Non è questione di nome

Non è questione di nome

di Andrea Mazzeo (Psichiatra)

Sul portale di informazione giuridica “FiloDiritto” è stato pubblicato, in data 11 settembre 2020, un documento dal titolo “Memorandum di 130 intellettuali, accademici e professionisti esperti in materia psicoforense”.
In questo documento si legge una definizione di problema relazionale che non corrisponde a quanto riportato in letteratura.
Vi si legge infatti: “Il DSM-5 definisce i problemi relazionali come modelli persistenti di sentimenti, comportamenti e percezioni che coinvolgono due o più partner in un importante rapporto interpersonale”.

Spiace per i firmatari di quel documento, ma questa definizione non è riportata nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (per brevità DSM-5).
Il DSM-5 tratta i problemi relazionali dalla pagina 831 alla pagina 833, nella sezione delle “Altre condizioni che possono essere oggetto di attenzione clinica”, quindi non tra i disturbi mentali che sono trattati nelle pagine precedenti.

Nel DSM-5 i problemi relazionali sono così definiti: “Le relazioni più importanti, specialmente relazioni intime tra partner adulti e relazioni genitore/caregiver-bambino, hanno un impatto significativo sulla salute degli individui in queste relazioni. Tali relazioni possono essere protettive e promotrici di salute, neutrali, oppure dannose per gli esiti della salute. All’eccesso, queste relazioni strette possono essere associate a maltrattamento o a trascuratezza, che hanno conseguenze significative a livello psicologico e medico per l’individuo coinvolto. Un problema può arrivare a presentarsi all’attenzione clinica sia come la ragione per la quale l’individuo richiede assistenza sanitaria oppure come un problema che influenza il decorso, la prognosi, oppure il trattamento del disturbo mentale oppure di un altro disturbo medico dell’individuo”.

Quale psichiatra ho ritenuto di dover precisare i termini della questione, del problema relazionale che è problema squisitamente tecnico, soprattutto alla luce della circostanza che nel memorandum citato la definizione fornita, oltre a essere inesatta, segue, nello stesso periodo, la frase: “È quindi sufficientemente acclarato che la PAS sia meglio definita come un disturbo del comportamento relazionale e non come una sindrome”.

Viene in questo modo a crearsi una facile associazione di idee tra il concetto di PAS, già ampiamente smentito dalla ricerca scientifica, e i problemi relazionali.

Come dire, non chiamiamola più PAS ma chiamiamola problema relazionale e la questione della non scientificità della PAS viene così risolta.
Come agevolmente si può vedere, nella definizione del problema relazionale il DSM-5 accenna a condizioni quali il maltrattamento e la trascuratezza, nelle relazioni interpersonali, ma non menziona affatto il presunto condizionamento della volontà del minore da parte di un genitore, che lo porterebbe a rifiutare la relazione con l’altro genitore.

Che si voglia far dire, a un testo scientifico, qualcosa che quel testo scientifico non menziona affatto è come pretendere, per esempio, di fare una lettura, come dire, solipsistica del codice penale sostenendo che sia un reato ciò che non vi è descritto come reato.

Image credit: Gerd Altmann da Pixabay

di Andrea Mazzeo su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/attualita/junk-science/12456/2020/

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Il CTU: ipse dixit?

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza