Monterosso, l’isola perduta

di Antonino Greco (Presidente Archeoclub Bari)

Monterosso è il nome che individua un’isolotto ormai scomparso nel mare di Levante a Bari, in prossimità del Fortino e dirimpetto alla Basilica del Santo Nicola.
In campo marinaro e nautico gli viene attribuito anche il termine di “pendino” mentre nella cartografia nautica anche più recente è individuato con il termine di “secca”.

Nella memoria della Città vecchia si associa, al “Monterosso”, una antica tradizione che ritiene l’isolotto essere il luogo su cui sorgeva una chiesetta dedicata a Sant’Antoni Abate, poi abbandonata dai monaci Antoniani in quanto pericolosamente esposta alle mareggiate e quindi a rischio di crollo.
Sempre secondo tale tradizione rimarrebbe ancora visibile sul fondo del mare il campanile di detta Chiesa che farebbe udire i suoi rintocchi di campane in occasione di pericolose burrasche, tempeste o mareggiate.

Il tema non ha mai rivestito particolare interesse tra gli studiosi tanto che poche risultano le documentazioni di quanti si sono occupati della storia di Bari, ad eccezione di taluni cenni, già a partire dal XVIII secolo, su tale “anomala” presenza lungo la costa di Bari.
Più recentemente Vito Melchiorre scrive una breve nota riassumendo le conoscenze e gli studi invero poco approfonditi riportando anche le precedenti segnalazioni di Emanuele Mola e di Petroni.

Per un semplice caso fortuito, mi sono imbattuto in una planimetria della Città di Bari datata XV secolo appartenente alla collezione Lemos (un gruppo di tavole illustrative delle maggiori città del Regno) sulla quale veniva riportata la forma e la posizione dell’isola in prossimità del molo di Sant’Antonio.
Alla sorpresa ha poi fatto seguito il desiderio di meglio approfondire l’argomento e così, trascinato più dalla curiosità che non dal bisogno di sviluppare uno studio sistematico, ho dedicato questi ultimi tre anni alla raccolta di varia documentazione d’Archivio e nell’ultimo periodo anche all’acquisizione di cartografie antiche, a partire da quelle del XIX secolo, a ritroso, per osservare eventuali riporti nautici dell’isola di Monterosso.

Una brevissima sintesi delle attuali ricerche dimostra come l’isola fosse già parzialmente sommersa a partire dal 1600 pur con parti significative in emersione oggetto di interventi di ripristino funzionale delle sovrastanti infrastrutture portuali.
Monterosso infatti non ha verosimilmente mai ospitato una Chiesa (forse solo una cappella) ma al contrario è stata sede di un presidio militare (un fortilizio) per il controllo agli accessi portuali.
La sua funzione di “molo” di un Porto antico di Bari era nota anche all’Architetto Gimma che ne riporta la dicitura in una sua tavola del 1815 con uno schizzo alquanto rozzo del “Molo Antico Rovinato”.

L’isola dunque rappresentava l’estremo limite di un braccio portuale collegato alla terraferma mediante una serie di isolotti su cui poggiano le attuali strutture edilizie dei fabbricati posti a margine di via della Dogana nonché le fondamenta della Torre di Sant’Antonio poi divenuto Fortilizio militare all’epoca di Gianni Antonio del Balzo Orsini ed infine Ingresso alla Dogana nella nuova riconfigurazione del molo posto questa volta a presidio del Porto Vecchio (attuale specchio marino del Margherita).

Nella sua configurazione seicentesca e forse ancora prima Monterosso, con almeno un altro isolotto accostato, costituiva dunque un ostacolo ed un presidio all’ingresso delle imbarcazioni navali nell’antica rada portuale di San Nicola (Porto di Levante) che si contrapponeva alla già esistente rada del castello (Porto di Ponente).
Tale funzione è registrata sulle antiche cartografie almeno fino ai primi anni del 1700.

Sono a me note almeno tre raffigurazioni di tale Porto realizzate tutte nel secolo XVII (la più recente porta la data della pubblicazione 1703).
Nello stesso secolo i Veneziani coinvolti in numerose vicende belliche, in contrapposizione principalmente con Spagnoli e Turchi, decreteranno la distruzione del Porto di San Nicola che già alla fine della prima metà del 1600 risulta inagibile.

Il preesistente porto di San Nicola, attivo già da epoca classica e romana (rinvenimenti archeologici in mare ne attestano la frequentazione già dal VII sec a.C.), nel periodo medioevale assurge a principale porto della città (di fatto dopo l’arrivo delle ossa di San Nicola e la realizzazione della Basilica) con una frequentazione ininterrotta almeno fino al XIV – XV secolo.

La costruzione di nuove imbarcazioni e navi di maggiore dimensione e la presenza degli ostacoli all’imbocco (Isola di Monterosso ed altre) rendono problematico l’attracco tanto che ne viene consigliato lo stazionamento fuori della rada (pinti di ancoraggio esterni al Porto) come riportato su numerose cartografie nautiche dell’epoca.

Dopo la prima metà del XVIII secolo, l’area Portuale viene traslata più a sud (Porto vecchio) confinata tra il Molo di Sant’Antonio ed il Molo di San Nicola.
Gli interrimenti portuali in questa nuova collocazione decreteranno il definitivo spostamento nuovamente ad ovest, a partire dalla Punta di santa Scolastica e così, con la posa della prima pietra nel 1855, viene ricollocato in forma definitiva il Porto di Bari.

Leggi l’approfondimento: LA RADE DEVANT BARRI.pd

Pic.: Antonio Doumas da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

surfisti poeti

di Nicola Lopez (Giurista d’impresa in Roma)
I surfisti assorbono l’energia di un’onda, assecondandola per trasformarla in guizzi cinetici

Leggi l'articolo

Se questa è una canzone

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
Le storie si ripetono. Non saranno le leggi a fermarle, né i porti chiusi, né i porti troppo aperti

Leggi l'articolo

Un CCNL per la nautica da diporto

di Roberta Caragnano (Avvocata in Taranto)
Secondo le stime dell’OECD, a partire dal 2030, le industrie del mare hanno il potenziale per superare l’economia globale nel suo complesso sia in termini di valore aggiunto sia di occupazione

Leggi l'articolo

La via della seta, rischi e benefici

di Ugo Patroni Griffi (Presidente dell’autorità portuale dell’Adriatico Meridionale)
La moderna “Via della Seta” non ha niente a che vedere con l’epopea di Marco Polo o di Matteo Ricci

Leggi l'articolo

Breve diario di un morto per mare

di Massimo Corrado Di Florio
Il mare affascina senza mai raccontare e ci convince, col suo silenzioso e costante movimento, che è proprio nel suo non raccontare che risiede il suo fascino

Leggi l'articolo

Mondo di m…

di Enzo Varricchio
L’ieri era meglio dell’oggi? Almeno nei Cinquanta/Duemila c’erano i sogni. Ora sono rimasti solo gli incubi.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

TROJAN

Pubblicato in |

Non intendo cascare nella fin troppo facile battuta. I figli,…

E’ nata Libra, moneta social

Pubblicato in ||||

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Se Libra venisse introdotta, potrebbe crearsi, in un battito di ciglia, un grande mercato globale digitale di quasi 2,5 miliardi di persone accomunato da una moneta unica

Oltre #MeToo

Pubblicato in ||||

di Serenella Molendini (Consigliera Nazionale di Parità supplente)
In occasione della 108° Conferenza Internazionale dell’Organizzazione Internazionale sul Lavoro approvate Convenzione e raccomandazione.

Del prestigio non resta che il gioco

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio

Canapa, in fumo i pregiudizi

Pubblicato in ||||

di Francesco Mirizzi (Policy advisor Copa – Cogeca in Brussell)
La canapa occupa regolarmente i primi posti dell’agenda politica degli Stati membri, come dimostrato dai recenti dibattiti sui negozi di cannabis light

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

Pubblicato in |

A cura della Redazione
A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Family in translation

Pubblicato in ||||

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF – Puglia)
Le famiglie sono condizionate, in larga misura, dai modelli economici e culturali prevalenti

DPO nel pubblico e nel privato

Pubblicato in ||||

di Francesco Tedeschi (Avvocato in Trani)
Il Regolamento stabilisce l’obbligatorietà della nomina del DPO per gli organismi pubblici e per le organizzazioni private a determinate condizioni

Benvenuto fisco forfetario (2° parte)

Pubblicato in ||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente U.N.CA.T.)
A seguito della modifica normativa, dal 2019 sono ammessi al regime forfetario gli ex praticanti che iniziano una nuova attività

Seminario informativo a Cagliari

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Crisi d’impresa, misure di allerta per prevenirla ed esdebitazione per contrastarla; seminario organizzato da Confcommercio – Sud Sardegna a Cagliari, 24 maggio 2019.

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Avvocato, disponiamo una CTU?

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Nei Tribunali ordinari si registra il sempre più frequente ricorso alle CTU per disciplinare l’affidamento dei minori.