Nazionalità terrestre

Nazionalità terrestre

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano – Presidente FronteVerso Network)

L’ho capito dall’asciugamano. L’ho capito dall’asciugamano che qualcosa è cambiato. Non più di microfibra, accarezzato e adagiato nel trolley vuoto, all’inizio del rituale per un bagaglio sempre più essenziale e lieve. Sottile e inseparabile compagno di viaggio di nuance italiana, talismano identitario di viaggi verso la gioia del mare.

Fatto sta che quest’estate, complice “no volo no trolley”, brum brum, l’adorata 500, si è incamminata con un bagaglio stranito: asciugamano morbidoso e avvolgente come un tempo e stock di mascherine come in questo tempo. E così, tra ieri e oggi, ecco il viaggio “con una valigia di perplessità”, come dice il poeta Paolo Conte, cercando per il domani, indizi, gravi, precisi e concordanti tra magiche intese, stelle cadenti e profumi inebrianti.

E dopo, al rientro, con che bagaglio siamo tornati ? Ora come ci sentiamo, intimoriti, frammentati ?

Il passo si fa incerto, decide e indietreggia da sé. La vicinanza, alle persone, alle cose, alle idee, può essere contagiosa. Il respiro torna regolare a distanza mentre si avvia ad arenarsi o a tornare a riva con onde troppo alte, prive di riparo oggi.

Puzzle troppo complicato da ricomporre, frammenti di un insieme da ridisegnare. Lo sguardo attento verso l’orizzonte e una tavolozza di colori per decifrare segnali, emozioni, desideri e sogni.

E’ ancora lontano il potere rassicurante dell’abbraccio che molto manca ovunque. Local e Global: il vento non ha confini, spettina “i frugali”, se la ride dei “sovrani”, corre veloce, gonfia le vele, si infila tra montagne e alberi in città, solleva cappelli, gonne ed ombrelli. Ha un’unica lingua, vede un unico popolo e lo sente chiamare “turista” se passa o “foresto” se resta.

E a noi viandanti cosa impedisce di essere cittadini del mondo, radicati per cultura e apolidi per scelta ?

Un passaporto di nazionalità terrestre, identiche impronte digitali segnate dalla finitezza del percorso comune, un confine come inizio di incontro e relazioni di rispetto.

Una umanità viva, non sedata né sobillata, ricca di foto, modi di dire, proprie tradizioni, comuni speranze e identiche paure.

Una umanità curiosa che sgama fake news e manipolazioni, cerca relazioni di rispetto, grazia e misura e preferisce l’aria pulita all’odore di chiuso. E sa che il chiavistello dei nazionalismi serve per chiudere chi è dentro, prima che affliggere chi è fuori.

Una umanità che canta. Canta di libertà e di solidarietà. E’ stato struggente sentir cantare, durante il lockdown, “Bella Ciao” dai vigili del fuoco inglesi, Fire Brigades Union, dedicata “dalla famiglia dei vigili del fuoco ai fratelli italiani”, come è toccante risentirla ora dalle migliaia di manifestanti in piazza a Minsk, in Bielorussia. E ci accompagna ancora, come lo ha fatto a lungo nella scorsa estate, l’immagine della anziana signora libanese al pianoforte che suona la melodia scozzese, “Auld Lang Syne”, tra le macerie dell’appartamento squarciato dall’esplosione a Beirut.

Più Unione, più voci, più colori attorno a regole e principi che dal 1948 il Continente, l’Europa e l’ONU hanno ribadito, posto a base di sentenze e di moniti, bagaglio essenziale della “famiglia umana”, come ci ricorda la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

A meno che, dopo i segnali inquietanti che continuano ad arrivare, non si voglia che “il bello dell’Essere Umani” rimanga solo un ritornello pubblicitario.

Image credit: www.life-framer.com

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa