Nazionalità terrestre

Nazionalità terrestre

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano – Presidente FronteVerso Network)

L’ho capito dall’asciugamano. L’ho capito dall’asciugamano che qualcosa è cambiato. Non più di microfibra, accarezzato e adagiato nel trolley vuoto, all’inizio del rituale per un bagaglio sempre più essenziale e lieve. Sottile e inseparabile compagno di viaggio di nuance italiana, talismano identitario di viaggi verso la gioia del mare.

Fatto sta che quest’estate, complice “no volo no trolley”, brum brum, l’adorata 500, si è incamminata con un bagaglio stranito: asciugamano morbidoso e avvolgente come un tempo e stock di mascherine come in questo tempo. E così, tra ieri e oggi, ecco il viaggio “con una valigia di perplessità”, come dice il poeta Paolo Conte, cercando per il domani, indizi, gravi, precisi e concordanti tra magiche intese, stelle cadenti e profumi inebrianti.

E dopo, al rientro, con che bagaglio siamo tornati ? Ora come ci sentiamo, intimoriti, frammentati ?

Il passo si fa incerto, decide e indietreggia da sé. La vicinanza, alle persone, alle cose, alle idee, può essere contagiosa. Il respiro torna regolare a distanza mentre si avvia ad arenarsi o a tornare a riva con onde troppo alte, prive di riparo oggi.

Puzzle troppo complicato da ricomporre, frammenti di un insieme da ridisegnare. Lo sguardo attento verso l’orizzonte e una tavolozza di colori per decifrare segnali, emozioni, desideri e sogni.

E’ ancora lontano il potere rassicurante dell’abbraccio che molto manca ovunque. Local e Global: il vento non ha confini, spettina “i frugali”, se la ride dei “sovrani”, corre veloce, gonfia le vele, si infila tra montagne e alberi in città, solleva cappelli, gonne ed ombrelli. Ha un’unica lingua, vede un unico popolo e lo sente chiamare “turista” se passa o “foresto” se resta.

E a noi viandanti cosa impedisce di essere cittadini del mondo, radicati per cultura e apolidi per scelta ?

Un passaporto di nazionalità terrestre, identiche impronte digitali segnate dalla finitezza del percorso comune, un confine come inizio di incontro e relazioni di rispetto.

Una umanità viva, non sedata né sobillata, ricca di foto, modi di dire, proprie tradizioni, comuni speranze e identiche paure.

Una umanità curiosa che sgama fake news e manipolazioni, cerca relazioni di rispetto, grazia e misura e preferisce l’aria pulita all’odore di chiuso. E sa che il chiavistello dei nazionalismi serve per chiudere chi è dentro, prima che affliggere chi è fuori.

Una umanità che canta. Canta di libertà e di solidarietà. E’ stato struggente sentir cantare, durante il lockdown, “Bella Ciao” dai vigili del fuoco inglesi, Fire Brigades Union, dedicata “dalla famiglia dei vigili del fuoco ai fratelli italiani”, come è toccante risentirla ora dalle migliaia di manifestanti in piazza a Minsk, in Bielorussia. E ci accompagna ancora, come lo ha fatto a lungo nella scorsa estate, l’immagine della anziana signora libanese al pianoforte che suona la melodia scozzese, “Auld Lang Syne”, tra le macerie dell’appartamento squarciato dall’esplosione a Beirut.

Più Unione, più voci, più colori attorno a regole e principi che dal 1948 il Continente, l’Europa e l’ONU hanno ribadito, posto a base di sentenze e di moniti, bagaglio essenziale della “famiglia umana”, come ci ricorda la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

A meno che, dopo i segnali inquietanti che continuano ad arrivare, non si voglia che “il bello dell’Essere Umani” rimanga solo un ritornello pubblicitario.

Image credit: www.life-framer.com

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il 25 novembre

Pubblicato in

Giornata contro la violenza sulle donne.Mondo assurdo. La violenza sulle…

THE END

Pubblicato in

Nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo c’è una immensità di cose…

Fughe, ricrescite e scolature

Pubblicato in

La Cina, quella della via della seta, chiude affari d’oro…

Ito

Pubblicato in

Massimo Corrado Di Florio
“Vivi, lascia vivere ma soprattutto… nun te fa pijà per culo.”

La giusta pena

Pubblicato in ||||

Franca Mina
La previsione di pene elevate astrattamente comminabili determina inevitabilmente un cortocircuito tra amministrazione della giustizia e senso di sicurezza dei cittadini

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio